I test Pisa-Invalsi: le competenze dei nostri quindicenni a confronto

E’ questo uno dei tre post che desidero pubblicare, per parlare un po’ di questa benedetta nostra scuola:

–        I test Pisa-Invalsi: le competenze dei nostri quindicenni a confronto
–        Perché le femmine vanno meglio a scuola (Link)
–        La scuola ha la febbre? Buttiamo via il termometro (Link)

E’ stato recentemente reso noto dall’Invalsi il rapporto “Le competenze in lettura, matematica e scienze degli studenti quindicenni italiani ” che, riferito al 2009, ci offre un incredibile quantità di dati e di informazioni sulla scuola, con confronti internazionali e nazionali piuttosto interessanti.

Ve ne propongo alcuni, per lo più riproducendo i grafici del rapporto, con qualche mio commento.

L’indagine, come detto, ha riguardato i quindicenni di molti Paesi e ha toccato i  tre punti fondamentali dell’insegnamento:

–         La Literacy in lettura ossia la capacità di comprendere e utilizzare testi scritti, riflettere su di essi e impegnarsi nella loro lettura (engaging with) al fine di raggiungere i propri obiettivi, di sviluppare le proprie conoscenze e le proprie potenzialità e di essere parte attiva della società.

–        La competenza matematica nel senso di «capacità di un individuo di individuare e comprendere il ruolo che la matematica gioca nel mondo reale, di operare valutazioni fondate e di utilizzare la matematica e confrontarsi con essa in modi che rispondono alle esigenze della vita di quell’individuo in quanto cittadino impegnato, cheriflette e che esercita un ruolo costruttivo»

–         La competenza scientifica, definita in termini di capacità di utilizzare le conoscenze scientifiche e i processi cognitivi connessi non soltanto per comprendere il mondo naturale, ma anche per prendere parte alle decisioni che possono avere un effetto su di esso.

Per l’Italia il test si è svolto su base campionaria toccando 1.097 scuole e 30.905 studenti:

Il campione utilizzato è ritenuto significativo per rappresentate l’intero universo della nostra scuola.

Ed ecco le Figure del rapporto Invalsi che ho selezionato e i miei commenti:

A) Lettura

La prima considerazione è che l’Italia, con un punteggio di 486, si colloca al di sotto della media dei paesi OCSE (493) e molto al di sotto dei Paesi in testa alla classifica: la Corea presenta il punteggio medio più elevato fra i paesi OCSE (539), non significativamente diverso da quello della Finlandia (536), mentre la media più alta in assoluto è quella conseguita dalla provincia cinese di Shanghai (556).

Hong Kong (533), Singapore (526), Canada (524), Nuova Zelanda (521) e Giappone (520) superano significativamente la media OCSE e anche Australia, Paesi Bassi, Belgio, Norvegia, Estonia, Svizzera, Polonia, Islanda e Liechtenstein ottengono un punteggio superiore alla media.

Da tener presente che una differenza di 39 punti corrisponde a un anno scolastico.

Insomma, non siamo gli ultimi, ma dovremmo far meglio e sappiamo da chi dovremmo imparare.

La seconda considerazione è che, tanto per cambiare, i punteggi dell’Italia del Nord sono significativamente superiori alla media OCSE e che l’Italia è trascinata in basso dalle disastrose performances di Sud e Isole.

Senza far polemica aggiungo che ben diversi sarebbero i risultati se si prendessero invece in considerazione i voti in pagella e quelli della maturità del Sud, ma sappiamo bene quanto valgono.

La terza considerazione è che  i ragazzi iscritti ai nostri Licei (non dimentichiamo che stiamo parlando di quindicenni) presentano una preparazione mediamente nettamente superiore a quella degli iscritti ad altri istituti, su valori simili a quelli medi dei migliori Paesi.

La quarta considerazione è che, in lettura, le nostre femmine battono i maschi, meno nei licei, ma alla grande nelle altre scuole. I maschi si rifaranno, in parte, in matematica e nelle materie scientifiche.

