Amici 10 – quarto serale. Ovvero: le prime donne di un tempo che fu. Eliminata Antonella

E’ stata una serata particolare: l’ho intitolata alle prime donne di un tempo che fu.

La Vanoni, la Berté, la mia Juve, Jurman e, perché no, anche la Elisabetta Terabust.

Le prime due sono la caricatura di quel che sono state: gonfie, incerte nel muoversi e nel parlare, inguardabili. E’ vero: con la voce riescono ancora a farci emozionare, ma è l’emozione dei ricordi.

La Juve. Che c’entra? Nulla con Amici ma non potevo non fare un po’ zapping  finché la partita è stata in corso. Un gol splendido di Marchisio  durante un intervallo pubblicitario, poi due pappine sul gobbo da un’Udinese bella e determinata. Vai, Vecchia Signora, anche tu non sei più tu.

Jurman. Nel merito ha tutte le ragioni. E’ stato attaccato personalmente sin dalle prime puntate in day time e Rudy Zerbi, onestamente ,ha passato ogni limite Sabato scorso. Ma quella sua dichiarazione pubblica di voler lasciare il programma dopo l’eliminazione di Antonella, non la condivido. Un vero signore avrebbe sì lasciato il programma, ma in silenzio, il giorno dopo. Era a caccia di titoloni sui blog? Li ha avuti. Le prime donne fanno così.

E sopra le righe mi è sembrato l’intervento di Elisabetta Terabust. Troppa spocchia, anche se aveva ragione.

Dei ragazzi che dire?

Tutti i cantanti hanno mostrato una volta di più i loro limiti, soprattutto nei duetti.  Quando i loro partner sono professionisti di grande personalità, ancorché in disarmo come la Vanoni, con Virginio, e la Berté, con Francesca, ne vengono annientati. Farà share, ma non è un bel servizio della produzione. Eccezionale  Mario Biondi che però ha messo in mostra i limiti di swing di Annalisa. Così, così anche Antonella con Francesco Renga. Nei pezzi singoli bene Virginio e Annalisa. Insopportabile Francesca, non in serata Annalisa, influenzata.

Molto meglio i ballerini. Tifo per Giulia, ma mi sono piaciuti anche Denny in tutte le prove e Debora nel classico. Anche lo sfaticato Vito questa volta è riuscito a far due pezzi; bene, peraltro.

Antonella lascia il programma con gran dispetto di Jurman. Avendo vinto i blu doveva toccare o a lei o a Virginio. Chi avreste scelto? Io Virginio, se non altro perché mi mette tristezza. Tuttavia non vedo questo gran futuro per lei. Glie lo auguro, in ogni caso.

Il meccanismo del programma. E’ il vero punto debole di   Amici 10. Giustamente si è voluto avere due vincitori, uno per i ballerini e uno per i cantanti. Ma è assurdo mischiare le sorti degli uni a quelle degli altri. Si dovevano tenere due binari completamente separati, magari con più finalisti al serale, ma eliminando ogni sera un ballerino e un cantante in modo da arrivare ad una finale a due per entrambe le categorie. Un esempio di mal funzionamento?  Il Sabato viene concessa un’immunità. Questa di fatto salva anche l’altro componente della stessa categoria. Mi spiego. Ieri sera era immune Giulia. I commissari del ballo avranno avuto gioco facile a dare voti alti a Vito e chi ci ha rimesso è stato un cantante.

Diana. Ha dato vita all’Introduzione alla Sfida nei panni di un’improbabile Marylin Monroe per annunciare che da mercoledì alle 23.10 su Canale 5 affiancherà la Gialappa’s Band in Mai dire Amici. Auguri, la vedremo volentieri all’opera.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in "Amici" e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a Amici 10 – quarto serale. Ovvero: le prime donne di un tempo che fu. Eliminata Antonella

  1. marisamoles ha detto:

    Qualche pezzo della puntata me lo sono persa … il solito pisolino! 🙂
    Comunque i duetti, è vero, hanno messo in luce le debolezze dei concorrenti. Patetiche le due primedonne, specie la Bertè, che avrà pure ancora delle belle gambe, ma per il resto … non se pò guardà. Però, anche se Francesca non mi piace, ho notato che nel duetto quando cantava lei sembrava la Bertè stessa in playback. Ha la stessa voce e dire che stona pure come la Loredana!

