7 Dicembre: Sant’Ambroeus

Conosciamo spesso solo il nome dei santi e poco più. Oggi, 7 dicembre, è Sant’Ambrogio, per i milanesi Sant’Ambroeus, il patrono della città.

Ma chi è stato Sant’Ambrogio?

Vescovo, scrittore e uomo politico, fu una delle personalità più importanti nella Chiesa del IV secolo d.C.

Nacque forse nel 339-340 aTreviri (Gallia), dove il padre era prefetto del pretorio.
Destinato alla carriera amministrativa sulle orme del padre, frequentò le migliori scuole di Roma, partecipando poi alla vita pubblica della città e ricevendo un’educazione classica, in diritto,letteratura e retorica.

Dopo cinque anni di magistratura a Sirmio, nel 370 fu incaricato quale governatore della Liguria, poi dell’Emilia e, infine, giunse a Milano come governatore dell’Italia settentrionale, dove divenne una figura di rilievo nella corte dell’imperatore Valentiniano I.

Nel 374, alla morte del vescovo ariano Aussenzio di Milano, Ambrogio fu acclamato vescovo da tutto il popolo al grido “Ambrogio vescovo!”; nonostante fosse di fede cattolica, egli inizialmente rifiutò decisamente l’incarico, non essendo preparato: non aveva ancora ricevuto il battesimo né aveva affrontato studi di teologia. Dopo la conferma della carica da parte dell’imperatore Flavio Valentiniano, nel giro di una settimana Ambrogio fu battezzato e ordinato vescovo. Altri tempi !!

Quando divenne vescovo, adottò uno stile di vita ascetico, elargì i suoi beni ai poveri, donando i suoi possedimenti terrieri (eccetto il necessario per la sorella Marcellina). Per molti anni Aurelio Ambrogio, quando divenne vescovo, ebbe vari scontri con Giustina, imperatrice di Milano, di fede ariana.

Uomo di grande carità, tenne la sua porta sempre aperta, prodigandosi senza tregua per il bene dei cittadini affidati alle sue cure. Ad esempio, Sant’Ambrogio non esitò a spezzare i Vasi Sacri e ad usare il ricavo dalla vendita per il riscatto di prigionieri, disse che in questi casi era lecito spezzare questi Sacri Vasi anche se benedetti.

La sua sapienza ed il suo prestigio furono determinanti per la conversione di Sant’Agostino nel386, il suo seguace più eminente, che era venuto a Milano per insegnare retorica

La Chiesa cattolica venera la memoria del santo il 7 dicembre, la Chiesa ortodossa celebra la sua festa il 20 dicembre, mentre le Chiese vetero-cattolica e luterana lo commemorano il 4 aprile

Mi fermo qui, ma chi lo desiderasse può trovare molte altre notizie su Wikipedia, a questo link

Questa voce è stata pubblicata in Racconti. poesie, tradizioni, favole e leggende e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...