Situazione politica: finalmente un articolo che condivido.

Il partito che non c’è (c’è già)

23 settembre 2012 IL – Il mensile del Sole 24 ORE

[..] Ancora prima di macinare i numeri, di digerire le tabelle e di valutare le ragioni del nostro rating così basso nelle classifiche internazionali, c’è da segnalare una cosa che ci caratterizza negativamente: alle elezioni le democrazie avanzate scelgono tra una proposta politica liberale e una socialdemocratica (in Europa) oppure tra un’offerta liberal conservatrice e una liberal progressista (in un contesto radicalmente liberale come gli Stati Uniti). A noi tutto questo non è consentito. Crollata per manifesta incapacità la seconda Repubblica, la tendenza è tornare indietro, invece che andare avanti. Le forze politiche, peraltro animate dagli stessi protagonisti delle due fasi precedenti, si stanno organizzando secondo i modelli ideologici di 20 anni fa: un variegato agglomerato di lotta e di Governo a sinistra, un grande centro neodemocristiano e un imbarazzante vuoto di idee a destra temporaneamente occupato da un populismo giustizialista e becero che attraversa tutto l’arco costituzionale (e lo supera). Poi uno si chiede perché lo spread non scende.

L’offerta politica è soltanto per i neo, ex, post comunisti, per i neo, ex, post fascisti e per i neo, ex post democristiani. Gli altri non esistono, non hanno rappresentanza. Poco male, se fossero minoranza. Ma non è più così. Una volta si diceva che il liberalismo italiano fosse un affare privato della famiglia Croce-Carandini e che i liberali si potessero riunire comodamente in una cabina del telefono. Ma oggi le cabine del telefono non esistono più, il mondo è cambiato, sono trascorsi 23 anni dalla fine della tragica illusione comunista, 20 anni dal ripudio di ogni paccottiglia ideologica fascista, 18 anni dallo scioglimento del Partito-Stato Democrazia Cristiana. Da allora sono nati, e già votano, generazioni di italiani che per Berlinguer, Almirante e Andreotti provano lo stesso distacco politico, sentimentale e temporale che avvertono nei confronti di D’Azeglio, Badoglio o De Gasperi.

C’è stata, inoltre, la grande illusione berlusconiana di una rivoluzione liberale ed è addirittura nato un partito, il Pd, sulla scia delle esperienze liberal di Clinton e di Blair, con l’obiettivo di interpretare l’anima di sinistra del liberalismo moderno. Il berlusconismo è crollato sotto il peso delle sue stesse contraddizioni e velleità e il Pd sta prendendo una legittima ma inesorabile piega socialdemocratica, a meno che alle primarie non prevalga la piattaforma del sindaco Matteo Renzi. Il risultato è che per i leader europei, per le istituzioni sovranazionali e per i mercati gli unici interlocutori italiani credibili sono i tecnici scelti da Mario Monti e da Giorgio Napolitano, cui già le nuove coalizioni pensano di rivolgersi ancora una volta dopo il prevedibile impasse delle elezioni.

Ma c’è chi non si accontenta. C’è chi crede che sia necessario liberarsi delle categorie del passato, rimboccarsi le maniche e lavorare senza schematismi al futuro del Paese. Destra, sinistra, centro. Non importa. Il punto non è la formula, non è il contenitore, non può essere il passato. Le cose da fare sono davanti agli occhi di tutti e con le infografiche di questo numero proviamo a darvi una visualizzazione ancora più evidente.

Ci sono i liberali del Pd e quelli del centrodestra, c’è la credibilità dell’esperienza Monti, ci sono le proposte di Fermare il declino e di Italia Futura, ci sono i paper dei centri studi, c’è la sfida politica di Renzi. Se ci pensate, il famoso «partito che non c’è» in realtà c’è da 20 anni ed è stato fondato dagli italiani, da persone normali, che da allora hanno favorito ogni possibile approccio o tentativo liberale, anche il più scalcagnato e il meno credibile, salvo poi assistere inesorabilmente all’inadeguatezza di chi l’aveva maldestramente guidato. Gli italiani sono già liberali. Detta in un altro modo: gli italiani sono già persone normali, senza alcuna voglia di combattere battaglie ideologiche di retroguardia. Lo stato dell’Italia è buono: fatti i liberali, ora bisogna fare un Paese normale.

Christian Rocca

Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Situazione politica: finalmente un articolo che condivido.

  1. TANIETTA ha detto:

    BELLISSIMO ARTICOLO! TUTTI A CASA E LASCIAMO SOLO IL GOVERNO TECNICO
    !

  2. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...