Per Mike sì, per Raimondo no.

Due grandi e cari personaggi, ma per Mike Bongiorno, sì, e per Raimondo Vianello, no.

Mi riferisco ai funerali di Stato e lo dico solo per far rilevare un’ingistizia.

Ma l’errore è stato quello di concederli a Mike. Così come avevo già detto quì a suo tempo.

Ma è tanto difficile, per il politici, far le cose senza troppa emotività e con un po’ di buon senso?

Questa voce è stata pubblicata in il mondo della tv e dello spettacolo, Politica, vita quotidina e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a Per Mike sì, per Raimondo no.

  1. vincenzo ha detto:

    Caro Frz, non conosco nè le procedure nè i meriti necessari per avere “la Dignità” dei funerali di Stato.

    Concordo con te sulla esagerazione di conferire questo onore a Mike Bongiorno, ma credo che, come sempre, ci siano state spinte di ordine politico dietro questa decisione.

    Uno dei pregi del caro Vianello era la sua totale estraneità al mondo politico, mentre mi ricordo, perchè la cosa mi colpì e non poco, il conferimento dell’Ordine Cavalleresco di S. Maurizio e Lazzaro per la diffusione della cultura attraverso la TV. (Si proprio a Lui che sbagliava regolarmente i congiuntivi!)

    Quello stesso Ordine cavalleresco, che viene conferito direttamente da casa Savoia, e in passato, riservato solo a chi avesse reso grande servizio alla Nazione assolvendo speciali incarichi ad alti livelli, particolarmente in guerra, fu conferito a Mike Bongiorno simpatizzante degli attuali rappresentanti del Casato!

    Tutto ciò e forse altro, che ignoro, potrebbe spiegare le differenze di trattamento tra i due personaggi.

    Chiuderei il commento rimandando chi ne avesse voglia e tempo di andarsi a leggere quella bella poesia del grande Totò : A’ Livella!
    e così ce ne facciamo tutti una ragione.

    Un saluto a tutti gli amici.
    Vincenzo

    • frz40 ha detto:

      E perchè non pubblicarla? E’ bellissima.

      ‘A livella

      Ogn’anno,il due novembre,c’é l’usanza
      per i defunti andare al Cimitero.
      Ognuno ll’adda fà chesta crianza;
      ognuno adda tené chistu penziero.

      Ogn’anno,puntualmente,in questo giorno,
      di questa triste e mesta ricorrenza,
      anch’io ci vado,e con dei fiori adorno
      il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.

      St’anno m’é capitato ‘navventura…
      dopo di aver compiuto il triste omaggio.
      Madonna! si ce penzo,e che paura!,
      ma po’ facette un’anema e curaggio.

      ‘O fatto è chisto,statemi a sentire:
      s’avvicinava ll’ora d’à chiusura:
      io,tomo tomo,stavo per uscire
      buttando un occhio a qualche sepoltura.

      “Qui dorme in pace il nobile marchese
      signore di Rovigo e di Belluno
      ardimentoso eroe di mille imprese
      morto l’11 maggio del’31”

      ‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto…
      …sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;
      tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:
      cannele,cannelotte e sei lumine.

      Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore
      nce stava ‘n ‘ata tomba piccerella,
      abbandunata,senza manco un fiore;
      pe’ segno,sulamente ‘na crucella.

      E ncoppa ‘a croce appena se liggeva:
      “Esposito Gennaro – netturbino”:
      guardannola,che ppena me faceva
      stu muorto senza manco nu lumino!

      Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo…
      chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
      Stu povero maronna s’aspettava
      ca pur all’atu munno era pezzente?

      Mentre fantasticavo stu penziero,
      s’era ggià fatta quase mezanotte,
      e i’rimanette ‘nchiuso priggiuniero,
      muorto ‘e paura…nnanze ‘e cannelotte.

      Tutto a ‘nu tratto,che veco ‘a luntano?
      Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…
      Penzaje:stu fatto a me mme pare strano…
      Stongo scetato…dormo,o è fantasia?

      Ate che fantasia;era ‘o Marchese:
      c’o’ tubbo,’a caramella e c’o’ pastrano;
      chill’ato apriesso a isso un brutto arnese;
      tutto fetente e cu ‘nascopa mmano.

      E chillo certamente è don Gennaro…
      ‘omuorto puveriello…’o scupatore.
      ‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:
      so’ muorte e se ritirano a chest’ora?

      Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,
      quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,
      s’avota e tomo tomo..calmo calmo,
      dicette a don Gennaro:”Giovanotto!

      Da Voi vorrei saper,vile carogna,
      con quale ardire e come avete osato
      di farvi seppellir,per mia vergogna,
      accanto a me che sono blasonato!

      La casta è casta e va,si,rispettata,
      ma Voi perdeste il senso e la misura;
      la Vostra salma andava,si,inumata;
      ma seppellita nella spazzatura!

      Ancora oltre sopportar non posso
      la Vostra vicinanza puzzolente,
      fa d’uopo,quindi,che cerchiate un fosso
      tra i vostri pari,tra la vostra gente”

      “Signor Marchese,nun è colpa mia,
      i’nun v’avesse fatto chistu tuorto;
      mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria,
      i’ che putevo fa’ si ero muorto?

