Le sculacciate fanno bene?

Le sculacciate fanno bene?

Non lo so, ma a volte scappa proprio la pazienza.

E’ quel che è successo al Papà Leone che ha letteralmente ‘inghiottito la testa’ del suo cucciolo, per qualche minuto.

La notizia di fonte IGN-Adnkronos ci arriva dallo zoo di San Diego. (link)

“Abbiamo temuto il peggio – hanno detto i guardiani – soltanto dopo qualche attimo ci siamo accorti che era un modo per spiegare al figlioletto di non farlo più”.

Scommettiamo – questo è il commento – che il leoncino non rifarà quello che ha fatto arrabbiare papà?

Questa voce è stata pubblicata in Emozioni, pensieri, riflessioni e ricordi e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

14 risposte a Le sculacciate fanno bene?

  1. elisabetta ha detto:

    Che bell’esempio di madre – educatrice…. Eh, si…” quando ce vo’ ce vo’ “ e gli animali che seguono un naturale istinto, si comportano nel modo che reputo più giusto, andando così contro le teorie che la moderna psicologia pediatrica umana ci ha propinato….

    Voglio a questo proposito riportare un piccolo recente aneddoto.

    Questa estate mi trovavo in Sardegna in visita in casa di amici, eravamo seduti all’esterno della loro abitazione che aveva un grande giardino non circoscritto da recinzione, quindi aperto agli animali di passaggio.
    Ad una certa ora sono arrivati in giardino 4 cinghiali: la madre con 3 piccoli, tanto piccoli che ancora avevano la rigatura nel manto.
    I miei amici erano usi a questa intrusione giornaliera che aveva il solo scopo di cercare cibo, già pronto da dispensare .
    Dopo il pasto i cuccioli hanno cominciato a giocare, ma nel gioco uno di loro, più invadente e litigioso degli altri è stato da mamma-cinghialessa (cinghialessa si dice?) ammonito, e sai come?
    In un primo tempo con qualche musata per dividere i litiganti, poi, visto che il “cinghiale-pierino” non demordeva a quegli inviti, gli ha dato una musata più forte tanto che il piccolo che si trovava sopra l’alzata di un muretto, è stato scaraventato al di sotto, finendo a gambe all’aria, e dopo una scrollata ha messo la (si fa per dire) coda tra le gambe e mogio-mogio è tornato nel gruppo.

    Come vedi anche fra i cinghiali le madri sanno fare le madri…. e punire anche con qualche gesto che può sembrate (ma non è) violenza, è ammesso dalla natura che…. che ne dicano gli psicologi è la sola vera maestra di vita.

    🙂 🙂 🙂

  2. Vincenzo ha detto:

    Sono d’accordo! Ma attenzione…uno scapellotto… uno schiaffetto…… magari con due dita…a volte valgono come livello estremo di “disconferma”.
    Io penso che l’unico grave errore sia perdere il controllo mostrando rabbia.
    In questo caso il gesto sarebbe “letto” come sfogo isterico e di educativo non avrebbe nulla, anzi, verrebbe giustamente interpretato come un cedimento di nervi…. rivelatore di isteria e quindi di perdita di controllo del genitore, il che nulla avrebbe a che vedere col suo compito educativo.
    A queste condizioni concordo che ..quando ce vò…ce vò.

  3. Vincenzo ha detto:

    Punti di vista….è esattamente il contrario di quello che sostengono in linea di massima gli esperti.
    Con tutto ciò chi è senza peccato…..non confondiamo le attenuanti circostanziali con quello che dovrebbe essere il comportamento consigliabile.
    Normalmente ricorrere a sistemi “reattivo-adattativi”,e non solo su questo argomento, esclude in buona parte la ragione, il che è sempre pericoloso.

  4. Vincenzo ha detto:

    Caro Franco, é mai possibile che si faccia così fatica a spiegarsi?
    Non ho mai detto che si debba ritardare l’intervento educativo rimandando ad altra data la sanzione…a freddo per intenderci.
    E allora perchè non fissare un giorno alla settimana ad un’ora ben precisa, magari invitando i vicini di casa, ad assistere alla punizione?
    E’ ovvio che se punizione deve esserci deve essere immediata, quello che volevo dire è che non dovrebbe trasparire manifestazione di rabbia ma volontà di correzione.
    Poi non è che l’auto controllo sia sempre così facile da mantenere.
    Un abbraccio, Vincenzo.