    Non mi piace nemmeno Antonella – anche se onestamente credo meritasse di rimanere – però l’ho trovata molto brava nel duetto con Renga, l’unico, a parer mio, che ha messo a suo agio la “dilettante” di turno. Lui è bravissimo e io lo adoro; è stato bravo a duettare con Antonella e a riconoscerle il merito di aver fatto anche troppo, vista l’influenza.

    Su Jurman non mi esprimo, anche perché non ho assisitito né all’ennesima diatriba con Zerbi sabato pomeriggio né ho visto l’eliminazione di Antonella (stavo già dormendo
    😦 ), ma se è vero che ha annunciato la sua uscita nel caso fosse eliminata la sua pupilla, ti do ragione. Di prime donne non ne abbiamo proprio bisogno, tantomeno pelate! 😀

    E adesso arriviamo alla nota dolente: la coreografia di Garofalo e l’esibizione di Giulia e Deborah. Capisco che Giulia ti piaccia ma io l’ho trovata estremamente volgare nell’esecuzione, al contrario della rivale che sarà stata pure incerta, ma almeno era aggraziata e decorosa. La coreografia era a dir poco oscena e per questo mi sono fatta violenza per non cambiare canale. Ma che una ragazzina di 18 anni (parlo di Giulia, ovviamente) se ne esca con “Ho fatto quello che avrebbero voluto fare tutte” (non ricordo le parole esatte ma il senso era quello), riferendosi allo strusciamento sul pube di Stefano e co., be’ a me pare decisamente volgare. Una caduta di stile per nulla degna di una ballerina, e per ballerina intendo classica.

    Trovo che la Terabust più che difendere la Celentano abbia difeso se stessa. Se per te è da spocchiosi far, giustamente, notare che Cannito dice cazzate e per di più offende una ballerina del suo calibro, per me no, assolutamente. Ha fatto bene e, anzi, è stata anche troppo carina con lui. Spero che in privato gli abbia mollato un ceffone. Il minimo.

    Infine, sono felice che Diana sia stata ingaggiata dalla Gialappas. Se lo merita e spero per lei che faccia strada nel mondo dello spettacolo: abbiamo bisogno di ragazze spiritose, educate, brave e che non se la tirano … soprattutto che non flirtano con Corona. 🙂

    • frz40 ha detto:

      Ho rivisto oggi Antonella; non mi sembra che sia andata oltre un buion compitino.

      Le prime donne pelate !!!! Ah, ah 🙂 ! Per la verità negli anni scorsi c’è stato anche un momento per questo e magari tornerà. Ma se non son proprio carine….

      La coreografia di Garofalo. Hai ragione, anche la battuta è stata infelice. Ma trovo più sconvenienti le cosce della Berté.

      Diana? Massì: WOW !!!!!

  2. marisamoles ha detto:

    Povera Antonella! Considera che aveva la febbre e l’hanno riempita di cortisone … 😦
    Comunque, più che lodare lei, la mia era una lode rivolta a Renga che ha fatto di tutto per non farla sfigurare. Mica come Biondi e la sua voce a trombone che ha sovrastato impietosamente la pur brava Annalisa!

    Be’, per avere 60 anni (o ne ha di meno?) le cosce della Bertè non sono male. E poi noi siamo abituati alle sue stravaganze. In ogni caso le ho preferite alla battuta infelice di Giulia e alla coreografia inguardabile di Garofalo.