      Si fosse vivo ve farrei cuntento,
      pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse
      e proprio mo,obbj’…’nd’a stu mumento
      mme ne trasesse dinto a n’ata fossa”.

      “E cosa aspetti,oh turpe malcreato,
      che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
      Se io non fossi stato un titolato
      avrei già dato piglio alla violenza!”

      “Famme vedé..-piglia sta violenza…
      ‘A verità,Marché,mme so’ scucciato
      ‘e te senti;e si perdo ‘a pacienza,
      mme scordo ca so’ muorto e so mazzate!…

      Ma chi te cride d’essere…nu ddio?
      Ccà dinto,’o vvuo capi,ca simmo eguale?…
      …Muorto si’tu e muorto so’ pur’io;
      ognuno comme a ‘na’ato é tale e quale”.

      “Lurido porco!…Come ti permetti
      paragonarti a me ch’ebbi natali
      illustri,nobilissimi e perfetti,
      da fare invidia a Principi Reali?”.

      “Tu qua’ Natale…Pasca e Ppifania!!!
      T”o vvuo’ mettere ‘ncapo…’int’a cervella
      che staje malato ancora e’ fantasia?…
      ‘A morte ‘o ssaje ched”e?…è una livella.

      ‘Nu rre,’nu maggistrato,’nu grand’ommo,
      trasenno stu canciello ha fatt’o punto
      c’ha perzo tutto,’a vita e pure ‘o nomme:
      tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?

      Perciò,stamme a ssenti…nun fa”o restivo,
      suppuorteme vicino-che te ‘mporta?
      Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
      nuje simmo serie…appartenimmo à morte!”

      E per chi la volesse ascoltare e rivederre il grande Totò:

  2. marisamoles ha detto:

    Semplicemente meravigliosa la poesia e meraviglioso Totò! Grazie a Vincenzo per averla segnalata … non la conoscevo.

    Quanto ai funerali di Stato, se hai seguito i giornali saprai che in un primo momento Sandra non voleva né la camera ardente né funerali pubblici ma solo in forma strettamente privata. Anche se fossero stati offerti, dubito che Sandra avrebbe accettato i funerali di Stato e credo proprio che Raimondo li avrebbe aborriti.

    • frz40 ha detto:

      Sì, aborriti, lo penso anch’io.

      • elisabetta ha detto:

        Ho seguito alla TV i funerali di Raimondo Vianello…
        Sono anch’io certa che Sandra (e forse anche Raimondo stesso) avrebbe preferito che fossero solo privati.
        Ho amato anch’io il personaggio Vianello e mi dispiace che l’addio che gli è stato riservato abbia fatto spettacolo, esibendo una povera Sandra scalza e confusa e quelle grida di richiamo “Raimondo… Raimondo!!!” che tutti sono stati invitati a pronunciare non sarebbero piaciute nemmeno allo stesso Vianello.
        Sono sempre più convinta che anche in queste tristi occasioni i sentimenti di molti non sono dettati dall’amore e nemmeno dalla pietà, ma solo dal desiderio di protagonismo e di popolarità (il male del nostro secolo).

        “‘A livella” è una poesia stupenda e vera…
        La morte ci mette tutti sulla stessa linea ed è di dovere il silenzio e il rispetto.
        E Totò l’aveva capito…..

        eli

      • frz40 ha detto:

        Purtroppo la spettacolarizzazione anche di questi eventi è inevitabile.

        Sono certo che la povera Mondaini non avrebbe voluto essere messa in mostra in quelle condizioni.

        Ma tant’è !!!!

  3. vincenzo ha detto:

    E’ fin troppo evidente che la povera Sandra Mondaini non sia più “compus sui” …. l’averla esposta al pubblico mi sembra proprio ….. vome dire… una bella carognata a favore di uno spettacolo indegno!

    Sia Raimondo che Sandra ( gran bella donna fino a qualche anno fa! ) sarebbe meglio ricordarli come apparivano in scena.

    Invece li hanno vergognosamente usati fino alla fine!
    ……Allegria! … Lo spettacolo continua ed i registi fanno sempre più ——!

    Vincenzo

  4. Vincenzo ha detto:

    Caro Frz,
    Scusa ma inevitabile un bel niente!
    Vedendo lo spettacolo indegno a cui hanno aggiunto come “ciliegina” Sandra Mondaini ormai, poveretta, fuori di senno (Elisabetta ne parla nel commento, e Raffaella mi ha detto le stesse cose…..piedi scalzi….sedia a rotelle ….. etc.etc) non è difficile desumere che la “regia” così ha deciso a favore della spettacolarizzazione dell’evento … alla faccia di ogni volontà di Sandra.

    Sono arci sicuro che se la Signora Sandra Mondaini fosse stata in normali condizioni di intendere e di volere le cose sarebbero andate ben diversamente.

    Vincenzo

    • frz40 ha detto:

      La parola “inevitabile” stava solo a significare che, quando c’è la tv di mezzo, certi scempi non possono che accadere. Di chiunque sia la regia, qualunque sia il cast dei protagonisti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...