Braghe a vita bassa o sotto la gonna per i maschietti

Il senatore USA Eric Adams ha lanciato a New York una campagna pubblicitaria dal costo di $2,000 con lo slogan ‘Stop The Sag – “Fermiamone la caduta”.

Non ha tutti I torti. Quei pantaloni a vita bassa, spesso sotto l’inguine, sono proprio brutti a vedersi.

Il manifesto recita; “Siamo meglio di così !– Rialza le tue braghe e rialzerai la tua immagine

Tempo fa anche Obama era intervenuto sull’argomento dichiarando: “C’è chi non vorrebbe vedere le tue mutande, io sono tra quelli.”

Nel frattempo dal Giappone, e sempre per i maschietti., sta arrivando una nuova moda, nata fra le strade di Harajuku, il quartiere “più in” di Tokio. Si tratta della “Skirt Tribe “, i ragazzi che amano indossare la gonna sopra pantaloni o sopra leggins di tutti i colori.

La scelta di indossare questo indumento tradizionalmente femminile – dicono – non corrisponde al travestitismo o all’essere gay. Ma chissà a cosa corrisponde, mi chiedo io!


Comunque non stupiamoci, li vedremo presto anche da noi, sono pronto a scommetterci.

Questa voce è stata pubblicata in Adolescenti, Fatti e notixie dall'estero, Stuzzichini e curiosità, vita quotidina. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Braghe a vita bassa o sotto la gonna per i maschietti

  1. vincenzo ha detto:

    Il cattivo gusto non ha limiti!

    I nostri modelli di riferimento erano i genitori ed i gentiluomini.
    A tavola, ricordo, un pò per celia ed un pò per imparare una corretta postura, qualche volta tra le mie due sorelle e noi due fratelli si facevano gare a chi riusciva, per tutta la durata del pranzo, a mantenere due libricini sotto le ascelle!
    Qualcuno potrà anche riderne, ma nella vita ed in qualsiasi ambiente io mi sia poi mai trovato, grazie anche a quegli esercizi di postura corretta, che non esaurivano per certo l’educazione ricevuta, mi sono sempre mosso con estrema disinvoltura.

    Grazie Mamma e Papà!
    Vincenzo

    • frz40 ha detto:

      Ci sono ancora i libricini nelle case moderne? Rido. Ma di traverso. Ma forse oggi non ci sono più nemmeno le mamme ed i papà, o si occupano d’altro.

      😦

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...