Le catene a bordo, per cinque mesi, anche quando brilla il sole.

Il solito pasticcio all’italiana: qualcuno pensa bene di fare una legge più o meno stupida, qualcun altro pensa subito a dar disposizioni per non farla applicare, nel frattempo si solleva un bel polverone, qualcuno nel ci ha già fatto un business, qualcun altro alla fine dice «noi qui, annulliamo tutto».

Sto parlando delle ordinanze di alcune Provincie lombarde che impongono ai cittadini l’obbligo delle gomme da neve o delle catene a bordo per ben cinque mesi, tra il 15 novembre e il 15 marzo, senza nessuna distinzione tra giornate di sole, di pioggia, di vento o di neve.

Avvisare quando le previsioni meteo prevedono neve e dare l’obbligo solo per quei giorni? No troppa fatica. Meglio fissare una multa di 78 euro che faccia sole o meno.

Vabbé, ma c’è il buon senso. Eh sì, perché a Varese, ad esempio, il presidente della provincia Dario Galli spiega: « Daremo disposizione alla polizia provinciale di non sanzionare gli automobilisti a meno che si rendano responsabili di atti di grave intralcio al traffico, ovvero escano senza gomme adatte mentre nevica, provocando lunghe code». E non bastava una disposizione che prevedesse proprio questo? E poi, dice sempre lo stesso Dario Galli: « una paio di buone catene costa intorno ai 60 euro».

Nel mentre, naturalmente, i prezzi delle catene da neve e dei pneumatici invernali sono andati alle stelle e i rivenditori hanno segnalato anche l’impossibilità materiale di approvvigionarsene in modo da poter soddisfare tutte le richieste».

Nel frattempo, però, almeno in Provincia di Milano l’obbligo è stato rinviato sine die e non entrerà in vigore il 15 novembre come annunciato. La decisione finale è arrivata sabato dal presidente della Provincia Guido Podestà, dopo l’incontro con i rappresentanti delle associazioni di consumatori.

Non potevano incontrarli prima?

Comunque sia, mi pare che la storia no sia finita. Così funziona l’Italiana Repubblica di Franceschiello.

Via Il Corriere uno e due

Questa voce è stata pubblicata in In Italia questo e altro e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Le catene a bordo, per cinque mesi, anche quando brilla il sole.

  1. MammaDolce ha detto:

    Mi viene in mente il mitico film “Bianco, Rosso e Verdone” con quel rompiballe di FURIO. “Magda! hai chiuso il gas? hai spento le luci? Hai sprangato le imposte? hai preso la cartella elettorale? i documenti? la tessera Socio Aci? Ma tu mi ami?” siiiii! “Allora lo vedi che la cosa è reciproca?!” “Antongiulio mettiti al posto di Antonluca e tu Antonluca mettiti al posto di Antongiulio” AAARGHHHH. Ecco! Io mi sento come Magda quando leggo di tutti questi balzelli…. mi viene voglia di SCAPPARE!! e mi stò preparando a fare i bagagli da tanto tanto tempo!
    :-((

  2. elisabetta ha detto:

    Un vero casino…e soprattutto, come dici tu , il solito pasticcio all’italiana…..

    Non capisco quale scopo e quale utile possano avere le auto che transitano in città.

    Forse i Comuni non si sentiranno più in obbligo di ripulire le strade dopo una nevicata????

    E si… probabilmente è così, perché se dopo una nevicata in città le strade vengono regolarmente spazzate, catene o gomme da neve non servono e se le strade non sono ancora ripulite, non vedo perché colui che evita di uscire con l’auto per non trovarsi a dover affrontare la neve e il ghiaccio, debba essere obbligato a sobbarcarsi la spesa di catene o di gomme da neve.
    La logica eventualmente sarebbe di limitare questo obbligo per coloro che transitano sulle strade ancora innevate e esimere da tale obbligo coloro che non escono nemmeno di casa se nevica….
    E’ come se si imponesse al cittadino di uscire da casa quando nevica solo se indossa gli scarponi o i doposci…..

    Non so come e quando questa legge qui a Milano entrerà in vigore, ma so già che, come mia abitudine, comincerò a mandare reclami alle istituzioni che hanno emanato tale legge e voler avere più precise informazioni….

    eli

    • frz40 ha detto:

      Hai tutte le ragioni: ” La logica eventualmente sarebbe di limitare questo obbligo per coloro che transitano sulle strade ancora innevate… “.

      La logica vorrebbe proprio questo, ma la cassa forse no.

  3. quarchedundepegi ha detto:

    La legge è stata emanata a Roma? In questo caso c’è sicuro un inghippo per cui il “dritto” ci guadagna.
    In ogni caso bisognerebbe fare una precisazione, e cioè che da alcuni anni le gomme da neve dovrebbero chiamarsi “gomme invernali” perchè hanno una mescola più adatta al freddo; le gomme estive, d’inverno, non andrebbero bene e sarebbero meno sicure (anche se non nevica). Non credo che sia una questione solo commerciale. I gommisti ne sanno certamente molto più di me.

    • frz40 ha detto:

      Sì, la precisazione è corretta; le gomme invernali sono più adatte al freddo ed alle strade bagnate e sono altra cosa rispetto alle gomme da neve.
      La disposizione è di carattere locale, ed è stata assunta soprattutto da alcune provincie lombarde.
      Tuttavia:
      a) non mi pare che sussistano estremi di insicurezza delle gomme normali tali da dover imporre le costose gomme invernali per cinque mesi all’anno;
      b) con la neve a terra le gomme invernali sono insufficienti e ci vogliono lo stesso le catene.
      c) non ha senso quindi, a mio avviso, una norma che preveda le gomme invernali oppure, in alternativa, le catene a bordo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...