Spunti di Riflessione

Alcune amiche so che mi hanno rimproverato di scrivere troppo poco e di essere poco presente con i miei commenti sui sui loro blog.

Hanno ragione, mi spiace  e me ne scuso. Ma un motivo c’è. Da diverso tempo soffro di Parkinson. Da qualche mese pare che le cure facciano meno effetto e non sono molte le ore di piena efficienza. Ho difficoltà a scrivere e le dita inciampano sulla tastiera, costringendomi a molte correzioni e revisioni.

Mi è più facile leggere, di qui i molti libri, una sessantina, che ho letto da un anno a questa parte e dei quali ho cercato di mettere a parte chi può averne avuto interesse.

Il blog però è vita e quando mi sarà difficile scrivere pezzi ben strutturati per argomentare i miei pensieri, credo che potrà valere la pena di sottoporveli sotto la forma di semplici Spunti di Riflessione.

Avranno la sigla [SdR] e questa iconcina.

Saranno magari anche solo spunti provocatori e i commenti che potranno seguire saranno utili per gli eventuali chiarimenti e approfondimenti.

Mi auguro che possano esservi graditi e non fatevi scrupolo di contestare, quando lo riterrete opportuno.

Questa voce è stata pubblicata in I temi del giorno, Sito e blog e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Spunti di Riflessione

  1. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  2. marisamoles ha detto:

    Caro frz,

    mi sento “chiamata in causa” e non vorrei sembrarti insensibile visto che da tempo conosco il tuo “problema”. Se un rimprovero c’è stato, si riferiva al fatto che forse hai commentato il post sbagliato, nel senso che tu sai. Ma non mai ho pensato – e credo nessuno di noi che ti seguiamo e che abbiamo un blog – che tu debba sentirti obbligato a leggere e commentare i post. L’importante è farmi/ci sentire che ci sei, che ce la stai mettendo tutta e che possiamo contare su di te, rispettando i tuoi tempi e i tuoi stati d’animo.

    L’idea degli Spunti di Riflessione è ottima. Non servono discorsoni – quelli che generalmente faccio io, insomma 😉 – per renderci partecipi, almeno un po’, della tua vita da blogger.

    Un abbraccio. TVB ❤

  3. Qualche giorno fa mi è capitato di commentare su un blog la cosiddetta “mancanza di partecipazione” da parte di alcuni lettori che mettevano “mi piace” sui vari post, magari solo attraverso lo strumento del reader senza entrare negli specifici articoli. La titolare del blog si lamentava della mancanza di scambio, del non ricevere una sorta di feedback a quello che scriveva e che era nelle sue pur giuste aspettative. Le ho fatto notare e lo faccio anche qui, approfittando di questo tuo post, che non tutti hanno le stesse aspettative da un blog, non tutti vogliono avere uno scambio di “visite” o magari non tutti hanno il tempo o la possibilità di usare il pc per il tempo necessario per attivare uno “scambio” costante. Bisogna cercare di guardere il mondo anche attraverso gli occhi altrui anche se non è sempre facile. Sinceramente, mi dispiace che tu ti sia sentito in qualche modo tenuto a metterci al corrente del tuo stato di salute per ovviare ad una “presunta” mancanza. Detto questo ti auguro di trascorrere tanti momenti di serenità, qui con noi, in giro per il web.
    Anna

    • frz40 ha detto:

      Ti ringrazio e apprezzo, ma ho fatto male a dire “rimproverato”. Non era un rimprovero; era la manifestazione del dispiacere di leggermi di meno. Non mi son quindi sentito in obbligo per una presunta colpa, ma solo per spiegare che, pur essendo meno efficiente di un tempo, cercherò di dare un taglio diverso ai miei post per stare ancora in contatto con gli amici che mi seguono.

      D’altra parte questo blog è nato tre anni or sono e ha avuto quasi 500.000 visite, con una crescita che, francamente, non mi aspettavo. Da qualche tempo langue un po’ e forse è ora di svecchiarlo. Spero di riuscirci.

      Colgo l’occasione: ho visto la “voglia di leggerezza” che ti ha fatto abbandonare il nero di fondo sul tuo blog. Donava molto alle foto (complimenti, moòte sono bellissime!), ma c’era da cavarsi gli occhi per leggere gli scritti. Meglio il bianco, ma se posso permettermelo, non mi sembra ancora la soluzione definiva. Brava, comunque.

      • Si devo arrivare ad una soluzione definitiva per sistemare i colori degli scritti… ancora non ho deciso se tornare alla vecchia grafica o meno e quindi sui colori sono rimasta un pò bloccata. Nel momento i cui avrò deciso se scegliere il bianco o il nero sistemerò il tutto 😉 Grazie!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...