Mondiali: mestamente a casa

Questo slideshow richiede JavaScript.

Titolano le principali testate:

La Gazzetta dello Sport: “A casa con vergogna”
Corriere dello Sport: “Italia che vergogna. Fuori e ultima del girone”
Tuttosport: “E’ colpa tua” (riferito, ovviamente, a Lippi)
La Stampa: “Naufragio Italia”
Il Messaggero: “L’Italia umiliata dalla Slovacchia: 3-2. Ultimo posto nel girone e mondiale addio”
La Repubblica: “ Mai così brutti. A casa”
Il Corriere della Sera: “Italia, addio al Mondiale”
Il Quotidiano.net (Resto del Carlino, La Nazione e Il Giorno): “Vergogna. Azzurri, disastro senza fine: tutti a casa”
Il Giornale: “Piccola Italia, è eliminata dal Mondiale”

In questo contesto Marcello Lippi si assume ogni responsabilità, e sottolinea di non aver saputo creare il contesto psicologico di quattro anni fa.

Molti discutono sugli errori veri o presunti quali quelli di non aver portato con sé qualche altro giocatore o sul non averne messo in campo prima qualche altro.

Se ne discuterà ancora a lungo.

Forse tutti hanno un po’ di ragione, ma credo che tutti dovrebbero scendere dal pero: senza errori forse avremmo passato il turno, ma poi?

Prendiamone mestamente atto. Solo con un po’ d’umiltà riusciremo a forse a recuperare. La spocchia non serve.

Questa voce è stata pubblicata in Calcio e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a Mondiali: mestamente a casa

  1. elisabetta ha detto:

    Ho già avuto modo di dirlo: io non sono un’appassionata di calcio e non seguo questo sport, che sarà anche per molti il più bello degli sport ma io non ne sono d’accordo….

    Abbiamo avuto “sportivi” (e in questi ultimi tempi soprattutto”sportive”) che ci hanno regalato titoli e coppe ponendo l’Italia in primo piano…. e non credo che i loro guadagni si possano paragonare a quelli che percepisce un calciatore….
    Troppi soldi e troppa importanza e popolarità…. E tutto ciò? per fare una figuraccia come quella che hanno fatto in queste 3 partite? Si… troppi soldi… e poi quando vincono vien dato loro anche un premio… Ma allora… adesso che hanno perso???? Io penso che dovrebbero pagare loro una penale….. Si…. penso proprio che sarebbe giusto… e chissà, alla prossima ci penserebbero un po’ di più prima di prendere tutto così alla leggera….

    Beh, io la penso così….
    Soldi, TV, popolarità, belle donne e vita spensierata, dovrebbe per questi personaggi essere un impegno di responsabilità, dovrebbero più riflettere e soprattutto dare il massimo per non deludere coloro che vedono in loro quell’idolo da amare e quel simbolo da imitare….

    eli

  2. frz40 ha detto:

    Scrive Michele Serra su Altrimondi di Giorgio Dell’Arti

    Elogio della mediocrità
    Piccola riflessione in margine all’eliminazione degli azzurri. La gestione della mediocrità non è tra le cose che agli italiani riescono meglio, ma poiché – non solo nel calcio – la mediocrità è la condizione che descrive meglio di altre questo lungo scorcio della nostra vita nazionale, prima ne prendiamo atto, meglio è. L´illusione del colpo di genio salvifico, del talento di pochi che rimedia alla pochezza di molti, dell´estro e dell´improvvisazione come dono di natura, della grazia ricevuta e della botta di culo, sono decrepite e pigre scorciatoie mentali di un paese che è nudo di fronte ai propri limiti e non ha il coraggio di guardarsi allo specchio.

    La Nazionale ha perso perché era una squadra mediocre, in rappresentanza di uno sport in forte regresso (anche strutturale: stadi tra i peggiori d´Europa, tifoserie tra le più incivili del mondo). Era dunque ragionevole che perdesse. Né “onta” né “vergogna” – concetti che in queste ore si sprecheranno – servono a illustrare la perfetta normalità di un ultimo posto meritatamente conquistato sul campo. In molti altri campi, più importanti del calcio, la percezione della decadenza, piuttosto che eccitare gli animi e offendere le suscettibilità, dovrebbe spingere a prenderne atto, e rimboccarsi umilmente le maniche.

    Concordo.

