E intanto la Fiat…

“E intanto la Fiat si porta avanti col lavoro”

Il Lingotto non aspetta i tempi dei tecnocrati, e liberalizza il mercato del lavoro da sé

 Fiat Group Automobiles ha annunciato oggi ai sindacati la disdetta dal primo gennaio 2012, per gli stabilimenti auto, di tutti gli accordi sindacali e delle prassi collettive in atto. La comunicazione è stata inviata alle rappresentanze dei lavoratori, e fa parte del discorso legato all’uscita del Lingotto da Confindustria.

Nella lettera l’azienda si rende comunque disponibile “a promuovere incontri per finalizzare e valutare le conseguenze del recesso” e eventualmente a “predisporre nuove intese collettive”.

Ecco il testo integrale della lettera: “In vista di un riassetto e di una armonizzazione delle discipline contrattuali collettive aziendali e territoriali che si sono succedute nel tempo e nell’ottica di renderle coerenti e compatibili con condizioni di competitività ed efficienza vi comunichiamo il recesso a far data dal 1 gennaio 2012 da tutti i contratti applicati nel gruppo Fiat e da tutti gli altri contratti e accordi collettivi aziendali e territoriali vigenti, compresi quelli che comprendono una clausola di rinnovo alla scadenza – per i quali la presente vale anche come espressa disdetta – nonché da ogni altro impegno derivante da prassi collettive in atto. Al riguardo riportiamo a titolo esemplificativo ma non esaustivo, in calce alla presente, gli estremi delle principali intese sopra citate. Saranno promossi incontri finalizzati a valutare le conseguenze del recesso ed eventualmente alla predisposizione di nuove intese collettive aventi ad oggetto le tematiche sindacali e del lavoro di rilievo aziendale con l’obiettivo di assicurare trattamenti individuali complessivamente analoghi o migliorativi rispetto alle precedenti normative”.

Così Il Foglio.it titola e commenta l’iniziativa Fiat che evidentemente poco si fida delle buone intenzioni del nuovo Governo, in materia di lavoro . Possiamo darle torto?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Economia, Politica e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...