Se gli stranieri ridono di noi

Quando, l’altro giorno, ho scritto questo post, La “Figa” di Luciana Littizzetto mi era venuta la tentazione di fare un parallelo con qualche nota vicenda del nostro Premier, ad esempio con il racconto di certe sue barzellette.

L’ho evitato per tre buoni motivi:

Il primo è che trovo disgustoso e volgare l’uso insistito ed esplicito della parola figa in un programma RAI alle 21.15 della Domenica sera, chiunque sia colui o colei che la pronuncia e qualunque sia il motivo che lo o la induce a farlo. Peggio ancora se lo fa per cercar di essere spiritoso-a. A me, pensate un po’, dà imbarazzo scrivere quella parola, anche solo per riportarne l’uso.

Il secondo è che non c’è alcun motivo per dar luogo ad una specie di gara a chi può aver fatto peggio. E’ stata, lo ripeto, una cosa volgare e disgustosa di per sé, che non ha trovato e non trova giustificazione in niente e in nessuno.

Il terzo è che volevo evitare polemiche che servono a poco e lasciano ognuno della propria opinione. Quando entra in ballo il Cavaliere, non solo ”berlusconiani e antiberlusconiani diventano come nazioni nemiche e ferocemente ostili” (Nicola Salvati – Il Corriere) ma “nessuna delle due parti è disposta ad ammettere che «gli altri», forse, hanno, oltre che interessi, anche valori diversi dai propri. Ciascuna contrappone i propri valori ai «disvalori» altrui”. (Le Ragioni degli Altri – Angelo Panebianco – Il Corriere).

Non mi soffermerò pertanto a discutere delle vicende del Premier e delle ragioni degli uni o degli altri, né mi chiederò se sia giusto che fatti simili abbiano una diversa cassa di risonanza a seconda del soggetto che li ha messi in atto, o che si presume che li abbia messi in atto. Né discuterò del diverso atteggiamento della stessa fazione politica a fronte di reati rilevanti. Potrei portare molti esempi, ma per tutti credo che dovrebbe far riflettere a fondo il diverso trattamento riservato a B., possibile reo di aver goduto a pagamento delle grazie di una diciassettenne che, a quanto pare, la dava a cani e porci, rispetto a quello riservato ad un famosissimo regista reo, questo sì accertato, di aver stuprato e sodomizzato una ragazzina di tredici anni. L’uno, dalle eminenze grigie di quella fazione, è stato messo sulla graticola e additato al popolo summa cum infamia, l’altro è stato protetto e tutelato per oltre 30 anni, (sono cose che succedono in quell’ambiente?) e continua ad esserlo, potendo tranquillamente svolgere il suo lavoro in mezzo mondo e ricevere onori e gloria.

Non posso però non soffermarmi su un’affermazione, che va per la maggiore, secondo la quale ”l’immagine di B. sta rovinando quella dell’Italia e il Paese sta uscendone a pezzi”.

Non è così. O, meglio: certo non giovano i lazzi e i sorrisini, o se preferite, le sghignazzate interessate, che ne sono scaturiti, ma se agli occhi dei più benevoli l’Italia appare come il paese di pizza, spaghetti e mandolino, le ragioni sono altre e ben note.

Ne cito qualcuna.

La mafia. E’ il fenomeno dilagante che attraversa tutto il nostro Paese e, da sempre condiziona la politica. In mezza Italia non c’è attività commerciale o industriale che non paghi il pizzo. Nell’altra mezza certi “affari” sono sotto il suo controllo. E la mafia l’abbiamo esportata  in mezzo mondo.

L’instabilità politica. Da oltre sessant’anni non siamo stati in grado di esprimere un solo Governo stabile e affidabile, in grado di garantire fiducia e punti di riferimento certi, per gli investimenti e per lo sviluppo del Paese. Tutti i Governi, sono sempre stati dominati dall’assillo di non perdere voti e potere per poter continuare a godere dei ritorni personali e la politica del compromesso è da sempre stata la regola sociale. Da sempre molte leggi sono fatte nell’interesse di uno o di pochi, da sempre alle cariche pubbliche molti sono eletti non per la loro competenza ma per intrallazzi e lobbies.

La debolezza strutturale del sistema delle imprese. Molte sono fallite, molte sono finite in mano a finanzieri senza scrupoli e senza interessi produttivi, molte sono andate a stranieri che le hanno abbandonate dopo averne sfruttato e prosciugato marchi e know how.

