La disperazione del “giorno dopo”

Anche quest’anno seguirò “Amici”.

Non sono un arrapato della tv, la guardo raramente: solo per le notizie, per gli avvenimenti sportivi e, non riesco quasi mai a seguire completamente un programma, eccezion fatta per “Amici”. Mi piace, anche se il mondo dello spettacolo non mi attira. Ha delle logiche che non sono le mie e troppo spesso il talento non riesce ad affermarsi per ragioni che nulla hanno a che vedere con la qualità dei protagonisti.

Troverete strano che inizi a parlare di “Amici” partendo da “Velone”, ma mi serve per trattare di un aspetto che mi sta molto a cuore.

Non c’era certo talento in quel di ‘Velone’; un programma per il quale, in altro post, mi son chiesto che senso avesse. Un amico mi ha risposto: “Trovo che, fra tutte le frescacce che la televisione ci propina, vedere queste simpaticissime vecchiette che si danno da fare per essere qualcuno, fa una certa tenerezza. Potrebbe darsi che una buona parte di queste “velone” abbia trafficato umilmente tutta la vita ad allevare i figli e ad assecondare, è possibile, un marito dittatore e magari violento. Ora sono “qualcuno”, solo per una sera… meglio che niente”.

Io non so se sia meglio che niente. Dipende da come supereranno quel che ne verrà dopo; ed è questo il punto dal quale voglio partire.

Lucia De Benedictis, una delle tre finaliste di “Velone” , si è rivolta ad Alfonso Signorini, che lo riporta su Sorrisi & Canzoni TV, dicendo:

“ Intanto le dico che sono stata felicissima dei risultati personali ottenuti. Non discuto sulla giuria, anche se avrei qualcosa da dire sul verdetto. Quello che invece mi è dispiaciuto è stato il trattamento riservato a noi due seconde classificate perché, finito lo spettacolo, le luci si sono spente e noi siamo rimaste da sole sul palco senza un saluto, un commento o quant’altro, a chiederci: “Ma cosa ci stiamo facendo qui?”. Ce ne siamo tornate a casa alla chetichella come se ciò che avevamo fatto in tutti in questi mesi non fosse mai avvenuto! Si sono spente le luci e basta. Così… in pochi minuti sono stata rilanciata nell’anonimato in cui mi trovavo fino a qualche mese fa”.

Così le risponde Signorini:

“La lettera di Lucia, che saluto e ringrazio, illustra meglio di chiunque altro la situazione psicologica di chi per qualche ora, o per qualche mese, si sente travolto da un’improvvisa popolarità mediatica e quel che poi succede nella maggior parte dei casi. Se a vivere certe sensazioni di disagio è una persona adulta e navigata dalla vita, quel che può restare alla fine è solo una sensazione di amarezza destinata a scomparire. Ma quando a provarla è un ragazzo adolescente, come spesso succede, allora cambia tutto. E incominciano i problemi veri”.

E questo è quel che mi ha sempre fatto paura del mondo dello spettacolo, ed è questo che mi fa paura per quei ragazzi e per tutti coloro che si affacciano a quel mondo.

Non tanto il prezzo dei sacrifici per arrivarci, non tanto quello dei sacrifici e spesso dei pesanti compromessi per rimanerci, ma la crudeltà di quel giorno che sarà ‘il giorno dopo’. Quello nel quale il telefono non squillerà più e che aprirà le porte alla solitudine. Quello che sarà difficile da superare e potrà portare alla disperazione.

Guarderò questi ragazzi di “Amici”, vedrò il loro entusiasmo in quei loro occhi pieni di speranza e m’innamorerò di ciascuno di loro.

Vorrei che il talento permettesse loro di avere sempre momenti di successo e gioia.

Parteggerò per loro, mi ribellerò alle ingiustizie che dovranno subire, protesterò come sempre contro la supponenza e la smania di protagonismo degli adulti.

