Le Prime Comunioni. Il papà con la sua bambina.

15 Maggio 2011. E’ Domenica, ma è una Domenica speciale. E sì, alle 10 tutti in Chiesa per la Santa Messa dedicata alle Prime Comunioni.

Anche quella della mia Elena.

Che bello! Quante emozioni! Forse più per i grandi che per i bambini. Loro sono determinati, tutti compresi nel loro compito. Noi no. Nella nostra mente si rincorrono troppi ricordi e tanti desideri.

La Chiesa è al colmo della capienza. Nei primi banchi, a sinistra, i bambini, a destra i genitori ed i parenti. Tutti vestiti a festa. I grandi con l’abito migliore, le bambine con i loro piccoli abiti da sposa, i maschietti in giacchetta e calzoni lunghi. Non mi piace questa consuetudine per i bambini: vorrei vederli tutti, maschietti e femminucce, vestiti con uno stesso abito o saio, tipo quello da chierichetto.

Nel banco davanti a me, c’è un uomo di colore. E’ alto,  ben fatto, una bella figura. Segue la Santa Messa come tutti, ma è solo. Cerco di capire se possa essere il parente di qualche bambino. E’ un papà. Lo capirò solo alla fine della funzione quando, dopo la foto di gruppo, andrà a recuperare la sua piccola

Lei non ha l’abito da sposina, ha solo un bel golfino nuovo rosa intenso, indossato su una gonna bianca. Ha le sottili treccine tipiche africane e due occhi neri grandi, come solo i bambini di colore riescono ad avere. Nel cuore ha il suo Gesù, come tutti gli altri.

Dalla Chiesa escono per primi, il papà con la sua bambina.

Sorridono.

E li guardo allontanarsi, la mano nella mano,  soli,  su quel lungo marciapiede di periferia.

Questa voce è stata pubblicata in Emozioni, pensieri, riflessioni e ricordi, Problemi sociali, vita quotidina e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Le Prime Comunioni. Il papà con la sua bambina.

  1. Lou ha detto:

    Che bell’articolo….
    Li avevo visti anche io…chissà, forse la mamma non c’é più o forse non ha potuto venire…ma che tenerezza…
    🙂

  2. vincenzo ha detto:

    Bellissima descrizione, è vero, tanti ricordi con tutti i parenti zie, zii, nonne ancora con noi …. io, ho fatto la prima comunione un anno dopo con mio fratello che aveva un anno di meno ….. ho ancora la foto con lui ed avevamo un fascia bianca con fiocco sul braccio …. vestivamo alla marinara…..
    Quanti ricordi! E che vuoto … mio fratello non c’è piu!
    Frz, goditi questa festa più che puoi! Sono contento per te!
    Vincenzo

  3. marisamoles ha detto:

    Bella immagine e bellissimo articolo. Tenerissimo, oserei dire. Bravo frz! 🙂

    Quanto agli abiti, qui si usa far indossare a tutti i bambini, maschi e femmine, un saio bianco, tipo quello dei chierichetti, per l’appunto. Vige l’obbligo di essere tutti uguali davanti a Dio e … ai parenti. Poi, però, tutti a casa a cambiarsi. 😦 Io avrei fatto rimanere i miei bimbi con le loro vesti bianche, ma la protesta della nonna (mia mamma, ovviamente) ha fatto sì che si siano cambiati e abbiano indossato uno spezzato blu e grigio con panciotto e papillon. Sempre quello per tutti e due …. hanno solo 22 mesi di differenza. E anche la mamma, cioè io, ha indossato lo stesso taiellur verde pallido con camicia di pizzo blu. Con due comunioni in due anni, infatti, si doveva per forza fare economia.

    Alla mia comunione avevo un abito tutto in pizzo ma semplice nella linea. Ma è stata un’impresa trovarlo: ero alta quasi 1,60 cm e decismente non magra 😦 Le commesse disperate mi mandavano al reparto sposa. Ma ti pare che potessi indossare, a sette anni, un abito nuziale?!? Alla fine mia mamma ha speso un occhio ma l’abito per la sua bambina un po’ troppo cresciuta l’ha trovato. 🙂

    Grazie per aver risvegliato questi bei ricordi.

  4. elisabetta ha detto:

    Bravo Franco, mi ha commosso questo tuo racconto….
    Un articolo che, solo chi ha la sensibilità e la capacità di cogliere il particolare, può descrivere tanto bene.
    Quel papà e quella bambina probabilmente non potranno accedere e leggere quello che hai scritto su di loro, peccato…. se potessero farlo penso che ne sarebbero felici e sentirebbero che non solo quel Gesù, entrato nel cuore di quella tenera negretta, è ora con loro, ma tanti, tantissimi nuovi e sconosciuti amici: tutti i tuoi lettori che come me si sono commossi su questo tenerissimo post.

    eli

  5. tania ha detto:

    CARISSIMO FRANCO, TI RINGRAZIO
    PER AVERMI DATO QUESTA NUOVA GIOIA NELL’WEB!E PROPRIO VERO LO SPIRITO SANTO SOFFIA DOVE VUOLE E QUANDO VUOLE !!!!!!!! QUESTO è UN NUOVO MODO DI EVANGELIZZARE TESTIMONIARE IL GESU’ CHE ENTRA NEI CUORI DI QUESTE PICCOLE ANIME NOBILI PURE COME IL SOLE! AUGURISSIMI PER LA TUA ELENA! SAI CHE FACCIO LA CATECHISTA DA CIRCA 15ANNI , CREDIMI OGNI CICLO DI BAMBINI CHE ACCOMPAGNO ALL’ALTARE E SEMPRE UN GROPPO AL CUORE, MA TANTA GIOIA PER QUESTO TI DICO: CHE QUESTO TUO INCONTRO CON QUESTO PAPA’ E QUELLA BELLISSIMA BAMBINA NON è CASUALE , MA ERA UN MODO PER FAR ARRIVARE A TUTTI NOI L’AMORE DI DIO CHE REGNA NEL TUO CUORE GRAZIEEEEEEEEEEEEEEEE E FAMMELO DIRE TI VOGLIO BENE CIAO E BUONA SERATA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...