La cosa non sorprende. A 15 anni lo sviluppo delle femmine è nettamente superiore rispetto a quello dei maschi e, per di più la scuola pare essere, in tutto il mondo, “tarata” più per le femmine che per i maschi (vedi questo post)

La quinta considerazione è che l’immigrazione ha un ovvio certo peso sulle performance in lettura, ma questo vale per molti Paesi.

La sesta considerazione è che la stragrande maggioranza dei bambini ha frequentato la scuola dell’infanzia. Il ché smentirebbe la tanto sbandierata necessità delle donne di abbandonare il lavoro per l’assenza di asili, che è stata oggetto di altro post in questo blog.

B) Matematica



Per quanto concerne le competenze in matematica i confronti internazionali vedono che  la Corea, con un media di 546 ha la media più alta tra i Paesi OCSE. Shangai (600), e Singapore (562), hanno un punteggio medio che è circa un livello di competenza sopra la media OCSE. Altri paesi dell’OCSE con punteggi superiori alla media includono Finlandia (541), Svizzera (534), Giappone (529), Canada (527), Paesi Bassi (526), Nuova Zelanda (519), Belgio (515), Australia (514), Germania (513), Estonia (512), Islanda (507), Danimarca (503) e Slovenia (501).

L’Italia, con un punteggio di 483 punti, pur collocandosi al di sotto della media OCSE (496), ottiene un risultato migliore rispetto a PISA 2006 in cui aveva una media di 462 e a PISA 2003 in cui aveva una media di 466.

Anche per la matematica le regioni del Nord propongono risultati migliori rispetto alla madia OCSE, e il Sud trascina l’Italia al ribasso. Peraltro il Sud appare in netta ripresa rispetto alle passate rilevazioni: segno che se si vuole, qualcosa si può fare.

Non sto a tediarvi con ulteriori dati sulla struttura delle competenze in matematica se non per accennarvi che i maschi si prendono la rivincita per le femmine, mentre tutti gli altri dati sono simili a quelli delle competenze in lettura.

Del pari non mi dilungo sulle competenze scientifiche, che presentano risultati simili a quelli della matematica

C) Tendenze

Meritano ancora un cenno le linee di tendenza di questi anni.

In lettura presentano netti miglioramenti le scuole del Sud, mentre il Centro Est sembra stentare a mantenere le posizioni di eccellenza. Colpa del immigrati? Forse.

E’ piuttosto da rilevare come i buoni siano sempre buoni e i cattivi sempre cattivi.

La stessa cosa sui buoni e cattivi si può dire per le competenze in Matematica.

(Il rapporto e tutte le tabelle sono disponibili sul sito INVALSI – Posso comunque fornirveli a richiesta)

Questa voce è stata pubblicata in Scuola e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a I test Pisa-Invalsi: le competenze dei nostri quindicenni a confronto

  1. Pingback: Perché le femmine vanno meglio a scuola | Frz40's Blog

  2. Pingback: La scuola ha la febbre? Buttiamo via il termometro! | Frz40's Blog

  3. Silvia ha detto:

    Solo un flash: oggi tornando a casa ascoltavo la trasmissione della Bonaccorti, Tornando a Casa, parlavano anche della competenza linguistica dei nostri ragazzi. Una professoressa universitaria di linguistica diceva in sintesi “dobbiamo porci la questione inversa, non se i ragazzi superano bene i test, ma se i test sono fatti su misura dei ragazzi….in Canada hanno risolto il problema”…..poi non ho potuto seguire e ho spento, voglio proprio vedere se trovo il Pocast perché questa tesi proprio mi mancava ;-)Anche ammettendo che i test non sono a misura dei ragazzi …resterebbe comunque da discutere una piccola questione: il perché delle differenze tra paesi

    • frz40 ha detto:

      Se lo trovi fammelo sapere, per favore. Non so come in Canada abbiano risolto il problema, ma il Canada è uno dei paesi con scores nettamente sopra la media.

      Quanto alle differenze tra paesi penso che ci sia anche una componente diciamo di “abitudine al test”, ma credo che molto più dipenda dalle finalità e dal modo con il quale è impartita l’istruzione scolastica e mi pare che le classifiche rispettino i valori. Anche in Italia tra regione e regione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...