Trapianti “samaritani”

E’ di questi giorni la notizia secondo la quale sarà d’ora in poi possibile donare un rene per un puro gesto di generosità a chi non si conosce. Lo ha annunciato il Ministro della Salute, Ferruccio Fazio, dopo il parere favorevole del Consiglio Superiore di Sanità (Css) e del Comitato Nazionale di Bioetica (Cnb)

“Il Css – ha aggiunto Fazio – ha stabilito pero’ che l’operazione avvenga dopo una valutazione psicologica e psichiatrica del donatore e nel rispetto della privacy, escludendo qualsiasi contatto tra donatore e ricevente”.
“Il meccanismo attraverso cui potra’ avvenire questa pratica, detta di ‘cross over‘ – ha precisato Fazio – prevede che il ricevente si procuri un donatore samaritano e se esso non e’ compatibile, sempre nel totale anonimato, avra’ diritto a ricevere un organo da un altro donatore. L’organo del primo donatore samaritano potra’ a quel punto andare a un altro ricevente. Quindi c’e’ una doppia donazione

Tale autorizzazione è stata concessa a seguito della disponibilità, dichiarata al Centro Nazionale Trapianti, da parte di tre persone (due in Lombardia ed uno in Piemonte) a donare un proprio rene ad uno sconosciuto, alle quali se ne è aggiunta l’altro giorno una quarta, qui a Torino.

Nasce così anche da noi la figura del “donatore samaritano”.

Quando sento parlare di trapianto di organi tra viventi che non si conoscono tra di loro, resto sempre terrorizzato dalla possibilità che dietro si nasconda un agghiacciante commercio illegale d’organi. Non dovrebbe essere così in questo caso. O almeno me lo auguro.

A pag 2 riporto il testo integrale di un articolo apparso sul sito ALTRIMONDI, di Giorgio dell’Arti, sull’argomento.

Questa voce è stata pubblicata in Medicina, salute, tapianti, maternità e aborti e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Trapianti “samaritani”

  1. elisabetta ha detto:

    Davvero molto nobile e altruistico il gesto di chi offre un organo ad uno sconosciuto, ma chissà perché, anch’io un po’ diffido e temo quel “secondo fine”…

    Peccato comunque che tali gesti umani e generosi siano sempre offuscati dal dubbio e dallo scetticismo…purtroppo però è proprio la realtà della vita, non ci si fida più di niente e di nessuno: così non dovrebbe essere, ma la natura e l’amore VERO per il prossimo è talmente raro ed esclusivo che ci porta a questi non nobili pensieri….

    Per una volta diamo credito e fiducia a chi si offre così generosamente e auguriamoci che tale generosità sia davvero frutto di tanto amore e sacrificio.

    eli
    🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...