Eh sì, dev’essersi preso una paura folle.

Leggo questo titolo a pag.20 de La Stampa di oggi:

“Batterio-killer: «Il peggio sembra passato»” 

Titoli analoghi appaiono su molti altri quotidiani, che fanno seguito alle dichiarazioni del Ministro della Salute tedesco, Daniel Bahr,  che ci dice che «I contagi stanno calando»

Venticinque morti e migliaia di intossicati per causa del batterio, ma, se corrisponde al vero, non possiamo che prenderla come una buona notizia. Ma che cosa diavolo è successo?

Non sono stati i germogli di soia, non sono stati i cetrioli, e nemmeno la carne, i wurstel o i pomodori.

Non si è scoperto alcunché di anomalo nella filiera dal produttore al consumatore, nonostante che qualcuno si sia sentito in dovere di titolare “Tedeschi sporcaccioni”.

E allora?

E allora non può essere che così: il batterio killer dev’essersi presa una gran paura, non importa di chi e di che cosa, e  si è ritirato in buon ordine.

O no?

Questa voce è stata pubblicata in Fatti e notixie dall'estero e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Eh sì, dev’essersi preso una paura folle.

  1. marisamoles ha detto:

    Avrà voluto anche lui il suo momento di celebrità. 😀

    Strano, però, che non si sia lamentato per i titoli dei giornali e per aver subito un processo mediatico, specie da “certa stampa”. 😉

  2. Quarchedundepegi ha detto:

    Ho la vaga impressione che chi ha scritto “Tedeschi sporcaccioni” non abbia sbagliato.
    In fondo il Killer apprezza il contatto con intestino e feci!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...