Sesso e amore. Perchè proprio una prostituta?

Un’amica, lorettadalola , affronta nel suo blog un delicato argomento, quello degli uomini che si rivolgono sempre più a prostitute e ne tratteggia un’aperta condanna.

Dice, tra l’altro: « è un dato che sorprende ma soprattutto fa riflettere su quali possano essere oggi le esigenze maschili. Perché si prova piacere nel pagare una donna e farsi offrire in cambio del sesso? [..] Faccio decisamente fatica a comprendere come si possa comprare con il danaro un essere umano per trastullarsi, forse perché ho una mentalità femminile o forse semplicemente perché non riesco a concepire una donna  come cosa che si può acquistare, usare, mollare alla stregua di qualunque merce. [..] Una riduzione della sessualità a miserabile sfogo. Faccio altresì fatica ad immaginare questo modo di fare piuttosto sbrigativo, grossolano e brutale con la partner che non può che suscitare  nell’animo della prostituta e non solo in lei,   un sentimento di disgusto profondo, difficile poi da sradicare. – e conclude – Ci si dimentica che il rapporto sessuale deve essere sempre desiderato da tutti e due e che deve essere preceduto da una fase di preparazione amorosa. Il sesso, anche quando non è legato all’amore con la a maiuscola, non può essere scisso dal rispetto.»

Mi pare che in questo suo post si faccia una gran confusione tra ‘fare sesso’ e ‘fare l’amore’.

Proprio sul Corriere di ieri, 30 agosto, c’è un bell’articolo di Francesco Alberoni, questo, che ne evidenzia le differenze. «Fare sesso – dice – può essere un atto volontario senza nessun coinvolgimento emotivo, senza bisogno di conoscere la vita dell’altro, senza partecipare delle sue emozioni, dei suoi sogni. Un uomo guarda una donna, una donna guarda un uomo, si piacciono fisicamente, vanno a cena insieme e poi, dopo qualche tempo, si rotolano nudi nel letto, si baciano, si penetrano, sembra che non possano più fare a meno l’uno dell’altra, gridano di piacere, poi si addormentano beati. Ma se durante il rapporto sessuale gli cambiassero il partner continuerebbero lo stesso

E il sesso piace, attizza, intriga e spinge a provare cose nuove e nuove emozioni. Tanto per l’uomo, quanto per le donne che ne provano piacere. Non sono casuali le storielle del milkman negli USA e dell’idraulico o del postino qui da noi.

Da sempre le donne tradiscono e lo fanno prima di tutto per puro sesso, così come gli uomini. Saranno forse meno (forse!…), ma mica troppo, se no non si capirebbe con chi vada quel 50% di uomini che, secondo le statistiche, stanno tradendo la moglie.

E le donne che tradiscono sono sempre di più e sono sempre di più alla ricerca di nuove tecniche e sensazioni. Esattamente come gli uomini. E se volete convincervene, aprite a caso una qualunque rivista femminile e ci troverete l’angolino dedicato alle posizioni e alle fantasie erotiche. (E’ un consiglio per i maschietti: fatelo, è dalle donne che c’è sempre da imparare …).

Perché piace? A mio avviso per due principali motivi: per il piacere fisico e per la sensazione di potere che dona, che per l’uomo è di forza fisica e per la donna è di dominio sull’uomo che, in quel momento, è in totale suo possesso.

Ce n’è un terzo: la gioia di dar piacere al partner.

I primi due fattori sono di tipo puramente egoistico e, prescindendo da ogni considerazione etico-morale, sono più che sufficienti per spingere ad un rapporto occasionale, il terzo è quello più altruistico che dovrebbe sempre entrare in ballo nei rapporti di coppia stabili.

Ora, detto in tutta franchezza, non ci vedo tutta questa grande differenza tra un rapporto occasionale, ad esempio dopo due balli in discoteca, e un rapporto con una prostituta. Tutti e due hanno un solo ed egoistico scopo. Non c’è amore. C’è solo il desiderio di soddisfare un istinto primordiale e che questo sia reciproco poco importa dal punto di vista dei singoli. Conta solo il proprio di desiderio, di quello del partner non ne può importar di meno. E, quindi, che il partner lo faccia per voglia o per soldi è del tutto indifferente.

Vale non solo per gli uomini con le prostitute e con le escort, purchè maggorenni, ma vale anche per le donne che si rivolgono ai gigolò.

Che c’entra il rispetto? Se c’è un accordo, basta rispettarne i termini. Sarà un modo di fare piuttosto sbrigativo, grossolano, come dice loretta; ma ognuno dei due risolve un suo problema. Ognuno ha fatto la sua scelta.

Non sempre si può puntare ad un rapporto stabile. C’è chi non l’ha ancora trovato, chi l’ha perduto, chi ha dei problemi e chi non ritiene di poterlo affrontare per mille ragioni, spesso valide. Devono essere tutti condannati alla castità o all’autoerotismo?

Non saranno certo rapporti edificanti, su questo convengo, ma attenti a giudicare.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Problemi sociali, vita quotidina e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Sesso e amore. Perchè proprio una prostituta?

  1. lorettadalola ha detto:

    Scusa ma preferisco mille volte l’autoerotismo allo sfruttamento egoistico di un uomo – da anni mi batto perchè non voglio essere considerata un “contenitore di sperma” non voglio ne posso usare un uomo come pompa meccanica – Per me l’amore e il sesso sono un unione profonda che va ben oltre il solo soddisfarsi. – Il piacere nasce nelle emozioni, e attraverso la stimolazione di qualche terminazione nervosa ci fa vivere momenti fantastici. Se togliamo le emozioni e lasciamo solo la stimolazione nervosa togliamo l’80% del piacere. Chi identifica il piacere con la stimolazione meccanica…mi fa pensare alla canzone: “Chi si accontenta gode… così e così”…

    • frz40 ha detto:

      Che brutte imagini ! Senirsi lo “sfruttamento egoistico di un uomo” e “contenitore di sperma” e cosiderare “un uomo come pompa meccanica”!!!

      Brrrr, ma nessuno, credo, ti impone di esser tale. E se hai la fortuna di poter unire sesso e amore, chi più beata di te? Lunga vita al tuo amore.

      Altri sono meno fortunati.

  2. lorettadalola ha detto:

    MMMHHHH difficoltà virtuale della comunicazione…io non ho un amore da anni, quindi sono sfortunata…ma ho vissuto e se avrò la fortuna vivrò ancora splendidi incontri tra un uomo e una donna, felici di darsi reciprocamente emozione e piacere!

  3. vincenzo ha detto:

    Non posso che concordare. Chi ha potuto fare l’amore provando amore profondo ed attrazione … fosse anche una volta sola …. può capire appieno la differenza di cui parla Lorettadalola.
    Purtroppo il sesso è una necessità a volte irresistibile, specie per i giovani, ed è facile, se in astinenza, fare scelte valide solo per quel momento.
    In quei momenti e solo per pochi attimi può sembare di avere quell’appagameto che idealmente si vorrebbe avere sempre con la “persona giusta”…. quella che ti ama e che corrisponde…
    Credo che sia per questo che un uomo o una donna affettivamente soli cerchino, ove possibile, quell’illusione anche se per pochi istanti.
    Per tutto questo non mi sento di condannare chi si dà al primo o si accompagna ad una prostituta.
    Credo che la solitudine sia la situazione peggiore per ogni essere umano.

    Vincenzo

  4. Pingback: Donne mie, dolci e romantiche, appartenete ad un altro mondo! | Frz40's Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...