Una buona cattiva notizia

I progressi della scienza affascinano e spaventano allo stesso tempo. Questa la notizia Ansa (LINK), che ci arriva dall’universita’ di KwanDong, a Seoul :

“Nuovo test sangue dice sesso nascituro”

Gia’ poche settimane dopo concepimento, chiave e’ rapporto enzimi

Non saranno piu’ necessari esami invasivi o lunghe attese oltre i primi tre mesi per conoscere il sesso di un bambino nella pancia della madre. Un gruppo di ricercatori coreani a messo a punto un test, unico nel suo genere, capace di individuare il genere del neonato gia’ poche settimane dopo il concepimento, attraverso un semplice prelievo del sangue della madre. 

Gli esami disponibili ad oggi per identificare, (non solo), il sesso del nascituro sono l’amniocentesi e l’analisi dei villi coriali, entrambe procedure invasive che non possono essere fatte prime di unidici settimane di gestazione .

E’ una buona notizia? Non lo so. Penso alle bambine mai nate di cui ai precedenti miei post.

E non solo a quelle.

Questa voce è stata pubblicata in Fatti e notixie dall'estero, vita quotidina e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Una buona cattiva notizia

  1. elisabetta ha detto:

    A parte che solo dopo tre mesi, con l’ecografia, è già possibile conoscere il sesso del nascituro e questa notizia anticipa solo di tre mesi questa notizia, mi chiedo, che senso abbia una conoscenza di questo tipo: chè, forse conoscere il sesso del feto può essere così importante?
    Mah…. non lo capisco proprio.
    Un tempo, la nascita di un bambino era accolta come un dono e questo dono, come tutti i doni era ancora chiuso in un pacchetto e veniva scartato al momento giusto con la gioia della sorpresa…. è vero che a volte uno si aspettava una femmina e usciva un maschio e viceversa, ma non è così anche per i doni a Natale???? A volte si scarta il dono e si gioisce a volte ci si delude, ma sta nel gioco della sorpresa, altrimenti… che sorpresa è?

    Ma la mia è solo una opinione e un intimo ragionamento… ragionamento forse non consono ai progressi della scienza che penso sia utile per molte altre scoperte di uso più utile e umanitario.

    eli

    • frz40 ha detto:

      Mi sembra terribile pensare che quel dono possa essere rispedito al mittente, se un esame del sangue ci dice che non è del sesso desiderato.

      Brrrrrrrrrrrrrr !!!!

  2. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  3. quarchedundepegi ha detto:

    Mi sembra proprio una cattiva notizia.

  4. marisamoles ha detto:

    Io, pur conscia del fatto che l’ “effetto sorpresa” sia preferibile, ho voluto sapere il sesso dei miei due cuccioli appena possibile. Ma non capisco cosa possa cambiare ottenere questa informazione fin da subito. Non credo, come tu frz temi, che possa essere uno strumento per selezionare i feti. Almeno, non qui da noi. In un’Italia in cui si diventa mamme anche a cinquant’anni e più, tentando tutto il possibile per coronare il sogno, non posso pensare che si potrebbe arrivare ad una cosa così orribile.
    Per quanto riguarda i Paesi dell’Estremo Oriente, la mentalità non la puoi cambiare. Questa scoperta potrà, se non altro, minare di meno la salute delle donne, senza costringerle ad aborti tardivi.

    Credo, invece, che la ricerca, in generale, dovrebbe risolvere un altro “problema”: quello relativo al gruppo sanguigno del nascituro. Lo dico perché a me, dopo il distacco parziale della placenta, furono ipotizzate malattie terribili per il mio bambino, nel caso il suo gruppo fosse incompatibile con il mio. Non si possono passare sei mesi da incubo (io non ho voluto fare l’amniocentesi per non mettere ancora più a rischio la gravidanza) … Conoscere il sesso così in anticipo non ha, invece, alcuna utilità.

    • frz40 ha detto:

      Temo che essendo la cosa sempre più facile tanto prima ci si ricorre, di bambine nei Paesi asiatici ne nasceranno sempre meno. E non solo lì.

      Le mamme a cinquant’anni sono una piccola minoranza. Per loro non cambia nulla.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...