Ma le donne son proprio sceme

Pazienza tradire il marito con un bel fusto, può capitare, ma farsi pure fotografare nell’intimità mi pare il colmo.

Ho pubblicato l’altro giorno LINK la storia di quella 40enne trevigiana ammaliata da una foto apparsa nella vetrina di un agenzia matrimoniale, che ora chiedeva la restituzione delle foto hot; ma quella, almeno, era in cerca di un marito.

Leggo ora questa notizia su Il Messaggero:

Conosce donne su Facebook, ci fa sesso le filma e le ricatta

Dice:

“Rimorchiava donne su Facebook, poi le filmava mentre ci faceva sesso e le ricattava minacciando di rivelare tutto ai mariti. Per questo motivo, un attore di Sabaudia, Mario Agnoletti, 41 anni, è stato arrestato dai Carabinieri di Valdagno, in provincia di Vicenza su richiesta della procura di Latina.

I militari dell’Arma hanno messo le manette all’uomo dopo che questi aveva incassato, attraverso Postepay, mille euro da una vicentina 45enne. Quest’ultima aveva conosciuto Agnoletti su Facebook sei mesi fa e con lui aveva avviato una relazione clandestina. La donna, sposata con un autotrasportare di Montebello, si era incontrata in vari alberghi di Roma con Agnoletti acconsentendo di farsi filmare durante i loro rapporti sessuali.

I militari dell’Arma hanno sequestrato nella casa di Agnoletti decine di filmati che l’uomo aveva realizzato durante i rapporti sessuali con molte altre donne.”

Che dire? Più sceme di così !

(fonte : Il Messaggero)

Questa voce è stata pubblicata in Stuzzichini e curiosità e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

13 risposte a Ma le donne son proprio sceme

  1. lorettadalola ha detto:

    Premetto che non mi sono mai fatta immortalare in un momento così intimo, ho cercato di vedere il bello dell’azione nel tuo post precedente ma questo…mi scatena solo rabbia! Le donne saranno pure ingenuamente sceme ma certi uomini solo porci e truffatori ed è non solo riprovevole ma sporca anche la fantasia e l’immaginazione – Perchè non ci si può abbandonare nelle braccia di un uomo, lasciarsi andare alle emozioni, vivere un bel momento…e… poi …dover bruscamente fare i conti con la razionalità vedendosi catapultati in una squallida realtà? – Le ha tolto anche il ricordo. Che orrore, che rabbia, che…che…tutto, ggggrrrrr!

  2. elisabetta ha detto:

    Concordo con te… le donne che ci cascano sono proprio “sceme”…. ma gli uomini???? Non possiamo anche per loro scagliare una pietra e dire “gli uomini, che mascalzoni” ?

    C’è sempre una par-condicio…… 🙂

    eli

  3. vincenzo ha detto:

    Che le donne siano ingenue non direi proprio …in questo caso non parlerei di ingenuità o scemenza.
    Più che altro bisognerebbe, prima di concedersi, conoscere un pò meglio con chi si decide di andare a letto.
    Penso che al giorno d’oggi, data la rilassatezza generale dei costumi, sia fin troppo probabile trovarsi alla spicciolata tra le lenzuola con sconosciuti … non bastano un bel viso o belle parole.
    Un tempo, almeno in certi ambienti, non era così.
    Le donne pretendevano di essere corteggiate.
    Sembra sciocco … ma non tanto … una conoscenza verbale … giocata anche su confronti dialettici, mettevano in luce l’educazione, la cultura e i rispettivi valori …magari anche la famiglia ….. a quel punto gli “OK” potevano portare ad “approfondimenti” graduali su altri piani … compreso quello orizzontale.
    Con tali premesse i rischi di cui si parla in questo blog verrebbero drasticamente a ridursi.
    In conclusione mi pare di potere affermare che è la mancanza di freni ed il desiderio di non perdere nessuna opportunità la prima ragione di incontri avventati dettati solo dai sensi e dalla smania di non perdere la corsa al piacere fine a sè stesso…. con le conseguenze immaginabili.
    No! La colpa non è solo degli uomini … mascalzoni!
    Ciò premesso e sotto ogni aspetto lo si voglia vedere, in ogni caso, non ci sono parole adeguate per definire lo squallore dello spregevole ricattatore che finalizza la “conquista” per monetizzare vilmente l’evento a spese della buona fede di chi, in un momento così particolare, gli ha voluto anche dare di più.

