Se mai vi passasse per la testa di donare il seme…

Che casini possono venir fuori con questi “padri e madri presi a prestito“!

Leggo  questa notizia:

“Donò seme a coppia lesbica. Ora dovrà pagare il mantenimento del bambino”

Dice:

Voleva fare un gesto di generosità, ma dovrà pagare un assegno di mantenimento a una donna lesbica, alla quale cinque anni fa donò il proprio seme per aiutarla ad avere un figlio.

La vicenda ha inizio nel dicembre 2005. Dopo aver letto un annuncio sul giornale nel quale una coppia lesbica raccontava di essere alla ricerca di un donatore di sperma per avere un bambino, Klaus Schröder, un professore cinquantaduenne, decise di farsi avanti e offrì il suo seme alle due donne.

Dopo la nascita del bambino, Schröder, che non aveva figli, [..] almeno una volta al mese si recò a casa della coppia per vedere il piccolo David e, tra le altre cose, volle pagare le spese per il battesimo del bambino.

Ora l’avvocato della coppia omosessuale ha inviato una lettera al professore nella quale gli chiede la copia della sua dichiarazione dei redditi per stabilire qual è la cifra esatta che Schröder deve pagare per il mantenimento del bambino.

Nonostante, al tempo, le due donne avessero dichiarato di non volere alcun aiuto economico, la legge tedesca è dalla loro parte e stabilisce che il padre biologico ha sempre l’obbligo di provvedere economicamente a «suo figlio» finché quest’ultimo è minorenne. [..] e per molti giuristi tedeschi la sua sorte è segnata. Tra l’altro la Costituzione della Germania garantisce a tutti i bambini il diritto di conoscere l’identità del proprio padre e anche le banche dello sperma sono costrette a rivelare sempre l’identità del donatore del seme quando a richiederlo è il figlio biologico.

A me sembra tutto piuttosto allucinante a partire dall’incipit dell’articolo:”voleva fare un gesto di generosità”. Generosità verso una donna della quale conosceva solo l’annuncio su un giornale? Verso un bambino che altrimenti non sarebbe mai nato? Non credo. Mi sembra invece che sia prevalente il desiderio di diventare “padre a poco prezzo”, così, “tanto per vedere – scusatemi la crudezza dell’espressione – come sarebbe venuto”. Tant’è che lo va a trovare una volta al mese e gli offre anche le spese per la festa del battesimo, ma poi? Poi basta: che se lo mantenga chi l’ha voluto.

E come lo spiegherà a quel bambino, se questi un giorno mai gli chiederà perché ha contribuito a metterlo al mondo?

E capisco la legge tedesca che invece gli impone l’obbligo di provvedere economicamente a quel pur sempre «suo figlio»: ben gli sta.

E che dire anche della mamma? Che le ha fatto comodo trovare il pesciolino?

E come spiegherà a quel bambino che lei ha voluto metterlo al mondo senza un padre?

Bah !

Eppure pare proprio che il mondo vada sempre più in questo tipo di direzioni; ma è proprio questo quello che vogliamo?

 

Via Donò seme a coppia lesbica. Ora dovrà pagare il mantenimento del bambino – Corriere della Sera. Lo firma Francesco Tortora

Questa voce è stata pubblicata in Medicina, salute, tapianti, maternità e aborti, Problemi sociali e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Se mai vi passasse per la testa di donare il seme…

  1. Quarchedundepegi ha detto:

    Nelle “Banche”, a quanto ne sapevo, il donatore doveva essere e rimanere “anonimo”. Forse ora è cambiato tutto e tutti hanno tanti e troppi diritti.
    Quello che non ho capito è se la “donazione” del caso che menzioni è avvenuta “per posta” o in posizione più o meno orizzontale col coinvolgimento “affettivo” eventualmente unilaterale del padre.
    Se il padre si è sentito in dovere di andare a trovare il figlio, vuol dire che l’incontro con la donna è stato anche “fisico” nel vero senso della parola.

    • frz40 ha detto:

      A leggere l’articolo pare proprio che almeno in Germania, non sia così. Il figlio biologico ha il diritto di sapere chi era il padre e quindi la donazione non è anonima. Nel caso specifico non si parla di rapporto fisico, cosa che comunque escluderei, visto che si parla di donazione dello seme. E anche se fosse anonima non so come mi sentirei che in giro per il mondo c’è aulcuno nato con il mio contributo. E’ tutta una storia che non mi piace, insomma.

  2. quarchedundepegi ha detto:

    Mi hai fatto ricordare che in quelle “Banche” l’anonimato del donatore, che doveva avere dei requisiti di ottima salute e non lo faceva per lucro, era categorico. Avrebbe dovuto essere impossibile arrivare alle sue generalità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...