[Libri] “Il meglio di me” di Nicholas Sparks e “Il gabbiano Jonathan Livingston” di Richard Bach

“Il meglio di me” di Nicholas Sparks – 2012, Frassinelli

E’ la primavera del 1984 a Oriental, un piccolo paese del North Carolina, quando  Amanda e Dawson, diciasettenni, si innamorano perdutamente, nonostante che appartengano a mondi molto diversi – lui di famiglia povera e violenta, lei di famiglia ricca e snob.

Alla fine dell’estate, però, le loro strade si dividono per rincontrarsi solo venticinque anni dopo. E’ il vecchio Tuck, l’amico di un tempo, che l’ha voluto e ha fatto in modo che accadesse, morendo.

Il loro amore è rimasto quello di una volta ma mentre Dawson è rimasto single, Amanda è sposata e madre di tre figli.

Una bella storia d’amore raccontata con i delicati colori dell’acquerello. Il linguaggio è semplice e scorrevole e l’ho letto in un giorno,  d’un sol fiato.

Mi ha deluso un po’ il finale dove il tentativo di bilanciare doveri e passione sfocia in un epilogo bello, ma troppo cercato.

Mio gradimento ***/**** 

“Il gabbiano Jonathan Livingston” di Richard Bach – 2006, Rizzoli

Jonathan Livingston è un giovane gabbiano che si sente diverso dagli altri: per tutti volare è solo un mezzo per procacciarsi il cibo,  per lui è un’arte nella quale raggiungere la perfezione.

Abbandonato per questo dal  gruppo, Jonathan trascorre diversi anni ad esercitarsi nel volo, finché un giorno lo raggiungono due gabbiani dalle piume candide, che lo convincono a seguirli nel “Paradiso dei Gabbiani”. Qui coronerà il suo sogno e non solo imparerà a volare alla velocità del pensiero, ma scoprirà anche che il vero scopo della vita è arrivare a capire il segreto della bontà e dell’amore.

Jonathan – recita la presentazione del libro – diventa così un simbolo, la guida ideale di chi ha la forza di ubbidire alla propria legge interiore; di chi prova un piacere particolare nel far bene le cose a cui si dedica”.

Il romanzo è una fiaba, una parabola che inneggia  alla libertà e all’amore. Ha avuto grande successo sin dalla sua apparizione (1970) e io mi ci sono avvicinato su segnalazione di un’amica blogger che l’ha molto apprezzato. Purtroppo, non amo le parabole e non mi ha entusiasmato. Mio gradimento **/***

—–

(Questa la pagina dei libri letti e questo il precedente post)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Libri letti e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a [Libri] “Il meglio di me” di Nicholas Sparks e “Il gabbiano Jonathan Livingston” di Richard Bach

  1. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  2. quarchedundepegi ha detto:

    Non conosco il primo ma lessi con piacere la storia del Gabbiano Livingston. Non solo mi è piaciuto ma l’ho consigliato a molti. Lo trovo particolarmente valido perché dimostra che non è necessario fare sempre come tutti gli altri, vestire obbligatoriamente “firmato”, andare tutti nello stesso posto, ecc. È bene usare la propria testa!
    Ciao.

    • frz40 ha detto:

      Il suggerimento di usare la propria testa e amare la libertà è indubbiamente valido. Non per questo apprezzo le fiabe-parabola. Ci sono esempi molto più validi di uomini e donne che a questi ideali hanno dedicato la vita. Per una volta non siamo dello stesso avviso, caro quarc, ma anche questo è libertà e uso della propria testa. Apprezzo comunque il tuo punto di vista.

  3. marisamoles ha detto:

    Anch’io ho letto Il gabbiano una trentina di anni fa. Ricordo una lettura gradevole ma niente di eccezionale. Tutto il successo che ebbe e continua ad avere non lo capisco.

  4. quarchedundepegi ha detto:

    Volete rattristarmi? Non ci riuscirete.
    Quel Gabbiano fu un maestro di vita; ci dimostrò che bisogna distinguersi!

    • frz40 ha detto:

      Parafrasando D’Annunzio : la favola bella che ieri t’illuse, che oggi t’illude. Eh sì, il potere delle favole. Ma se ti è stata un buon insegnamento non puoi che ascrivertene il merito.

  5. Pingback: [Libri] John Grisham: “Il ricatto”, “L’uomo della pioggia”, “Il rapporto Pelican”, “Il socio” e “I contendenti”. | Frz40's Blog

  6. marisamoles ha detto:

    Ho finito di leggere oggi in spiaggia “Il meglio di me” e condivido il tuo parere. Il finale effettivamente non è il massimo. Non so se ne scriverò la recensione (anche perché ne ho ancora 4-5 da recensire e se aspetto ancora dovrò rileggerli 😦 ) comunque eventualmente ti arriverà la notifica.
    OT: ho visto che ti sei iscritto al mio blog estivo. Grazie! Aspetterò i tuoi commenti con piacere. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...