Dopo i numeri del lotto in sogno, anche il nome degli assassini.

Questa pare essere, infatti, la nuova frontiera dei sogni. Così almeno sembra stando a questa vicenda riportata da Il Messaggero di oggi che titola:

“Fa riaprire le indagini sulla morte della madre: «In sogno mi ha detto il nome del killer»”

L’incredibile storia si svolge a Genova. Una donna di settantacinque anni era stata trovata morta strangolata sul suo letto l’11 settembre 2002. Qualche settimana fa il figlio si è presentato alla caserma dei carabinieri a raccontare una storia: sua madre gli è apparsa in sogno e gli ha svelato l’identità del suo assassino. Ha fatto nome, cognome e professione di un noto commerciante genovese.

Pare anche che, prima di andare dai carabinieri, ii figlio si sia anche recato da una sensitiva che, attraverso una seduta spiritica ha certificato la bontà della “confessione ultraterrena”.

Pare anche che sulla base di questa rivelazione sia già stato anche fatto un accertamento sul dna in relazione alle tracce biologiche dell’assassino ritrovate nella casa della vittima.

Che ne pensate di questo nuovo strumento d’indagine? A me sembra di sognare !!!!

.
Questo l’articolo de Il Messaggero

Questa voce è stata pubblicata in Fatti e notizie dall'Italia e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Dopo i numeri del lotto in sogno, anche il nome degli assassini.

  1. lorettadalola ha detto:

    Della serie: A noi ci fa un baffo CSI e i RIS…

  2. vincenzo ha detto:

    Anche a me sembra di sognare….. il fatto e che poi ci si svegli!
    🙂 🙂 Vincenzo

  3. Quarchedundepegi ha detto:

    Se è vero che qualcuno è diventato ricco perchè un parente, in sogno, gli ha “dato” i numeri giusti da giocare al lotto, perchè non deve essere possibile qualcosa di “buono”? Per quanto riguarda il sensitivo non è facile esprimere un pensiero.
    Le “energie” che non si toccano, checchè se ne dica, lavorano molto di più di quello che crediamo. Sono una fantastica realtà!

  4. Quarchedundepegi ha detto:

    Bisogna sempre saper distinguere. Qualche volta ci vuole un po’ di fede. È come in Amore? Anche lì ci sono le “bufale”?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...