  3. ivan ha detto:

    io sono un lavoratore italiano all’estero e adesso sono in sud africa da un anno! non è vero ke come si dirà questo comunque è solo un gioco! BALLE!!!! in questo momento molti italiani ke sono quà con me devono sopportare gli scherni ke ci vengono rivolti da tutti gli altri uomini ke stanno lavorando con noi e ti assicuro non scherzano con il prenderci per i fondelli!non è molto bello credimi!i giocatori della nostra nazionale avevano un impegno e un dovere nei confronti di tutti gli italiani all’estero ma evidentemente a loro questo non interessa, le “conseguenze” però sono nostre, noi sopportiamo l’ilarità degli altri. i giocatori andranno in ferie e tutto sarà risolto con un “CHIEDIAMO SCUSA” ma chi,come tanti miei amici sono andati anche negli stadi a fare il tifo tutto questo non basta! LORO CI HANNO DELUSI TUTTI!! e questo non ha scuse. si devono vergognare e parecchio, soprattutto quegli attaccanti strapagati e non hanno segnato neanche una rete.VERGOGNOSI TUTTI!!!!!!!!

  4. Vincenzo ha detto:

    Hanno tutti ragione! Concordo con il giudizio di Elisabetta anche se a me il calcio, quello ben giocato, piace molto! Concordo con Gramellini anche se faccio fatica a legare la decadenza (vera!) che stiamo vivendo con l’esito della Nazionale!
    La cosa che mi ha colpito e commosso è stato il commento di Ivan … sicuramente i più delusi sono i nostri connazionali all’estero che avrebbero tratto orgoglio da un esito più “decoroso”.
    Mi permetto ricordargli che, pur capendolo, ben in altro settore risiedono i motivi di orgoglio nazionale …. nell’arte e nella cultura che in tutta Italia si può ammirare e riscontrare.
    Nessun Paese al mondo può vantare un’ eredità di simile portata.
    Vincenzo.

    • frz40 ha detto:

      E’ vero, anche se le sconfitte sportive bruciano ed è difficile rispondere con la cultura.

      Comunque quattro volte Campioni del Mondo non è da tutti; solo il Brasile ha fatto meglio. E nel farttempo le abbiamo suonate un po’ a tutti.

      Questa volta credo che mancasse soprattutto la qualità. Ma il nostro calcio è in crisi e credo che i tempi bui resteranno tali per lungo tempo.

  5. Marins ha detto:

    Nel corso degli incontri del girone italiano non ho sentito nessuna voce scettica e critica nei confronti della nostra squadra.
    C’era una sorta di convinzione di fondo, sia nei giocatori-Lippi che nei giornalisti che tutto si sarebbe risolto in un qualche modo, come nell’articolo sopra, la botta del singolo ricopriva la mediocrità del tanti.

    Prima di Italia Nuova Zelanda si discuteva su quanti gol avrebbe segnato l’Italia (3 a 0, da 3 gol in su, …)

    Nessuno aveva previsto questa tremenda figuraccia… nessuno degli addetti ai lavori

    Non sono leghista, non sono anti-italiano, ho sempre tifato per i colori azzurri ma sentendo le interviste di Lippi, le dichiarazioni dei giocatori mi sono convinto prima dell’inizio del girone che sarebbe stato peggio della Corea (delle 2 Coree).

    La prima partita mi è sfuggita per mancanza di tempo ma con Nuova Zelanda e Slovacchia, giocati 20 euro, vinti 125 e alla ricevitoria piena di persone ho avvertito lo stupore, l’ilarità quando facevo la puntata, uno in particolare mi ha chiesto “ma lei è italiano ?”
    La mia non era scaramanzia, bastava guardare in faccia i nostri per capire la tragedia in arrivo…

    Tutto da rifondare (stadi, vertici del calcio, cultura dello sport), dentro i giovani e speriamo nel futuro, Prandelli mi sembra un buon inizio

    Buona settimana a tutti
    Marins

  6. elena ha detto:

    lippi ha detto k nn c era nessun fenomeo a casa…forse arà anke ragione…sono finiti i tempi di baggio,maldini e di inzaghi e vieri…pero c erano tanti giovani a casa k quest anno hano fatto meglio di parecchia gente portata in sud africa…i nomi basta dirli perche sono stati gia fatti parecchio…pero un po hanno ragione quando dicono sempre i soliti nomi…esempi?antonini,ambrosini migliore di gattuso,p cannavaro k è sikuramente meglio del fratello,cassano,balotelli e borriello al posto di gilardino di natale e iaquinta…qest ultimi 3in nazionale solo perchè amati da lippi…anke per 1posto in nazionale vige la regola dei preferiti…k skifo!i 45 minuti del “nostro”fabio quagliarella e le sue lacrime’sikuramente l unika cosa da ricordare

    • frz40 ha detto:

      Qualcuno di quelli avrebbe modificato le cose? Non lo so. Personalmente non ci vedo una grande differenza.

      Vedremo comunque. Auguri a Prandelli, ma sono pessimista.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...