    • frz40 ha detto:

      Effettivamente avevo frainteso. Scusami.

      Sono comunque dell’idea che dalla “rabbia” non bisogna mai farsi prendere la mano, ma una bella naturale incazzatura non guasta. Ma forse diciamo la stesssa cosa.

  5. alice ha detto:

    le sculaciate fanno malisimo redono il bambini molto più violetti e ribelli

    e fanno male alla salute

    e posonoo anche traumatizare queti metodi educativi dovebero essere aboliti completamente

  6. Daniel ha detto:

    Cara Alice, sostenere una cultura divulgata da “esperti” e depositari di verità assolute, quali Alice Miller, indica difficoltà di ragionamento in materia di educazione. Sono poco fondati i loro studi, ammesso che si possano definire “studi” dal momento che la stessa Miller non era competente a riguardo degli argomenti che sosteneva senza i necessari titoli universitari.

    Caro Vincenzo, in realtà ho sempre preso e dato la sculacciata a freddo. Si tratta semplicemente di un preciso metodo tutt’ora molto in voga negli Stati Uniti in cui vivo: almeno 9 genitori su 10, almeno una volta all’anno, fanno una “good hard spanking” ai loro figli. L’intervento educativo è regolarmente rimandato ad altro orario data la sanzione, usualmente di sera, ed è dato a freddo, appunto. Non è un colpo “immediato” che invece scappa a causa di perdita della pazienza. Si tratta invece di una serie di colpi assestati sul sedere. Il Leone per qualche minuto avrebbe tenuto la testa del cucciolo dentro la propria bocca. Il genitore tiene il figlio sopra le ginocchia, prono per qualche minuto. Lo sculaccia e si ragiona. L’altro genitore è normalmente presente. Non vi è alcuna manifestazione di rabbia, ma volontà di correzione. E’ il proseguimento del dialogo laddove le regole non sono state recepite tramite altri metodi quali il dialogo esclusivamente verbale, il premio, un castigo privativo oppure riparatorio. Detto anche “sana seduta” il metodo della sculacciata favorisce il ragionamento, l’autocontrollo, rinforza la memoria e l’umiltà. E’ ovvio che laddove le persone si formano con culture e mentalità fondate su questioni morali e ideologiche quali l’iper-tutela del fanciullo, o su morbosità sociali quali l’iper-libertà delle espressioni sessuali, detto metodo non possa essere concepito con naturalezza, bensì come forma di violenza o abuso.

    Un abbraccio a tutti, Daniel.

    • frz40 ha detto:

      Caro Daniel,

      Sarà, ma continuo ad essere contrario alla sculacciata a freddo.
      Grazie, comunque per il commento e benvenuto sul mio blog.

      • Daniel ha detto:

        Per carità, ognuno resti delle sue. Rispetto le opinioni di tutti. Peraltro molte persone credono perfino in Dio nonostante non esista alcuna prova a suo sostegno.
        Per conto mio la sculacciata a freddo, dato che la utilizzo, so che esiste. Ed è un metodo che fa ragionare i miei figli e faceva ragionare me. Certamente non è detto che potrebbe funzionare con tutti, dato che non siamo tutti uguali. E’ comunque un dato di fatto che i sistemi moderni fondati sul divieto delle sculacciate, non sono educativi, ma diseducativi. I bambini infatti oggi tendono a infrangere ogni regola, sapendo come illudere i genitori di osservarle, sapendo che non saranno sculacciati, oppure che saranno puniti solo con provvedimenti rieducativi che ben sanno raggirare. Da qui il bullismo e la trasgressione a tutti i livelli con punte che mai si sono verificate negli ultimi 30-40 anni.

      • frz40 ha detto:

        Beh, nemmeno io voglio convincere nessuno. Se per te e i tuoi figli è andata bene così, nulla da dire. Io penso, tuttavia, che la reazione a caldo, controllata, sia il metodo più naturale e corrisponda a quel che i bambini incontreranno nella vita. Poi a freddo ci si può sempre ritornar sù per ragionarci.
        Buona giornata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...