Tasse, sempre tasse, fortissimamente tasse.

Leggo:

Federconsumatori e Adusbef hanno quantificato le conseguenze che la manvora Monti avrà sulle tasche degli italiani.Sommando voce per voce si arriva a un totale di 1129 euro all’anno per famiglia. E, se si somma questo salasso alle manovre fatte tra l’estate e l’autunno dall’esecutivo Berlusconi si arriva a 3.160 euro. Per quanto riguarda la manovra Monti la casa, con l’introduzione della nuova Ici, chiamata Imu, l’aggiornamento degli estimi catastali, farà aumentare le spese annue in media di 405 euro, l’Iva peserà per 270 euro l’anno, le accise per la benzina peserà per 120 euro, il deposito per risparmi fino a 50mila euro vale 47 euro e altri 90 euro l’anno si pagano per l’aumento dell’addizionale regionale dell’Irpef. Se sommati i 1.129 della manovra di Monti ai 2.031 delle due manovre Berlusconi si arriva a 3.160 euro in più (Via: Liberoquotidiano.it).

Poveri noi, ma serviranno?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Economia, Governo tecnico e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

23 risposte a Tasse, sempre tasse, fortissimamente tasse.

  1. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  2. quarchedundepegi ha detto:

    Certo che gli scioperi miglioreranno la situazione…

  3. quarchedundepegi ha detto:

    Continuo a ripetere: MA PER FAR FUNZIONARE UNO STATO NON BISOGNEREBBE FAR FUNZIONARE “I SERVIZI”?
    Non ne parla mai nessuno!

    • frz40 ha detto:

      Allora ti racconto questa. Il 9 dicembre ho trovato nelle buca delle lettere un “avviso di deposito atto da notificare” lasciato dai vigili urbani, che non avevano trovato nessuno a casa. Provare a ripassare un’ora dopo? O il giorno dopo?Troppa fatica, ma sarebbe stato opportuno, visto quel che ti dirò dopo.

      L’avviso recitava “L’atto potrà essere ritirato non prima di 5 giorni” presso la Casa Comunale – Deposito Atti – in Via Bellezia 4.

      E’ così che il giorno 15, alle ore 11, mi sono recato fiducioso alla Casa Comunale. Prendo il numero e scopro che davanti a me ci sono 110 persone in attesa. Un “esperto” commenta: “E’ sempre così”. La sala d’aspetto misura 4×3 metri quadri. All’interno le persone in attesa non ci stanno tutte, evidentemente. E così la sala d’aspetto diventa il marciapiede al’esterno. Faceva freddo, ma almeno non si sentivano i cattivi odori.

      Tempo d’attesa: un’ora e venti minuti. Poi la sorpresa. “I cinque giorni sono da intendersi come lavorativi”. Peccato che non ci fosse scritto da nessuna parte. “E poi Venerdì eravamo in sciopero”. “Ritorni il 20, ma prima telefoni per sapere se l’atto è arrivato”.

      • elisabetta ha detto:

        Scommetto che se il 20 telefonerai ti toccherà stare al telefono,tra musichetta, avviso di priorità, caduta della lunea e ripetizione del tutto, con la cornetta all’orecchio per un tempo forse maggiore di quello che sei rimasto sul marciapiede in attesa del tuo turno al Comune, ma almeno sarai al caldo….

        eli

      • frz40 ha detto:

        E’ probabile. 😦

      • Raffaele ha detto:

        Esperienza già provata personalmente, con il deposito di una atto giudiziario penale che è rimasto diversi giorni nella mia buca delle lettere e chissa cosa avranno pensato i vicini…. solo che io ero parte lesa in un processo…. Poi mezza giornata x ritirarlo.
        Non ho parole..
        Ciao

    • elisabetta ha detto:

      Di quali servizi parli????
      Se di “servizi igienici” (pubblici)… quelli funzionano male.
      Se di quelli “istituzionali”… beh… quelli si che sono “cessi”

      eli

      • quarchedundepegi ha detto:

        Cara Elisabetta,
        I servizi igienici sono importantissimi… per tutti noi… anche sui treni.
        Gli altri (servizi), quelli istituzionali, dal catasto ai tribunali, si avvicinano, col loro funzionamento ai servizi igienici (sembrerebbe che 2 milioni di abitazioni “non esistano”). Quindi, certe nostre necessità corporali troveranno… abbondante possibilità di sfogo.

  4. quarchedundepegi ha detto:

    Questo dimostra che ancora non hanno capito essere “loro” al nostro servizio.

  5. rosanoci ha detto:

    Io credo che PURTROPPO … non serviranno.
    I nostri sacrifici, temo fortissimamente, svaniranno in tasche varie, pronte ad accaparrarsi ogni spicciolo.
    Ha detto ieri Crozza: “Siamo tutti mafiosi”.
    Ha ragione: siamo un paese di bulli e furbetti dove ognuno pensa fondamentalmente a se stesso, dove la Cosa pubblica non viene rispettata, dove contano troppo l’apparenza e l’appartenenza a caste e casterelle varie…
    Amo l’Italia e mi spiace scrivere queste cose…

  6. ombreflessuose ha detto:

    Caro Franz, non ci resta che piangere, forse neanche questo…le lacrime non escono più,
    anche loro hanno paura delle tasse.
    Buona domenica
    Mistral

  7. Raffaele ha detto:

    Penso che verso Aprile dovranno rifare un’altra manovra, nel frattempo studieranno bene chi e come fregarlo la prossima volta. L’uso delle parole, del terrore e dei mass-media è diventato fondamentale per queste operazioni.
    Ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...