Craxi boulevard

Come ormai d’abitudine non si perde occasione da un lato di cercar grane e dall’altro di dar fuoco alle polveri della polemica con toni e atteggiamenti da curva degli ultras.

Chi è andata a cercar grane questa volta è Letizia Moratti con la proposta di intitolare una strada, un parco o un altro luogo di Milano a Bettino Craxi; l’ultras è, tanto per cambiare, Antonio Di Pietro del quale tutti i quotidiani hanno riportato le vomitevoli dichiarazioni che vi risparmio.

Io mi chiedo che fretta c’era da parte di Donna Letizia di inventarsi questa cosa e se se la sia inventata da sola; comunque sia, non è servita certo a rasserenare il violento clima conflittuale che regna ancora e pur sempre nel nostro Paese.

Due sono gli articoli di stampa che mi sembrano meglio definire il quadro della situazione.

Uno è questo (link) di TG Com che riporta le posizioni un po’ di tutti i partiti e tra l’altro si chiede come mai tacciano il Senatour e il PD(ricordando, peraltro, le passate riabilitazioni di Fassino che inserì Craxi nel ”Pantheon” del partito e di Veltroni per il quale Craxi ”innovo’ piu’ di Berlinguer”).

Il secondo è questo (link) di Massimo Gramellini su La Stampa che guarda alla ”rissa che si è di nuovo scatenata intorno allo scheletro per mere ragioni di bottega” riconosce che “Comunque la si pensi, il personaggio esce ingigantito dal paragone con i nani dell’attualità”, afferma che “ anche il riconoscimento più entusiasta delle sue qualità politiche non può passare sopra una considerazione semplicissima: si tratta di un uomo che morì in contumacia dopo che la magistratura, in nome del popolo italiano – cioè nostro – lo aveva dichiarato colpevole di corruzione” e, infine conclude con “riterrei più giusto lasciare la figura del politico Craxi al giudizio degli storici e dedicare una via di Milano alla poetessa incensurata Alda Merini”

Giusto. Tacciano un po ‘tutti, e lascino al giudizio degli storici il compito di ripercorrere quegli anni, senza troppa fretta. Penso che avremo delle sorprese, anche su chi ha costruito la propria carriera politica sull’intimidazione e sul giustizialismo.

In ogni caso, sarà forse perché di poitici morti poveri non ne ricordo nessuno, eviterei di intestare strade e piazze alla loro memoria.

Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Craxi boulevard

  1. elisabetta ha detto:

    Dalla tua foto (l’Arco di Trionfo di Parigi) ho creduto che fosse la Francia a voler dare il nome di Craxi ad un suo viale o parco…. invece l’ha proposto il nostro sindaco Letizia Moratti….

    Francamente anche a me pare una idea non consona al momento e nemmeno abbastanza maturata nel tempo. Molti altri personaggi meriterebbero questo onore e sarebbe giusto non scavalcare le priorità.

    PS…. Vedo che sul tuo blog nevica…. È voluto o è il mio PC che piange????

  2. Vincenzo ha detto:

    Grande Craxi!!! Sotto il suo illuminato governo questo “martire”, morto lontano (per sfuggire alle patrie galere), era riuscito a raddoppiare il debito pubblico italiano!
    Grande! Tumuliamolo in Campidoglio tra i Padri della Patria e onoriamolo nei libri scolastici alla voce: Corruzione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...