La poverella che sognava un residence

Nonostante gli inviti del Predente della Repubblica le polemiche su Palazzo Grazioli non tendono a diminuire.

Oltre alle uscite del Times, prontamente riprese dalla nostra stampa, (ne parlo a parte), El Pais esce con un intervista alla D’Addario riporata dai siti di Repubblica e del Sole 24Ore. (ma guarda un po’!).

Non dice nulla che già non sia stato detto ma val la pena di guardare, sì “guardare” più che ascoltare, l’intervista. Questo è il link

Dico “guardare” perché la nostra è una vera sex bomb, nei movimenti, negli atteggiamenti, nella voce , anche se l’intervista la vuol far passare come una poverella (“Io non ho denunciato nessuno, sono loro che son venuti a cercarmi” ..”Anche le persone che dicono di essere mie amiche in realtà non lo sono mai state”), vittima del suo sogno, quello di realizzare un progetto per il quale il padre si sarebbe (il condizionale è d’obbligo, chi mai lo farebbe?) suicidato. “Non per diventare ricca o per fare la bella vita”.

Racconta della prima serata, delle attenzioni particolari riservatele da Berlusconi e del compenso di 2.000 € “solo per la cena” (ammazzalo, che tariffe per una cena ….!!!!).

Dice che non voleva ritornare la seconda volta “non mi interessava”. Ma l’hanno illusa e ci è ritonata !!!

Non parla del compenso per la seconda serata, quella della notte intera, quella in cui l’avrebbe data gratis (una escort che la da gratis, ve l’immaginate?)

E ancor meno spiega perchè avesse con sé un piccolo innocente regiistratore. Per farne che? E’ uno strumento del “mestiere”? Sì, ma di quale mestiere? Di nastri, allora, ne avrà una bella collezione visto, che li conserva a lungo. O ha conservato questo nastro in particolare per un uso specifico?

In compenso l’intervistatore, Miguel, che tra l’altro parla italiano senza nessuna inflessione spagnola ….., pone molte domande indiscrete. Le minorenni, il presunto male del Presidente, la cocaina, le pastiglie blù, etc. Lei si tricera dietro “la magistratura” ma sorride, ammicca …., insomma una vera xxxxx (com’è che si chiamavano le escort, fino a qualche anno fa?)

In un passo dice ”So cantare, so ballare, so fare illusionismo, l’ho fatto per tanti anni”. Scommettiamo che la vedreno in TV?

Questa voce è stata pubblicata in Disinformazone e faziosità, Politica e sesso e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a La poverella che sognava un residence

  1. Pingback: Il potere delle donne « Frz40’s Blog

  2. Pingback: Patrizia all’ Isola? « Frz40’s Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...