Contro la violenza.

Con riferimento all’agguato al manager di Ansaldo Nucleare Roberto Adinolfi, nonché all’intervista radiofonica concessa all’ex brigatista Adriana Faranda e ad altre dichiarazioni,  Mario Calabresi, nella sua rubrica “Lettere al direttore” per La Stampa (Link), il 18 Maggio u.s. scriveva:

Da tempo penso che gli ex terroristi farebbero bene a coltivare il silenzio, così come i cosiddetti «cattivi maestri», cioè i predicatori di violenza di quella stagione, che dovrebbero evitare di tornare in cattedra per pontificare su qualunque argomento. Non è così purtroppo, anche se lo spazio che gli viene concesso è assai minore che un tempo.
In parte la responsabilità è dei giornalisti che li vanno a cercare e gli offrono un microfono. Se però queste persone prendessero la parola per spiegare gli errori e far capire ai giovani come la scelta della lotta armata abbia distrutto le loro vite e quelle di altri, allora ciò avrebbe un senso. Se invece – e lo hanno spiegato bene Agnese Moro su questo giornale e Aldo Cazzullo sul Corriere – lo fanno per giustificare e interpretare, allora ciò è scellerato. Non se ne sente alcun bisogno, dobbiamo evitare paragoni inutili e smettere di leggere l’Italia di oggi con gli occhiali degli Anni Settanta. La situazione non è fortunatamente la stessa e abbiamo bisogno di menti fresche per capire e per mettere in guardia i giovani dal fascino distruttivo della violenza.

Ben detto, ma attenzione: non sono solo i  media che danno troppo spazio a chi giustifica o interpreta, ma molti politici, in questi anni, hanno più volte fatto ricorso a frasi o azioni che esprimevano troppa violenza. L’augurio è che, finalmente ci facciano attenzione e sappiano abbassare i toni, anche se certe dichiarazioni e certe accuse  che ho letto oggi a proposito della bomba davanti alla scuola di Brindisi, non lasciano troppo ben sperare.  E’ vero. Probabilmente i fatti di Brindisi nulla hanno a che vedere col terrorismo e, forse, nemmeno con la mafia, ma sono un fatto isolato di uno squlibrato.

Ma è difficile prevedere le reazioni delle teste calde e chi semina vento, dice un vecchio proverbio, raccoglie tempesta.

Questa voce è stata pubblicata in Opinionisti, Politica, vita quotidina e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Contro la violenza.

  1. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...