[Libri] Ancora un thriller dalla Svezia: “La testimone del fuoco” di Lars Kepler

E’ firmato con lo pseudonimo di Lars Kepler questo thriller dei coniugi Alexander Ahndoril e Alexandra Coelho, che lo hanno scritto a due mani, e  che fa seguito al grande successo de L’ipnotista e L’esecutore.

“La testimone del fuoco” di Lars Kepler – 2012, Longanesi

Joona Linna è un commissario della polizia criminale che si trova alle prese, come osservatore, con un caso di un duplice omicidio affidato alle indagini la polizia locale di Lundval.

Miranda, una ragazza ospite di un istituto per il recupero di giovani disadattate con comportamenti autodistruttivi, è stata brutalmente uccisa nella cella di punizione dell’istituto, dove viene rinvenuta in un lago di sangue, supina sul letto, con le mani che le coprono gli occhi. Anche l’assistente sociale di turno, Elisabet, è stata orrendamente contemporaneamente uccisa nella lavanderia dello stesso istituto.

Tutto sembra indicare in Vicky, un’altra delle ragazze in cura presso lo stesso istituto, come colpevole, poiché è fuggita nella notte dei due delitti, anche appropriandosi, nella fuga, di un auto con un bambino a bordo.

E’ lei l’assassina? E le strane visioni di una sedicente medium, Flora Hansen, che avranno gran peso nel successivo sviluppo del racconto, saranno d’aiuto per la soluzione del caso?

Il thriller è avvincente e la narrazione si sviluppa con uno stile di scrittura, tutto in terza persona e all’indicativo presente, che esalta la suspense e le sensazioni d’angoscia. Ve ne do un esempio:

[..] Elisabet resta ferma con lo sguardo fisso sul corridoio, in ascolto. Dapprima non sente nulla, poi le pare di coglierlo nuovamente. Un piccolo bisbiglio, tanto flebile che quasi non si riesce ad afferrarlo.

«È il tuo turno di chiudere gli occhi», sussurra qualcuno.

Elisabet sta immobile e scruta nella penombra, sbatte più volte le palpebre ma non riesce a distinguere nessuna figura umana.

Fa appena in tempo a pensare che dev’essere una delle ragazze che parla nel sonno, quando sente uno strano rumore. Come se qualcuno avesse fatto cadere una pesca troppo matura sul pavimento. E poi un altro ancora. Un tonfo pesante e bagnato. La gamba di un tavolo gratta il pavimento e poi altre due pesche cadono per terra.

Elisabet coglie un movimento con la coda dell’occhio. Un’ombra che passa. Si volta e vede che la porta del refettorio si sta lentamente chiudendo.

«Aspetta», dice, benché intuisca che dev’essere ancora la corrente d’aria.

Corre verso la porta, afferra la maniglia e avverte una strana resistenza. Dopo una piccola lotta la porta si apre docilmente.

Elisabet entra nel refettorio. È vigile e cerca di abbracciare la stanza con lo sguardo. Il grande tavolo pieno di graffi luccica debolmente. Con circospezione prosegue verso la stufa di maiolica, e vede i propri movimenti riflettersi negli sportelli d’ottone.

Il calore si diffonde dalle canne fumarie riscaldate.

D’un tratto dietro gli sportelli si sente un colpo e un crepitio. Elisabet indietreggia e urta una sedia.

Era solo la legna arroventata che crollando è andata a sbattere contro l’interno degli sportelli.[..]

A mio parere, però, questo modo di scrivere per quasi 600 pagine alla fine stanca un po’ e ho trovato eccessivamente descrittive le scene di horror.

Non ho capito, infine, che cosa abbiano a che fare le vicende personali di Jona Linna, alle quali sono dedicati gli ultimi capitoli, con il resto del racconto.

C’è chi ha paragonato i thriller di Lars Kepler, alla trilogia Millennium (vedi qui) di Sting Larson, ma a mio avviso c’è ben poco in comune e nessun personaggio di Kepler ha le caratteristiche della straordinaria  Lisbeth Salander.

Mio gradimento ***

(Questa la pagina dei libri letti e questo il precedente post)

Questa voce è stata pubblicata in Libri letti e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a [Libri] Ancora un thriller dalla Svezia: “La testimone del fuoco” di Lars Kepler

  1. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  2. Pingback: [Libri] “Come un uragano” di Nicholas Sparks | Frz40's Blog

  3. marisamoles ha detto:

    Non è il mio genere e concordo con te: leggendo il brano riportato, trovo che sia un tipo di scrittura che a lungo andare stanca. Poi a me non piace particolarmente l’uso del presente storico. Tra l’altro è difficile mantenerlo per tutta la narrazione.

  4. Pingback: [Libri] Michael Connelly: “La lista”,“Il cerchio del lupo”,“L’uomo di paglia” e “La ragazza di polvere”. | Frz40's Blog

  5. AnimaNoirBlog ha detto:

    Ti parlo da lettrice un po’ di parte perché sono approdata a La testimone del fuoco dopo aver letto già tutti gli altri libri di Lars Kepler. A me piace come scrittore, trovo avvincenti le storie e scorrevole la lettura. Per quanto riguarda le vicende personali di Joona Linna sono un’introduzione al romanzo successivo che se non sei rimasto troppo scottato dalla delusione ti consiglio vivamente di leggere. Io appena trovo un attimo di tempo lo recensirò sul mio blog =)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...