Cara Napoli, quando è troppo, è troppo.

Da sempre, me ne si darà atto, tendo a non colpevolizzare Napoli per fatti di microcriminalità che sono comuni in tutto il mondo, ma quando si esagera lo si deve dichiarare chiaramente.

Mi riferisco ad un ennesimo caso di rapina nel quale due uomini a bordo di uno scooter si sono avvicinati, hanno rotto il vetro anteriore dal lato di guida con il calcio della pistola e hanno obbligato Anellucci, procuratore del calciatore Cavani, a consegnare portafogli e orologio (Rolex) minacciando con la pistola la compagna incinta.

Era in precedenza stata svaligiata la villa di Cavani, la moglie di Hamsik era stata costretta a scendere dal suo Suv e consegnare le chiavi a due rapinatori armati; la compagna di Lavezzi era stata rapinata dell’orologio e di un braccialetto di diamanti; alla fidanzata di Aronica era stata rubata una Fiat 500.

Credo che in nessuna città siano capitate tante disavventure a carico dei componenti di una stessa squadra di calcio, in un così breve lasso di tempo.

Che succede a Napoli?

Questa voce è stata pubblicata in In Italia questo e altro e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Cara Napoli, quando è troppo, è troppo.

  1. quarchedundepegi ha detto:

    Effettivamente Napoli ha tante specialità!

  2. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  3. Parsifal ha detto:

    Non siamo ipocriti!
    Ho soggiornato per lavoro oltre tre anni da quelle parti vivendo in una “isolafeliceperchèprotetta” sulla penisola sorrentina: un posto splendido!
    Appena fuori … succedeva di tutto… dai sorpassi in galleria (con doppia riga!) ai sorpassi di centauri in moto che facevano le gare di velocità e ti superavano contemporaneamente da destra e sinistra!
    Borseggi: La regola era uscire di casa senza borse, denaro solo in saccoccia, no porta fogli nella tasca posteriore dei pantaloni, per mia moglie no gioielli, no borsette o ammennicoli facilmente afferrabili da abili motoscooteristi.
    Beninteso, queste regole di comportamento erano state consigliate da amici e/o conoscenze locali.
    Quando ci si recava a Napoli regole medesime ed attenzione massima verso persone che, magari mentre guardavi in una vetrina, ti venissero a “strusciare” intorno.
    Guidando la macchina col vetro abbassato mai col braccio appoggiato sul finestrina: era successo che, in caso di orologio di valore, mentre uno ti teneva fermo il braccio, il compare ti srappasse senza mezzi termini l’orologio dal polso.
    Ripeto: non sono fantasie e sfido chiunque abbia vissuto colà a smentirmi.
    Quando leggo di signore che girano con braccialetti di diamanti od orologi rolex per Napoli e, specie in questi momenti, non solo Napoli, mi chiedo: ma certa gente possibile che sia così stupida e sprovveduta? Nessuno li ha mai messi in guardia? Forse si illudono che la loro notorietà li protegga?
    Ma si comportino come tutti coloro che hanno imparato ad adeguarsi!
    Ad essere maligni verrebbe da pensare che pur di essere messi in prima pagina certe cose siano il prezzo da pagare purchè si parli di loro!

  4. frz40 ha detto:

    Pare che una spiegazione ci sia:
    “E se la camorra attaccasse il Napoli perché De Laurentiis non paga il pizzo?
    Introducendo la vendita dei biglietti on line, il presidente del Napoli ha sottratto un mercato d’oro ai cosiddetti bagarini. E in un mese, improvvisamente, i calciatori, le loro mogli e i loro entourage sono diventati le vittime preferite delle rapine. Il questore continua a parlare di terribile coincidenza, eppure in città il tam tam è partito”.

    Leggi il resto: http://www.linkiesta.it/e-se-la-camorra-attacca-il-napoli-perche-de-laurentiis-non-paga-il-pizzo#ixzz1h3SrDp81

  5. Parsifal ha detto:

    Hai visto che la sai ancora più lunga tu?
    Povera Napoli! …..Dalla padella nella brace!

  6. elena ha detto:

    Sera…
    Difendo sempre la mia città contro tutti e tutto…La difendo anche negando le evidenze…Ciò che sta succedendo ultimamente sono troppi casi che coincidono…L’ ho sempre detto che controi il Napoli e i suoi calciatori c ‘ è qualche organizzazione:per destabilizzare l’ ambiente?perchè centra per l’ ennesima volta la camorra?Perchè,perchè,perchè…???Non so più il perchè giuro…Ma fatto sta che si tratta di qualcosa di anomalo!!!
    Sopra ho letto di gente che a Napoli cammina nascondendo tutto:non portando soldi,oggetti di valore e roba varia…Sarò sincera io per la mia città cammino tranquillamente con soldi e oggetti di valore…Sarà che ci sono abituata,sarà che è la mia città,sarà che penso che come non dovrei camminare per Napoli con queste cose non dovrei farlo nemmeno in altre città ma,purtroppo,Napoli ha la nomina,tutti i mali ci sono a Napoli,le rapine avvengono solo da noi,gli scippi idem…Peccato che nella classifica di rapine milano è prima e Napoli è 35esima!!!
    L’ altro giorno mi sono ritrovata a litigare con un’ amica,lei che ha detto che non si sente napoletana…Ma come cavolo fa?Come cavolo fa a non sentirsi napoletana quando sei nata e cresciuta a Napoli?Come si fa a non arrabbiarsi,a non rimanere male quando ti insultano te e la tua città?Come fai a non sentirti male quando sugli stadi ti cantano:”vesuvio lavali con il fuoco??”…Non so,so solo che per me è strana…Io mi farei ammazzare per la mia città e chi non è nato e cresciuto qui non potrà mai capire,non potrà mai conoscerla,non potrà mai viverla fino in fondo…L’ importante è per gli altri far passare Napoli come l’ unico male dell’ Italia…L’ importante per noi napoletani per bene che ci sono nella mia città saper difenderla questo patrimonio della cultura e dell’ unesco…

    • frz40 ha detto:

      Apprezzo molto, Elena, questo tuo grande amore per la tua Città, ti fa onore.

      Napoli è una grande città, ricca di storia e cultura. Non badare ai cori beceri (quelli che si sentono al San Paolo, non sono da meno) e non pensare ad assurde congiure contro la squadra (da parte di chi, poi?) ma bando al vittimismo e combatti per renderla ancor più grande. Se lo merita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...