Per qualcuno avrò una maggior preferenza e simpatia. E’ normale, ma a tutti auguro di far tesoro di questa esperienza, di non soffrire troppo se le cose non andranno per il giusto verso e, soprattutto, di saper affrontare serenamente quel giorno.

Quello del “giorno dopo

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in "Amici", il mondo della tv e dello spettacolo e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

5 risposte a La disperazione del “giorno dopo”

  1. Isa2k ha detto:

    A te auguro buon divertimento, che lo spettacolo siano le esibizioni e non i litigi.
    Ai ragazzi coinvolti auguro che non vengano massacrati come Matteo nell’edizione precedente e che finalmente la DeFi dia una svolta significativa.
    A me stessa auguro di sbagliarmi quando penso che sarà il solito massacro di talenti in favore dell’audience e della monetizzazione veloce.

    Vedo che non c’è un banco di lirica, anche se il bando lo prevedeva. Mi sa tanto che i lirici che hanno buone speranze dopo avere visto come hanno trattato Mateo ci hanno pensato non due ma cento volte prima di iscriversi ai provini… e tutti gli altri non erano all’altezza.

    • frz40 ha detto:

      Lo so, ci saranno due vincitori, ma io vorrei che il successo arridesse soprattutto ai ballerini. Dopo tanti anni di fatica se lo meritano.

      Vorrei anche che la finale fosse con un regolamento equo, e non “tagliato” a favore di qualcuno.

      Vedremo.

      A presto, isa

  2. Isa2k ha detto:

    Per la considerazione riguardante gli anni di fatica non sono tanto d’accordo, o per lo meno in parte. Anche per cantare a un certo livello ci vuole tanto, tanto studio. Fatica e sacrifici anche per quello. Te la faccio passare, però, perché il 99% dei cantanti che approdano ad Amici è già tanto se leggono uno spartito in chiave di sol. Ma forse sono io che chiedo troppo, visto che il mio punto di riferimento è Matteo Macchioni. 🙂

    Per quanto riguarda l’augurio della vittoria a un ballerino sono d’accordo con te, così come sono STRAd’accordo con te per quanto riguarda il regolamento. Durante l’ultima edizione, nella fase del serale, abbiamo visto stravolgimenti che hanno del vergognoso!

  3. elisabetta ha detto:

    Vedi, Franco, è qui che sta l’errore ….
    Voler essere protagonisti….

    Nella vita ognuno è protagonista: protagonista nella propria esistenza… protagonista nella propria famiglia, protagonista nella cerchia degli amici e negli altri affetti personali, protagonista nell’ambiente di lavoro… protagonista insomma all’interno del proprio piccolo mondo.

    Ma quello che molti ragazzi di oggi non vogliono, è rimanere racchiusi in questi spazi (sentirsi solo piccoli protagonisti)….sono spazi troppo stretti….
    E’ la notorietà quella che vogliono … sentirsi divi, adulati, imitati e soprattutto portati al settimo cielo, vogliono apparizioni in TV e interviste, vogliono lauti guadagni e vita mondana, vogliono essere riconosciuti per strada, vogliono poter distribuire autografi e sentire su di loro gli sguardi di ammirazione e di invidia di chi hanno lasciato per strada e tutto ciò lo vogliono subito senza troppe attese.

    E’ logico che con tali obiettivi, quando quel “giorno dopo” arriverà saranno dolori, delusioni e grandi sofferenze….
    Ne sarà valsa la pena?….
    Non avranno perso intanto parte della propria vera esistenza in quello spazio anche piccolo all’interno del quale avrebbero avuto il loro ruolo di protagonisti molto più gratificante?

    Ma ognuno è libero di scegliere e di vivere secondo il proprio punto di vista e ogni scelta deve essere rispettata, ma vorrei dire a quei ragazzi pieni di sogni e di aspettative che purtroppo molto spesso il risveglio da questi sogni fa atterrare ad una realtà la cui strada è più difficile da riprendere… quindi… preparatevi prima e non puntate tutto sul numero che credete vincente.

    eli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...