Il preservativo al liceo

Dal 12 marzo, nel liceo Keplero di Roma, saranno in funzione sei distributori automatici che distribuiranno agli studenti i preservativi a prezzo di fabbrica e cioè 3 pezzi a 2 euro.

Oltre all’installazione dei distributori verrà svolto un seminario di formazione a cura della Lega Italiana per la lotta all’Aids.

Mi verrebbe solo da chiedere se e chi paga l’eventuale differenza di prezzo, ma, in questo caso è irrilevate.

Bravi, ben fatto !.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Scuola e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Il preservativo al liceo

  1. vincenzo ha detto:

    Caro Frz, il costo sociale per la cura non credo giustifichi alcuna obiezione di tipo economico.
    Per non parlare della tragedia sotto il profilo umano!
    Tu hai pubblicato proprio in questa sede la testimonianza agghiacciante di quella liceale contagiata a causa della condotta dissennata del “fidanzatino”.
    Ai ragazzi bisognerebbe addirittura regalarli i preservativi!
    E, da padre di una ragazzina quattordicenne, confesso che questa mia dichiarazione mi fa venire un tantino i brividi! …Ma tant’è!

  2. marisamoles ha detto:

    Non voglio fare la moralista dicendo che sono contraria a questa iniziativa; credo solo che i ragazzi d’oggi spendano tanti di quei soldi in fesserie, che i preservativi se li possono acquistare per conto loro (come fanno attualmente molti giovani correttamente informati, compresi i miei figli!).
    Una giusta educazione sessuale è ciò che compete alla scuola. Per il resto si arrangino.
    Non è regalando i profilattici che si combattono le malattie come l’aids; per quello basta una corretta informazione che, prima di tutto, dovrebbe interessare le singole famiglie. Ma di questo abbiamo già discusso altrove.

  3. vincenzo ha detto:

    Cara Marisamoles,
    Quando scrivi che non si combattono malattie come l’aids con i preservativi hai ragione! Ma per difendersi dal contagio non credo ci siano molti altri sistemi.
    Altra alternativa è la castità …. ma queste erano cose abbastanza normali ai nostri tempi.
    Hai anche ragione quando scrivi che è la famiglia a dovere educare ed informare correttamente i propri figli.
    Ma poi qualcuno/a ci casca (sto di nuovo pensando a quella povera ragazza di cui si è letto su questo blog).
    E’ vero doveva pensarci…e adesso si deve arrangiare.

    • marisamoles ha detto:

      Caro Vincenzo,

      io intendevo che non serve distribuire nelle scuole i profilattici per prevenire le malattie, non che i preservativi non servano alla prevenzione. Ci mancherebbe!
      Ma non immagini quanti pregiudizi ci siano ancora sul loro uso. 😦

  4. vincenzo ha detto:

    Cara Marisamoles,
    Ti ringrazio, hai proprio toccato il tasto dolente.
    E’ esattamente per questo che gli espositori di preservativi nelle scuole assolverebbero sia ad una funzione educatrice, sia di monito.
    Che la distribuzione poi sia gratuita o meno è di importanza marginale rispetto allo spauracchio di un contagio.
    Io penso che i pregiudizi di cui giustamente tu parli siano frutto di pura ipocrisia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...