Lo sterco e la carta stampata

giornali-1

Ho commentato a parte gli orgasmi giornalieri de “La Repubblica” ed altri articoli dello stesso giornale o di altri quotidiani.

Tutti improntati a gettare sterco su qualcuno.

Questo qui sotto è l”ultimo della serie:
agnelli

Purtroppo non sarà l’ultimo. Complimenti alla carta stampata. !!!.

Lo sterco non ha colore, povero me…..pensavo che fosse marroncino.

Aggiornamento di Lunedì 24 Agosto.

Purtroppo no. Non è l’ultimo e nemmeno quello sotto riportato lo sarà.

de benedetti

Finirà mai questo gioco al massacro, di tutto e di tutti, che lascia solo terra bruciata e spazio a giustizialisti di quart’ordine.?

Come quelli che stanno emergendo e comprano pagine sui giornali stranieri per gettare fango sul nostro Paese.

Che tristezza.

Questa voce è stata pubblicata in Disinformazone e faziosità, Politica e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Lo sterco e la carta stampata

  1. elisabetta ha detto:

    Caro frz,
    non ho capito il tuo disappunto sull’articolo del “il Giornale” che poneva due illustri nomi in competizione su quale dei due era più in peccato.
    Compro sempre “il Giornale” e ho letto anch’io quell’articolo e non mi pare che Vittorio Feltre abbia dato giudizi in merito. Premesso che quei “se” sul “tesoretto” Agnelli sono ancora da verificare, quindi nessuna accusa ancora può essere posta (e questo è ben precisato nell’articolo), egli ha solo ipotizzato che se tali “se” fossero stati indirizzati al “Cavaliere”, la stampa di sinistra non ne avrebbe certo tenuto conto, visto come ha agito per cause MOLTO, MOLTO, meno importanti.
    Comunque, in proposito a questo ipotetico scandalo, sono davvero curiosa di conoscerne gli sviluppi, ma che non siano le solite indagini lasciate a metà e poi dimenticate…. Chissà… forse… con l’aiuto delle banche svizzere!!!!! E se non ci saranno “peccatori” …. Onore a chi è stato ingiustamente indagato…..
    Inoltre J ricordati che lo sterco, più che dal colore dobbiamo riconoscerlo dall’ odore … J
    eli

    • frz40 ha detto:

      Mi spiace Elisabetta, non sono proprio d’accordo.

      La competizione su chi è più in peccato è come giocare “al meno” ad un gioco di carte. Non mi interessa chi ha peccato di più. Mi interessa chi ha fatto meglio.

      Questo andazzo di spostare i problemi su chi potrebbe anche aver fatto peggio è un modo fare che può solo portare al massacro di tutto e di tutti, lasciando solo terra bruciata e spazio ai giustizialisti di quart’ordine.

      Come quelli che stanno emergendo e comprano pure pagine sui giornali stranieri per gettare fango sul nostro Paese.

      E mi spiace che Feltri, che reputo persona intelligente, si presti pure lui a questo gioco dopo aver dichiarato di “essere insofferente ad ogni ordine di scuderia”. Certi “se” son peggio di certe affermazioni.

  2. Pingback: Giornalisti e futuro dell’informazione | | Lavoro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...