A proposito di dialetti

400px-Languages_spoken_in_Italy.svg

Ricevo da Elisabetta un commento al mio articolo “I Promessi Sposi in dialeto comasco”, che riporto più in basso e faccio, così, mio.

Questo per precisare che sono tutt’altro che contrario all’uso del dialetto. Ci sono ricchezze di linguaggio e di tradizione che sono un vero e proprio patrimonio del nostro Paese. Vivo a Torino e spesso, nei miei rapporti con gli amici, utilizzo espressioni o parole del dialetto piemontese, che sono uniche e insostituibili per l’ espressività di una frase e di un pensiero.

Credo che tutti amiamo il nostro dialetto ed è giusto che sia così. Ma non credo che il dialetto debba diventare materia di insegnamento. Ogni dialetto ha le sue regole grammaticali che sono pure difficili da imparare e richiedono accenti che solo chi è nato nel posto, da famiglia del posto, può avere. Mi vien la pelle d’oca al solo pensare che certe frasi siano dette con inflessioni di altre terre che ne storpiano ogni bellezza e significatività.

Così come mi sembra che certe iniziative abbiano solo carattere di platealità e cadano, seppur simpaticamente, nel ridicolo.

Questo il suo commento:

“Sono d’accordo che sarebbe opportuno saper parlare bene l’italiano ed eventualmente studiare qualche lingua straniera: il lavoro, la vita e le comunicazioni del mondo di oggi lo esigono sempre di più… Ma non trovo scorretto mantenere anche la conoscenza dei nostri dialetti: alcuni potranno sembrare meno simpatici di altri e forse la gamma dei lombardi è tra questi. Conosco abbastanza bene la parlata dialettale comasca e meglio ancora quella dell’alto lago, essendo mio marito nato in quei luoghi e devo ammettere non è un dialetto dolce come il veneto o divertente come il napoletano, ma è sempre uno dei numerosi dialetti italiani e per i lariani è certamente il più bel dialetto d’Italia… Certo non si deve esagerare perchè si rischia di cadere nel ridicolo, come il caso che tu hai citato nel tuo articolo.

Del resto ogni regione è fiera del proprio dialetto e ci sono regioni, quali il Veneto e il Friuli Venezia Giulia, dove il dialetto è di norma usato da tutti: per le strade, nei locali pubblici e anche negli uffici si sentono giovani , anziani, professionisti, semplici impiegati e operai che parlano il dialetto…..e che dire della regione Sardegna??? Io ci vivo per alcuni mesi dell’anno e avendo viaggiato al suo interno ho notato che all’entrata di ogni paese si leggono sempre due nomi: uno in lingua italiana, l’altro in dialetto sardo e a volte anche alcune scritte e indicazioni pubbliche sono in dialetto: trovo che sia un modo di affermare le proprie origini e sentirsi fieri di questo idioma che è forse quello che più di ogni altro ricorda le nostre origine latine.

Insomma i dialetti non si devono dimenticare: essi sono l’espressione delle nostre radici e a volte molte di queste espressioni riescono in determinate situazioni a rendere meglio il concetto e il vero sentimento del momento.

Il dialetto lo troviamo i numerosi campi anche artistici: nella musica, nel teatro e, se vogliamo citare il famoso detto in milanese di Antonio Scesa col suo “tirem innanz”, anche nella storia.

Le forme dialettali sono state usate dai nostri antenati nei proverbi che sono sempre ancora oggi citati e a volte, soprattutto quelli rurali e metereologici, più affidabili della moderna tecnologia.

Come non ricordare le belle canzoni napoletane: “O sole mio”, “Anema e core”, la milanese (tanto per citare quella della mia città) “ O, mia bella madonnina”, e le commedie? Govi l’indimenticato genovese, Cesco Baseggio con le sue commedie goldoniane, i fratelli De Filippo, l’ancora attuale milanese Piero Mazzarella, e poi il dialetto nella poesia: Carlo Porta, Pasolini, Trilussa, Belli, Di Giacomo, Totò….. (quelli che più in questo momento mi vengono in mente, ma ce ne sono molti altri)…

Insomma il dialetto è una ricchezza che non si deve sprecare, non si deve abbandonare e si deve custodire come si custodiscono i tesori artistici e le reliquie del passato….

Ma si….. teniamoci cari i nostri dialetti e come terminare questa bella chiacchierata se non con una delle poesie dialettali, una di quelle che più amo.

La livella

Ogn’anno, il due novembre, c’è l’usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll’adda fa’ chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn’anno puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch’io ci vado, e con i fiori adorno
il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza

St’anno m’è capitata ‘n’avventura…
dopo di aver compiuto il triste omaggio
(Madonna), si ce penzo, che paura!
ma po’ facette un’anema ‘e curaggio.

