La spazzatura di Napoli

Avrei una domanda: perchè se ne deve occupare il Governo?

Questa voce è stata pubblicata in In Italia questo e altro, Politica, vita quotidina e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a La spazzatura di Napoli

  1. elisabetta ha detto:

    Mi scuso per l’ignoranza in materia, ma anch’io vorrei capirci qualcosa: perchè questi problemi sono sempre solo in Campania??? Nelle altre regioni come avviene lo smaltimento???? e in quali discariche scaricano i rifiuti?
    Non so se, se ne deve occupare il Governo e se il Governo se n’è occupato anche nelle altre regioni…. ho già precisato la mia ignoranza in materia, quindi anch’io vorrei conoscere e capire…
    Se qualcuno cortesemente me lo può spiegare, lo ringrazio fin d’ora….
    eli

  2. Vincenzo ha detto:

    Anch’io non lo so ma …azzardo un’ipotesi: quando il problema degeneri in una situazione che metta a rischio l’ordine pubblico ….. e al cospetto di inadeguate risposte da parte dell’Amministrazione locale …..
    Vincenzo

  3. quarchedundepegi ha detto:

    Ecco quanto ho scritto sul blog di Silvanascricci:
    http://silvanascricci.wordpress.com/2010/10/23/per-grazia-non-ricevuta/

    Non seguo molto questa storia del napoletano. Quello che mi ha colpito di più è quanto ho sentito dire da Berlusconi. Stando a quanto avrebbe detto lui (l’ho sentito con le mie orecchie) la discarica, una volta colma, verrebbe ricoperta di terra che a sua volta riceverebbe alberi e vegetazione. Lui ha parlato testualmente di alberi.
    Mi chiedo e vi chiedo:”Ma è questo il modo migliore di trattare la spazzatura? La spazzatura con gli alberi sopra se ne sta buona e non disturba il sottosuolo? Ma come si fa a dire seriamente certe cose?”

    Lavorare in quel modo è l’equivalente del buttare le camionate di spazzatura in mare.
    Ho sempre pensato che il problema della spazzatura del napoletano fosse colpa dei napoletani. Ora, dopo aver ascoltato incredulo le parole di Berlusconi, penso proprio che la reazione degli abitanti di quelle zone sia più che legittima.
    Quante sofferenze veramente “gratuite”!

    • frz40 ha detto:

      Non lo seguo nemmeno io, ma mi sembra impossibile che certe cose accadano sempre negli stessi posti.

      Quanto al ricoprire le immondizie di terra capisco il tuo punto di vista, ma è una prassi piuttosto usata; ne conosco diversi esempi a Torino e Milano. Nei casi di emergenza ce ne sono di migliori?

  4. Vincenzo ha detto:

    E le falde acquifere che scorrono sotto il terreno sai dove vanno a convogliare tutto il veleno?
    Si era parlato di mozzarelle alla dioxina o sbaglio?… e poi….più nulla!
    E l’ erba dei pascoli? E l’ irrigazione dei campi e degli orti?
    Mi sembra una soluzione folle … ma probabilmente mi sbaglio.

  5. quarchedundepegi ha detto:

    @frz40
    Ma sono anni che è “emergenza”. In tutti questi anni si poteva far qualcosa. Mi consta che a Brescia facciano le cose in modo impeccabile… e per giunta si riscaldano le abitazioni. Se manca la volontà e ci si limita a pettegolare sugli appartamenti di questo o di quello…
    Intanto c’è sempre la speranza di fare il ponte sullo stretto di Messina!
    @Vincenzo
    Dici delle cose più che giuste!

  6. Vincenzo ha detto:

    “L’emergenza” rifiuti a Napoli continua da oltre 15 anni!
    I motivi? La camorra gestisce i trasporti dei rifiuti, anche quelli tossici delle fabbriche al nord e da tempo ( si parla già dagli anni ’80) li ha accumulati in grotte o scavi a cielo aperto nelle aree del napoletano … si parla di 15.000 siti!
    L’inceneritore di Acerra funziona malissimo (su tre linee ne funziona a singhiozzo una sola) e chiaramente è osteggiato in tutti i modi dalla camorra stessa … se scomparissero i rifiuti finirebbe o si ridurrebbe il business!
    NB. queste informazioni derivano da “il Sole 24 ore” e, tanto per fare nomi, Bertolaso si occupa della questione dal 2006.
    Non sapendo più come smaltire i rifiuti ora il Governo ha deciso di trasportare i rifiuti nell’area del Parco Nazionale Vesuviano (zona considerata dall’Unesco “patrimonio dell’umanità”) e questa pseudo soluzione genererà il medesimo tipo di inquinamento già provocato dalla camorra: ecco perchè le popolazioni si oppongono…
    Metropoli come Londra e New York non hanno questi problemi perchè tra valorizzatori e inceneritori i rifiuti vengono regolarmente smaltiti ….a Napoli sembra che tutto ciò sia irrisolvibile…. che qualcuno ci marci?
    Vincenzo

  7. Quarchedundepegi ha detto:

    @Vincenzo
    E credo che questa volta, e forse anche altre, le popolazioni abbiano perfettamente ragione. E poi, per risolvere un problema non credo difficile da risolvere, basta averne la volontà, andiamo a offendere un sito proclamato dall’UNESCO “patrimonio dell’umanità”?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...