Il pericolo delle schegge impazzite

Nichi Vendola batte Francesco Boccia con il 70% dei voti

Mi amareggia molto e mi preoccupa questo risultato delle cosiddette primarie in Puglia, non tanto per il risultato, quanto per “la sconfitta del Pd”, come la definisce oggi su La Stampa, Marco Castelnuovo.

Commenta: “Significa che metà Pd lo ha tradito (e ha tradito i leader che lo supportavano) e che i dirigenti, locali e nazionali, non hanno il polso della situazione nemmeno in una terra amica come è la Puglia. Il Pd rappresenta ora un partito non in grado di stare al passo. Neanche con se stesso”.

Confesso che non ho grande simpatia per il PD che mi sembra essere poco più di un accozzaglia di vecchi politici della Prima Repubblica, quelli, per intenderci, che hanno affossato l’Italia del miracolo economico.

Tuttavia un opposizione che non sia capace di governare nemmeno se stessa, non può che dare spazio a schegge impazzite che non si sa dove possano portare il Paese.

Purtroppo.

Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Il pericolo delle schegge impazzite

  1. Vincenzo ha detto:

    Non chiamerei “schegge impazzite” quelli che sono i risultati di un’elezione popolare così schiaccianti.
    A prescindere dai colori politici nella fattispecie, di cui personalmente non me ne importa proprio niente, a me sembra che questa “disubbidienza” alla segreteria sia un tentativo di ritorno alla democrazia (governo del popolo).
    Se tu consideri, come ben sappiamo, che con l’attuale legge elettorale sono le segreterie dei partiti a stabilire l’ordine dei candidati e non la gente comune, mi sembra che una risposta nata dalla volontà popolare, non possa che sottolineare un punto a favore per la democrazia, intesa in senso lato.

    • frz40 ha detto:

      Non mi riferisco al risultato, quanto alle possibili conseguenze che il mal governo di un grande partito può avere.

      Vale per i due schieramenti, non solo per il PD.

      Definire poi questo caso un esempio di democrazia mi sembra veramente eccessivo; sento puzza di squdrismo.

  2. Vincenzo ha detto:

    Esattamente il contrario di “squadrismo”! Questo odioso termine, sicuramente anche per te, lo vedrei molto più calzante se una disposizione del vertice, incurante del parere della base, divenisse dogma indiscutibile, cosa che se mai era la regola nei regimi.
    In questo caso è avvenuto esattamente il contrario.
    Non credo tu metta in discussione il diritto di scelta degli amministrati, tramite democratiche elezioni, di un amministratore che evidentemente non ha demeritato rispetto ad un altro meno meritevole.

    Ripeto ciò che ho già scritto: sono estraneo in tutto e per tutto ai fatti. Non me ne importa niente e non conosco le persone in questione.

    Quando sento dire da Dalema, a parziale giustificazioe del fallimento, che ….l’elettorato non ha capito (sic) mi rendo conto dell’ arroganza che sta dietro a queste parole.

    Se l’elettorato non capisce vuole solo dire che non gli è stato spiegato in modo convincente …..la colpa è di chi non ha saputo spiegare e convincere.

    • frz40 ha detto:

      Mi spiace. Non sono d’accordo.

      Rileggi cosa è successo un mesetto fa a Bari. (lo trovi qui). Se non è squadrismo quello…

      Quanto alla base che capisce sempre ho molti dubbi. Se avesse sempre capito, molti regimi non sarebbero mai nati.

  3. Vincenzo ha detto:

    Ho deto e ridetto che non intendo entrare nel merito e tanto meno su quello che può essere accaduto un mese fa.
    Quello che sostengo, per la terza volta, è che, essendoci stata una democratica votazione che ha espresso un risultato non in linea con i dictat della segreteria la quale, grazie ad una infame legge elettorale, è delegata a scegliere i candidati al posto dell’elettorato, ti sembra giusto?
    Nel caso delle primarie siamo finalmente in presenza di un atto democratico…non entro nel merito sul risultato che però andrebbe rispettato.

    • frz40 ha detto:

      Io penso che la “democraticità” quelle elezioni sia in diretta correlazione con lo squadrismo di un mese fa e non solo di quello.

      Ma questo è il mio pensiero e non ho certo la pretesa di convincertene.

      Ok così. 🙂

  4. Vincenzo ha detto:

    Se lo “squadrismo” si riferisce al risultato elettorale tra due candidati, espresso in una democratica votazione, col risultato del 70% dei consensi per uno di essi, costituzione alla mano, io sostengo la piena legittimità democratica di quell’esito.
    Ok così.
    (senza rancore)

    • frz40 ha detto:

      Mi sembra che non vuoi capire,

      Lo squadrismo, nel caso specifico, è quello di un mese fa. Poi non so se ce ne sono stati altri, anche se lo penso.

      Sulla piena legittimità del voto, comunque non ho nulla da dire. Sul modo in cui ci si è arrivati invece sì ed è solo questo che mi intressa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...