‘O fatto è chisto, statemi a sentire:
s’avvicinava ll’ora d’ ‘a chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

“QUI DORME IN PACE IL NOBILE MARCHESE
SIGNORE DI ROVIGO E DI BELLUNO
ARDIMENTOSO EROE DI MILLE IMPRESE
MORTO L’11 MAGGIO DEL ’31.”

‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto…
… sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;
tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore
nce steva n’ata tomba piccerella
abbandunata, senza manco un fiore;
pe’ segno, solamente ‘na crucella.

E ncoppa ‘a croce appena si liggeva:
“ESPOSITO GENNARO NETTURBINO”.
Guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! ‘Ncapo a me penzavo…
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s’aspettava
ca pure all’atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s’era ggià fatta quase mezanotte,
e i’ rummanette ‘chiuso priggiuniero,
muorto ‘e paura… nnanze ‘e cannelotte.

Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…
Penzaje; stu fatto a me mme pare strano…
Stongo scetato … dormo, o è fantasia?

Ate che’ fantasia; era ‘o Marchese:
c’ ‘o tubbo, ‘a caramella e c’ ‘o pastrano;
chill’ato appriesso’ a isso un brutto arnese:
tutto fetente e cu ‘na scopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro…
‘o muorto puveriello… ‘o scupatore.
‘Int’ a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:
so’ muorte e se retireno a chest’ora?

Putevano stà ‘a me quase ‘nu palmo,
quando ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,
s’avota e, tomo tomo… calmo calmo,
dicette a don Gennaro: “Giovanotto!

Da voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono un blasonato?!

La casta e casta e va, si, rispettata,
ma voi perdeste il senso e la misura;
la vostra salma andava, si, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la vostra vicinanza puzzolente.
Fa d’uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente”.

“Signor Marchese, nun è colpa mia,
i’ nun v’avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie b stata a ffa’ sta fessaria,
i’ che putevo fa’ si ero muorto’?

Si fosse vivo ve farrie cuntento,
pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse,
e proprio mo, obbj’… ‘nd’a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n’ata fossa.”

“E cosa aspetti, oh turpe macreato,
che 1’ira mia raggiunga 1’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei gih dato piglio alla violenza!”

“Famne vedé… piglia sta violenza…
‘A verità, Marché’, mme so’ scucciato
‘e te senti; e si perdo ‘a pacienza,
mme scordo ca so’ muorto e so’ mazzate!…

Ma chi te cride d’essere… nu ddio?
Ccà dinto, ‘o vvuò capì, ca simmo eguale?…
… Morto si’ tu e muorto so’ pur’io;
ognuno comme a ‘n’ato è tale e qquale.”

“Lurido porco!… Come ti permetti
paragonarti a me ch’ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?”

“Tu qua’ Natale … Pasca e Ppifania!!
f T’ ‘o vvuo’ mettere ‘ncapo… ‘int’ ‘a cervella
che staje malato ancora ‘e fantasia?…
‘A morte ‘o ssaje ched’e”…. e una livella.

‘Nu rre, ‘nu maggistrato, ‘nu grand’ommo,
trasenno stu canciello ha fatt’ ‘o punto
c’ha perzo tutto, ‘a vita e pure ‘o nomme
tu nun t’he fatto ancora chistu cunto?

Percio, stamme a ssenti… nun fa’ ‘o restivo,
suppuorteme vicino – che te ‘mporta?
Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
nuje simmo serie… appartenimmo â morte!”

Questa voce è stata pubblicata in In Italia questo e altro e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

2 risposte a A proposito di dialetti

  1. marisamoles ha detto:

    Bello questo post e anche il commento di Elisabetta. La proposta della Lega di somministrare i test sui dialetti ai docenti è una chiara provocazione, ovviamente nei confronti dei molti docenti del sud che “migrano” al nord all’inizio di ogni settembre. Ma, a parte le provocazioni, l’uso del dialetto è vario nelle diverse regioni, come hai tu stesso detto. Non solo: quando si usa l’idioma locale, spesso lo si fa d’istinto, senza neppure la sicurezza di usarlo correttamente. Io, ad esempio, con i miei genitori parlo in triestino, ma mio papà è originario di Napoli e mia mamma della Sicilia. Tutti in famiglia abbiamo “imparato” il dialetto ascontandolo ma non siamo certi di usarlo, a livello lessicale soprattutto, nella maniera più corretta. Vivendo a Udine, il friulano -che qui è considerato lingua a tutti gli effetti- lo capisco, ma non so mettere in fila tre parole per formare una frase. E poi le varietà sono talmente tante che è impossibile imparare il Friulano, semplicemente perché non esiste. Ma l’italiano, lingua nazionale, esiste ed è codificata. Qui sta la differenza.
    Meglio esprimersi correttamente in lingua che fare figuracce parlando in dialetto se non lo si conosce bene. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...