Le domande deficienti

Mi sono imbattuto per caso in uno spezzone di puntata di Zelig Off, proprio mentre  Alessandro Serra, che non conoscevo affatto,  era di scena con le sue “domande deficienti“.

Come, ad esempio, quelle del trittico micidiale che vi sentite rivolgere dai vostri cari quando vi capita di dover dire:

“Ho perso le chiavi di casa”

Domanda #1. “Dove le hai perse?”

Domanda #2. “Ma le hai cercate?”

Domanda #3. (quella che vi da il colpo di grazia) “Ma le hai cercate bene?”

Spassoso, da non perdere. Lo trovate QUI

Questa voce è stata pubblicata in il mondo della tv e dello spettacolo, Sorridiamo anche un po' e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Le domande deficienti

  1. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  2. elisabetta ha detto:

    Beh, allora voglio anch’io mandarti una serie di frasi, sai quelle frasi banali che si dicono tanto per dire… quando ti trovi in una situazione di “non so che dire” eppure qualcosa devi dire….
    Ne ho collezionate alcune, ma ce ne sono molte altre e invito tutti coloro che ne hanno qualcuna da aggiungere di scriverla… sto facendone una collezione.

    LE FRASI FATTE

    “Auguri e figli maschi!” Augurio generico per una coppia o di congedo quando non si sa che altro dire

    “È la vita!” …. Frase che si sente spesso pronunciare quando non sappiamo come spiegare un avvenimento

    Non ci sono più le mezze stagioni… è la più banale e si riferisce alle meteoriche condizioni che ci sembrano anomali rispetto alle nostre ipotetiche previsioni.

    I giovani d’oggi non hanno più rispetto per gli anziani : frase pronunciata soprattutto da persone anziane

    Se ne vanno sempre i migliori. frase pronunciata con più frequenza quando schiatta qualcuno

    Qui una volta era tutta campagna: frase spesso pronunciata con tono nostalgico da vecchietti

    Non si può più andare avanti così: frase fatta per eccellenza.

    Ti chiamo/ti faccio sapere/mi faccio vivo io: frase di congedo tradizionale

    “Ma si, l’importante è la salute” :frase che chiude un discorso in riferimento di un periodo di crisi.

    Si stava meglio quando si stava peggio: anche questa pronunciata da persone anziane nostalgiche

    Alcune delle frasi di circostanza quando ci si trova a condividere una salita in ascensore

    “A che piano scende?…. “
    “l’ultimo! All’ottavo, in Paradiso”…

    “Ha visto che tempo?”
    “Si davvero brutto e pensi che hanno detto che peggiora”

    Se gli occupanti sono condomini :

    “Buon Natale, sarete qui per le feste o andate fuori città?”
    ……

    “…. Mi saluti sua moglie, è un po’ che non la vedo, tutto bene spero”
    ……

    “Ha visto? Anche ieri c’era il cancello aperto, mi piacerebbe sapere chi è quello che non chiude mai”

    Alcune frasi quando si incontra qualcuno con un/a bambino/a.

    “Ma che carino/a…. si vede che è suo/a figlio/a… le assomiglia (oppure “assomiglia tutto/a a suo marito… )
    oppure ancora:
    “ma da chi ha preso quegli occhioni azzurri? (frase sconveniente soprattutto se ne padre ne madre hanno occhi azzurri)

    ……

    “Allora (riferito al bambino/a), allora come va la scuola? Sei stato promosso/a?
    …….

    “Ciao tesoro, (sempre riferito ad un bambino/a) sei stato bravo/a? Cosa ti ha portato Babbo Nalate? Spero non il carbone”
    ……

    E ancora (la peggiore ad un bimbo/a di 3-4 anni) :

    “Dimmi, vuoi più bene alla mamma o al papà?”

    Replica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...