Ci si mette pure il Gobbo

Non mi piacciono i burattinai che direttamente o indirettamente sventolano lo spauracchio della violenza di piazza.

Ne ho scritto spesso riferendomi soprattutto a certi personaggi del nostro Gotha politico.

Adesso è il turno di Gian Paolo Gobbo, segretario veneto della Lega e sindaco di Treviso che dichiara:

«Se si ferma il federalismo c’è il rischio che succeda qualcosa di brutto, qualcosa che va al di là della democrazia. C’è un clima in giro di odio verso la politica e i politici che non mi piace per niente».

Gian Paolo Gobbo per fortuna non è una figura di primo piano del nostro mondo politico, e mi auguro che non lo sia mai, e se vuol sognare della sua Padania Libera, faccia pure, ma non sfrugugli la violenza, per favore.

Lo fanno già in troppi.

( da: IL GAZZETTINO.IT )

Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Ci si mette pure il Gobbo

  1. Quarchedundepegi ha detto:

    Hai più che ragione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...