    Mi ero persa l’entrata di Diana nella torta. L’ho vista sul video e devo dire che, per quanto imbrobabile nei panni di Marylin, e infatti non l’hanno travestita, è stata grande. Non so se Zerbi sia single, ma per me tra i due c’è del tenero. 😳

  3. Lou ha detto:

    Peccato, a me piaceva molto Antonella…
    La scenetta della Terabust non mi è piaciuta per niente, al di là del fatto che avesse ragione. Non si può dare spazio nel programma a queste scenette fra professori e professionisti…chissenefrega se lei ci piaceva per la sua anima o se faceva 32 fouttes. E’ stato il suo tempo e il programma é dedicato alle nuove leve, non alle precisazioni sulla bravura di questo o di quello. Per lo stesso motivo non approvo i duetti con i grandi della musica di un tempo. Il programma é per i ragazzi e chi lo guarda lo fa per seguire i ragazzi. Le esibizioni dei grandi sono solo per alzare l’audience o per promuovere i loro dischi e sono fuori contesto.

    Per Jurman mi dispiace perché secondo me é uno che insegna bene e dice cose sensate. Peccato che sia di carattere infiammabile… 😉

    • frz40 ha detto:

      Concordo. Ciao 🙂

      • marisamoles ha detto:

        Anch’io sono d’accordo con Lou sul fatto che il programma è dei ragazzi e che le scenette dei prof sono fuori luogo. Tra l’altro ho visto il video dell’ultima diatriba tra Zerbi e Jurman e devo dire che fanno proprio pena. Ma anche questo fa share. 😦

        Tuttavia, tornando alla Terabust, dal momento che la produzione ha permesso che Cannito e la Celentano si “azzuffassero” e visto che Cannito ha offeso pesantemente la Terabust, a me pare che l’intervento della ballerina sia stato pertinente.

        Fosse per me, toglierei la parola ai professori, lasciando che esprimano esclusivamente il giudizio su una determinata prova, senza criticare la scelta dei pezzi e, soprattutto, senza criticare il lavoro degli altri.

        Ma vi pare che noi prof veri, a scuola, ci mettiamo a sindacare sul voto che i colleghi danno agli allievi? Oppure che ci permettiamo di dire a chiunque che non sa lavorare, che il suo metodo è obsoleto oppure che quel dato allievo è una schiappa e non si sa come ha un bel voto in una data materia? E per di più che tutto questo lo facciamo pubblicamente, magari durante un consiglio di classe?

        Non mi stancherò mai di ripetere che “Amici” è uno spettacolo, non una scuola. E come tale si deve adeguare alla dura legge dell’audience … anche a scapito dei giovani che vorrebbero solo esibirsi ed essere giudicati per l’esecuzione e non per i metodi didattici applicati dagli insegnanti.

  4. frz40 ha detto:

    Cara Marisa,

    Sono d’accordo con te, ma solo in parte. Sono d’accordo quando dici che Amici non è una scuola e, quanto meno, non lo è in senso tradizionale, ma certamente è anche una scuola.

    Lo è perché i ragazzi dedicano tantissime ore ad imparare o approfondire cose inerenti il loro bagaglio artistico e perché ci sono degli insegnati che li seguono.

    Ma è molto di più di una scuola perché il premio è per loro costituito dall’ingresso nel mondo del lavoro con un contratto con una casa discografica disponibile ad investire su di loro o con un contratto nel mondo della danza o, in generale, nel mondo dello spettacolo.

    Ed è un premio che è riservato a chi vince un impietoso confronto tra i partecipanti in una vera e propria gara che, come nella vita, richiede notevoli qualità personali in aggiunta a quelle professionali.

    Tanto più che nel mondo dell’arte le qualità professionali sono oggetto di valutazioni assolutamente soggettive e contrastanti.

    Ne consegue che i giudizi degli insegnanti non possono che naturalmente a divergere a seconda dei loro punti di vita, fino a diventare di vero e proprio conflitto quando uno di loro tende a privilegiare un proprio allievo con prove che mettono volutamente in difficoltà un altro allievo.

    E qui sbagliano tutti: gli insegnanti a proporle e la produzione ad accettarle. E sono convinto che le discussioni e le diatribe che passano il limite della buona educazione non facciano share e facciano solo male al programma.

  5. Drilly ha detto:

    Per me la Vanoni resta sempre il Number One. Peccato che non sia riuscita a invecchiare con la stessa classe delle sue canzoni. Peccato……………….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...