    Vincenzo

  4. quarchedundepegi ha detto:

    IL MONDO È BELLO PERCHÈ È AVARIATO!

  5. frz40 ha detto:

    Premetto che non giustifico in alcun modo uno sporco ricattatore che si approfitta della debolezza altrui per unire l’utile al dilettevole e aggiungo che condivido appieno il commento di Vincenzo (a proposito: ben tornato !) quando descrive la facilità con cui molte donne si lasciano andare tra le braccia del primo venuto.

    Non voglio con questo criticarle più di tanto. Le situazioni familiari possono anche indurre, spesso, a certi comportamenti e a credere di potersi permettere qualche emozione extra.. Di certo, però, sanno bene quello che fanno. E se lo fanno con troppa ingenuità, tanto da trascurare ogni elementare precauzione, non credo che sia il termine “sceme”, nel senso di “credulone”, sia del tutto sbagliato.

    Dove non vedo alcuna ingenuità, però, è nel filmare e riguardare la scopata. Qui entrano in ballo il voyeurismo e l’abbandono della propria dignità che non approvo né nell’ambito di un rapporto consolidato, né, e tanto meno, tra le braccia del primo venuto. Neppure, come dice Vincenzo, per volergli “dare di più”.

  6. vincenzo ha detto:

    Caro Frz,
    In riferimento all’ ultimo capoverso del tuo post l’aver filmato la “scopata” da parte dell’uomo aveva con buona pobabilità l’unico obbiettivo di entrare in possesso di un deterrente tangibile a puro scopo ricattatorio, come di fatto è accaduto, più che indulgenza al voyeurismo.

    Il tuo punto di vista sul voyeurismo è però interessante ma apre un altro tema che potrebbe definirsi “Attività amatorie, ovvero limiti e tabù nell’alcova”
    (potresti prenderlo come suggerimento 🙂 🙂 per un altro argomento di dicussione 🙂 🙂 )

    Vincenzo

    • frz40 ha detto:

      Lo confesso: per un eventualle post dal titolo “Attività amatorie, ovvero limiti e tabù nell’alcova” non ho proprio il know how necessario.

      Sorry. 🙂

  7. marisamoles ha detto:

    Premetto che non vorrei essere nei panni di una donna single in cerca di un’avventura o anche di un compagno fisso. Il sesso è, oggigiorno, troppo rischioso e anche se in un primo tempo si possono prendere delle precauzioni (per scongiurare le malattie oltre che una gravidanza), poi cosa si fa? Si chiede al partner di sottoporsi al test per l’HIV? Perché nessuna conoscenza, seppur duratura, può assicurare che non ci sia una malattia pregressa.

    In secondo luogo, pur superando tutti i timori e ottenendo le rassicurazioni del caso, nel momento in cui l’uomo in questione mi chiedesse di riprendere i rapporti sessuali con la videocamera lo manderei in quel paese e rimarrei da sola.

    Quindi, sono d’accordo con frz: donne che acconsentono a proposte del genere sono sceme, non ingenue, non sprovvedute, proprio sceme. Ma è anche vero che, come osserva Loretta, alcuni uomini sono dei porci e, come ricorda Elisabetta, dei mascalzoni. Ma non dite, per piacere, che le donne, almeno certe donne, sono delle vittime: certe situazioni se le vanno a cercare e non hanno coraggio di dire di no per non restare da sole o per assaporare tra le braccia del primo venuto una passione che il marito non sa più offrire loro.

