Aiutami, che poi ti ricatto.

Tra i pericoli delle chat c’è anche quello di lasciarsi commuovere da un finto caso umano per poi trovarsi invischiati tra ricatti e minacce.

E’ quel che hanno scoperto i Carabinieri di Torino a carico di un tale, un giovane 24enne pregiudicato, che iniziava con lo stringere amicizia in chat con donne, spesso molto giovani e suggestionabili, e dopo essersi conquistato la loro fiducia cominciava a chiedere soldi, prima raccontando storie strappalacrime poi passando a ricatti e minacce.

Le vittime erano letteralmente perseguitate dagli sms del ragazzo, che arrivava a mandarne fino a 100-200 per ciascuna delle donne cadute nella sua rete.

Il giovane si trova ora in carcere e, a quanto sembra, la sua stessa madre, con la quale il ragazzo viveva, ha detto di non volerlo avere in casa agli arresti domiciliari.

Che bruta cosa.

Fonte: La Stampa

Questa voce è stata pubblicata in Fatti e notizie dall'Italia e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...