La mancanza e l’insufficienza delle infrastrutture. Il nostro trasporto su rotaia ha, da sempre, rasentato il ridicolo, quello su strada da anni, dopo un buon periodo nel quale si stava adeguando alle esigenze, segna il passo o sta fermo, come accade, ad esempio, per la Salerno Reggio Calabria. Per quello aereo, infine, non è un caso che l’Alitalia sia da sempre stata riconosciuta come l’acronimo di Always Late In Take off Always Late In Arrivals

I costi energetici sono da sempre al di sopra della media dei Paesi industrializzati

Il debito pubblico è enorme e la spesa pubblica è praticamente incomprimibile. La sanità è un mostro insaziabile, il sistema pensionistico non si regge da solo, l’impiego pubblico è sovradimensionato ed in certe Regioni altro non è che una improduttiva ed inutile spesa sociale priva di motivazione. Senza contare il ridicolo dei falsi invalidi.

Tangenti e raccomandazioni, anche ai più bassi livelli della vita quotidiana, sono da sempre state la scorciatoia per ottenere servizi, appalti e posti di lavoro. Alzi il dito chi non ne ha mai fatto ricorso.

Siamo riusciti a rovinare pure l’ambiente. La monnezza di Napoli e dintorni puzza ben oltre confine e l’industria del turismo da anni segna il passo.

La rigidità, l’elevato costo e la disefficienza del lavoro. Recita l’art. 1 della Costituzione L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro…” ma è da sempre che tale articolo si legge:“L’Italia è una Repubblica basata sullo sciopero.”. E’vero che oggi molti operai, e non solo quelli, guadagnano poco, ma gli oneri sociali e le rigidità del sistema rendono il tutto inefficiente e nessuno straniero pensa più, da tempo, di avviare nuove attività produttive nel nostro Paese.

La giustizia. L’inosservanza delle leggi, l’inconsistenza delle pene, la lentezza del giudizio da sempre sono sotto accusa, nel contesto Europeo.

La pressione fiscale, fatta di mille rivoli, è elevatissima e disincentivante.

La burocrazia. Non mi dilungo: è ridondante, formale, antiquata, inutile e dannosa.

Mi fermo qui, anche se son sicuro di aver dimenticato qualcosa, ma vi assicuro che gli stranieri tutte queste cose le conoscono bene e, se ridono di noi e ne stanno ben alla larga, ne hanno ben donde.

Buona Pasqua a tutti e pensateci su per le prossime elezioni.


Questa voce è stata pubblicata in Economia, Politica, vita quotidina e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Se gli stranieri ridono di noi

  1. marisamoles ha detto:

    Mi dispiace se la discussione nel post sulla Littizzetto ha preso una certa piega e me ne sento responsabile. Ma sono piuttosto stufa di sentir dire che Berlusconi fa ridere il mondo intero. Così come penso sia stufo anche tu.

    Buona Pasqua anche a te … alle prossime elezioni credo non voterò. Ormai sono disgustata dalla politica in generale.

    • frz40 ha detto:

      Non hai alcuna responsabilità. E’ normale. Anzi, mi ha dato l’occasione per scrivere questo post, che da un po’ di tempo rimuginavo.

      E vai a votare. Turati il naso, ma vota.

  2. Drilly ha detto:

    Io credo che se la sinistra la smettesse di tirare sempre in ballo Berlusconi con tale accanimento e si limitasse a fare proposte sue e serie e prendesse a cuore la sorte degli italiani, allora, penso, e solo allora potrebbe anche vincere le elezioni. Berlusconi dovrebbe esserle grato.

  3. vincenzo ha detto:

    Caro Frz,
    concordo sulla tua elencazione delle cose che rovinano la nostra immagine nazionale.
    Nessuno potrebbe sostenere infatti che tutti i noti problemi italiani che tu hai elencato e, ripeto, condivido, derivino dal premier.
    Sarebbe troppo semplice e troppo bello: via lui …. tutto andrebbe a posto. Sappiamo tutti che, purtroppo, non è così.
    Quando però alludi alle differenti casse di risonanza a seconda del soggetto o ricordi che anche altri avrebbero “goduto” i favori della minorenne, non riesco ad attribuire a queste argomentazioni il titolo di attenuanti.
    Sarebbe come sostenere che se, ad esempio, io rubassi, non essendo l’unico essere sulla terra ad averlo fatto, potrei essere assolto o, quantomeno compreso.
    Mi conosci, non sono assolutamente un bacchettone e mi ritengo un razionale. Credo di essere una persona che si sforza di comportarsi come vorrebbe si comportassero gli altri, qualche anno di comune ed amichevole frequentazione, mi auguro, ti abbiano lasciato di me questo giudizio.
    Io in tutta sincerità non trovo odio verso il B. ma mi vergogno che una persona del genere rappresenti l’Italia davanti al mondo intero, se B. fosse un privato cittadino, ti assicuro, non sarebbero affari miei.
    Buona Pasqua a tutti.
    Vincenzo

    • frz40 ha detto:

      Caro Vincenzo,

      Non sono attenuanti. Sono accuse contro chi usa due pesi e due misure. Si condanna da una parte e si protegge e si inneggia dall’altra.