    E adesso, caro frz, puoi dire tranquillamente: Eva contro Eva … soprattutto perché, in alcuni casi, si parla di un’Eva che può tranquillamente essere apostrofata nel modo in cui normalmente, a torto o a ragione (non l’ho mai davvero capito!) è d’uso. 🙂

  8. frz40 ha detto:

    @ marisa e tutti

    Povere donne, povere Eve…. Li hanno sempre tutti contro. Anche nella lingua italiana è curioso notare come alcune parole (e modi di dire), al maschile, abbiano un significato, mentre se poste al femminile, in taluni contesti, ne assumano di completamente diversi.

    Cortigiano: gentiluomo di corte
    Cortigiana: mignotta

    Massaggiatore: chi per professione pratica massaggi, kinesiterapista
    Massaggiatrice: mignotta

    Il cubista: artista seguace del cubismo
    La cubista: mignotta

    Uomo disponibile: tipo gentile e premuroso
    Donna disponibile: mignotta

    Segretario particolare: portaborse
    Segretaria particolare: mignotta

    Uomo di strada: uomo duro
    Donna di strada: mignotta

    Passeggiatore: chi passeggia, chi ama camminare
    Passeggiatrice: mignotta

    Mondano: chi fa vita di società
    Mondana: mignotta

    Uomo facile: con cui è facile vivere
    Donna facile: mignotta

    Zoccolo: calzatura in cui la suola è costituita da un unico pezzo di legno
    Zoccola: mignotta

    Peripatetico: seguace delle dottrine di Aristotele
    Peripatetica: mignotta

    Omaccio: uomo dal fisico robusto e dall’aspetto minaccioso
    Donnaccia: mignotta

    Un professionista: uno che conosce bene il suo lavoro
    Una professionista: mignotta

    Uomo pubblico: personaggio famoso, in vista
    Donna pubblica: mignotta

    Intrattenitore: uomo socievole, che tiene la scena, affabulatore
    Intrattenitrice: mignotta

    Adescatore: uno che coglie al volo persone e situazioni
    Adescatrice: mignotta

    Uomo senza morale: tipo dissoluto, asociale, spregiudicato
    Donna senza morale: mignotta

    Uomo molto sportivo: che pratica numerosi sport
    Donna molto sportiva: mignotta

    Uomo d’alto bordo: tipo che possiede uno scafo d’altura
    Donna d’alto bordo: mignotta (di lusso, però)

    Tenutario: proprietario terriero con una tenuta in campagna
    Tenutaria: mignotta (che ha fatto carriera)

    Steward: cameriere sull’aereo
    Hostess: mignotta

    Uomo con un passato: chi ha avuto una vita, magari sconsiderata, ma degna di essere raccontata.
    Donna con un passato: mignotta

    Maiale: animale da fattoria
    Maiala: mignotta

    Uno squillo: suono del telefono o della tromba
    Una squillo: mignotta

    Uomo da poco: miserabile, da compatire
    Donna da poco: mignotta

    Un torello: un uomo molto forte
    Una vacca: una mignotta

    Accompagnatore: pianista che suona la base musicale
    Accompagnatrice: mignotta

    Uomo di malaffare: birbante, disonesto
    Donna di malaffare: mignotta

    Prezzolato: sicario
    Prezzolata: mignotta

    Buon uomo: probo, onesto
    Buona donna: mignotta

    Uomo allegro: un buontempone
    Donna allegra: mignotta

    Ometto: piccoletto, sgorbio inoffensivo
    Donnina: mignotta

    MORALE: O C’E’ QUALCHE PROBLEMA NELLA LINGUA ITALIANA, OPPURE
    PROPRIO MIGNOTTE SONO !!!!

    Ehm, eh …. 🙂

    • marisamoles ha detto:

      Bello questo excursus linguistico serale! Se poi vogliamo considerare anche i “prestiti” da altre lingue, un termine molto di moda è “escort” che in Inglese riferito ad un uomo o ad una donna significa “scorta” o “guida”, ma in Italiano si usa solo per la donna e significa … mignotta!

      Buona notte!

  9. patrizia ha detto:

    sai franz non mi piaccioni i commenti su certe donne e certi uomini
    fanno parte della categoria “ignoranti”ci sono molte cose importanti
    nella vita che non cercare su face -book delle squallide avventure

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...