Assolto Massimo Tartaglia. Giusto. Ma quegli altri?


Il Gup di Milano, Luisa Savoia ha assolto Massimo Tartaglia «perchè non imputabile in quanto incapace di intendere e volere al momento del fatto»

Giusto, se era incapace di intendere e volere al momento del fatto.

Ma quelli che gli hanno armato la mano incitando all’odio e alla violenza, quelli che dai palchi nellle piazze e dai microfoni istigano alla caccia al’uomo ed esaltano l’imbecillità di certe teste calde.” Tutti assolti? Sono anche quelli «incapaci di intendere e volere»?

Non lo sono. E sono tutti in libertà e continuano a sbraitano dai loro pulpiti.

Povera Italia

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Assolto Massimo Tartaglia. Giusto. Ma quegli altri?

  1. elisabetta ha detto:

    Cosa vuol dire “incapace di intendere e volere?”

    Se analizziamo la frase, dovrebbe voler dire che il personaggio è imprevedibile ed essere capace di azioni violente e anche delittuose senza che egli se ne renda conto…
    E allora? Non credi che un personaggio così sia pericoloso lasciarlo libero di poter agire in mezzo agli altri dove potrebbe causare danni e avventarsi cointro chiunque anche con gravi o peggio nefaste conseguenze???
    Che si fa in questo caso???? Lo si assolve ancora per “incapacità di intendere e volere”? e lo si lascia ancora libero e poi ala prossima, ancora libero e così via………..?

    Io penso che con una sentenza del genere, e bada non perchè si è avventato contro Berlusconi visto che per lui che per quell’intendere e volere dovrebbe non aver avuto preferenze o ideologie politiche, non sia una sentenza completa….per chi manca di capacità di intendere e volere ci dovrebbe essere almeno un internamento in un luogo di cura.
    Un tempo c’erano i manicomi che la legge 180 del ’78 ha abolito: effettivamente, così come erano impostati erano dei veri e propri lager, ma penso che individui con disturbi mentali debbano essere comunque curati in strutture adeguate con o senza la loro autorizzazione.

    • frz40 ha detto:

      Il giudice ha disposto come misura di sicurezza che resti in libertà vigilata per un anno nella comunità di recupero dove si trova ora, agli arresti domiciliari. Tartaglia dovrà conformarsi alle indicazioni del direttore della comunità, potrà ottenere dei permessi per andare a visitare alla famiglia ma non potrà partecipare a manifestazioni pubbliche come quella del dicembre scorso in cui aggredì Silvio Berlusconi.

      Basterà? Ho i miei dubbi. Così come ho i miei dubbi su quel “al momento dell’aggressione”.

      Non ho comunque elementi di giudizio e mi devo attenere alle perizie, in base alle quali anch il PM ha chiesto l’assoluzione.

      Anch’io mi pongo, come te tante domande.

      Ma la cosa che più mi preoccupa è che il clima politico non ha abbassato i toni, anzi!! E quelli sono i veri mandanti.

  2. Vincenzo ha detto:

    Caro Frz,
    Con buona pace di tutti Massimo Tartaglia è stato inserito in una Comunità di ricupero avendo il P.M. accertato che non esisteva un complotto alle spalle di quel gesto sconsiderato e deprecabile.
    Ma quelli che tu chiami “gli altri” cioè “quelli che dai palchi nelle piazze e dai microfoni istigano alla caccia all’uomo ed esaltano l’imbecillità di certe teste calde” chi sono? Io non ho ma sentito parlare nessuno in quel senso e sarei curioso di conoscere da te la fonte di questa informazione.
    Non metto in dubbio ciò che hai scritto … mi piacerebbe però conoscere in modo più specifico il nome o i nomi di chi incita, come tu riporti, alla caccia all’uomo.
    🙂
    Vincenzo

    • frz40 ha detto:

      Credo che questo tuo commento meritasse un post a parte. Lo trovi qui.

      In questa sede mi limito ad osservare che, per quanto ho potuto leggere, non mi risulta che “avendo il P.M. accertato che non esisteva un complotto alle spalle” etc etc. Ma l’idea del complotto non mi pare che abbia mai trovato fondamento.

  3. Pingback: Volgarità da “senatùr” | Frz40's Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...