      Tutto qui.

      Tu poi, personalmente, sei liberissimo di pensare che B. non sia degno di rappresentare l’Italia. Per certi versi lo credo anch’io e mi piacerebbe pensare a qualcuno, non so però a chi, che non presti il fianco a critiche di nessun tipo e che sia in grado di affrontare, finalmente e dopo tanti anni, almeno qualcuno dei problemi che ho elencato.

      Perchè quelli sono i veri nostri punti di debolezza e a quelli pensano gli stranieri intelligenti quando coi loro occhi ci vedono solo come gente da “pizza, spaghetti e mandolino”

      Ricambio gli auguri, a te e famiglia. Ti abbraccio.

  4. quarchedundepegi ha detto:

    Per fortuna (o sfortuna), come ben sapete, vivo all’estero. A Lugano si parla italiano. Parlando del buon Silvio, al massimo si sorride. Non è Lui l’Italia, e non è assolutamente per colpa sua che l’Italia è vista in modo “strano” (dico strano perchè l’Italia e i prodotti italiani piacciono molto). Quello che rovina l’Italia è il comportamento degli italiani che credono si debba essere furbi, o “furbetti” o “dritti”.
    Ma questo accade da sempre; non solo da ora o da quando a governarci c’era Prodi.
    Un semplice esempio: Nel 1966, quindi qualche anno fa) ho lavorato per un breve periodo, come anestesista, in Toscana. Abitavo in un paese “turistico” e avevo la macchina con la targa svizzera (ero arrivato da poco e sarei ripartito dopo qualche mese). Quando ebbi bisogno di una riparazione, mi accompagnarono da un meccanico e gli dissero:”Guarda che questo è dei nostri”. Il che voleva dire:”Non prenderlo per il collo”.
    È questo un piccolo semplice esempio. L’idea però di fregare esiste tanto nel piccolo come nel grosso.
    Avrei l’esempio della Topolino acquistata “usata” alla FIAT di Genova… ma questa ve la racconterò un’altra volta.
    ANDATE A VOTARE. LASCIATE PIUTTOSTO LA SCHEDA NULLA CHE OFFENDE IL CANDIDATO, MA ANDATE A VOTARE!

    • frz40 ha detto:

      Abbiamo il più bel patrimonio artistico e naturale del mondo, abbiamo anche tante qualità personali, ma quella dei “furbetti” è sempre stata la nostra mania. E ci ha fatto grossi danni.

  5. vincenzo ha detto:

    Carissimi,
    Ma come fate a non capire che uno schieramento che fa capo ad un personaggio che non perde occasioni per esporsi con la sua condotta spregiudicata e libertina non diventi oggetto poi di continue critiche e polemiche da parte di un’opposizione che in effetti non riesce a concottare programmi ed alternative?
    In questo modo tutto si polarizza su vicende personali perdendo di vista, in buona e mala fede, i veri problemi del Paese.
    Guardate che sta gente che a volte vedo difendere non è uguale a voi!
    Dovremmo essere tutti stufi marci di questa situazione.
    Mi fa male dirlo, ma incomincio a capire certe dichiarazioni di Asor Rosa.
    Non si riesce a vedere vie di uscita.
    Pensate forse che questo cancro che viene giustamente chiamato “CASTA” (destra e sinistra, nessuno escluso) si elimini per miracolo? Io no!
    Se qualcuno avesse risposte …….
    Vincenzo

    • frz40 ha detto:

      Mi sembra che non non riesco a spiegarmi.

      Posso capire che si suoni la grancassa per la condotta, come dici tu “libertina” di B., intonando una musica più o meno giustificata e/o strumentale per un obiettivo politico, ma non posso capire:

      A) che quella stessa grancassa taccia o suoni tutt’altra musica in altri casi molto più gravi come quello che ho citato;

      B) che il motivetto sia “… e per quello gli stranieri ridono di noi!”. Non è né da ora, né per quelllo.

      Se, per contro, vuoi parlare di cattivi governi e di “cancro delle caste” di vari colori, con me sfondi una porta aperta, ma questo è un altro film.

  6. Pingback: Se gli stranieri ridono di noi | Frz40's Blog | Diritto Trasporti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...