Quella maglietta del c………

Guardateli bene, Uno è un campione, l’altro è Marco Materazzi.

Uno indossa la maglietta dell’Inter con la quale ha fatto vincere alla sua squadra la Champions League, l’altro indossa una maglietta personale che si è fatto confezionare per l’occasione per far lo spiritoso.

Le cronache dicono che quella maglietta sia stata la causa scatenante della follia che ha portato ad una lite tra due tifosi che è sfociata nell’assassinio di uno dei due.

Evito di farvi gli elenchi del passato, ma Materazzi non è nuovo a queste tipo di sceneggiate. E, purtroppo, non è nemmeno il solo.

Di certo non pensava che quella maglietta potesse essere collegata ad una tragedia e non so se per davvero lo sia stata.

Mi chiedo però se un professionista serio non dovrebbe astenersi da gesti provocatori che, nel clima d’odio e rancore che circonda il nostro calcio, e non solo quello, possono far perdere la testa a qualche imbecille.

Calma, dunque, ragazzi ! I tifosi facciano i tifosi e i calciatori facciano i calciatori, se ancora ne sono capaci.

Fonti: Il Messaggero (LINK) e Tuttosport (LINK)

Questa voce è stata pubblicata in Calcio e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Quella maglietta del c………

  1. elisabetta ha detto:

    Io di calcio non me ne intendo e non mi ci metto ne a discutere ne a tifare…..
    Mio marito tifava Inter, ma credo sia sempre stato un tifoso serio e anche le discussioni che gli ho sentito fare con i tifosi avversari non andavano mai più in là di commenti (anche se a volte animati) di parte…
    Ricordo che per lui (che è stato pure un giocatore di serie B, da giovane) assistere ad una partita era sempre un divertimento da non perdere, qualunque fossero le squadre che giocavano, gli piaceva il bel gioco e ammirava chi lo faceva…

    Perciò il mio commento all’episodio postato è il commento di chi, indipendentemente, dalla squadra del tifoso colpevole, non tollera questo odio e questa violenza.

    Lo sport, sia per chi lo pratica, che per chi lo segue, deve essere un momento di svago, di piacere e di evasione dai tanti guai che, purtroppo, già la vita quotidiana ci presenta…

    Evitiamo queste guerre intestine…. altre guerre incombono e per quelle purtroppo poco possiamo fare…

    eli

    • frz40 ha detto:

      Hai tutte le ragioni. Anch’io, spesso, mi lascio trascinare un po’ dal tifo. Non disdegno qualche sfottò ma credo di saper restare entro certi limiti. Ho rosicato e l’ho detto, ma ho anche fatto i complimenti a chi ha vinto con merito.

      Se tra tifosi qualche sfottò può anche starci, non credo che i protagonisti dovrebbero scendere su questo terreno che altro risultato non ha se non quello di esacerbare gli animi, che esacerbati lo sono già fin troppo per conto loro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...