Leggins e grembiuli neri. Per la serie “noi che…”

Cupido

.

Come NON è cambiato il mondo !

Noi che nelle superiori andavamo a scuola facendo i doppi turni e che le classi erano separate. Maschietti al mattino e femminucce al pomeriggio a mesi alternati. I maschietti con i primi calzoni lunghi e le femminucce col grembiule nero dal collettino bianco,  che per comodità veniva lasciato in classe, appeso alle spalliere.

Ed era così che nascevano i nuovi amori. Come? Ma con i bigliettini lasciati nelle tasche di quei grembiuli. “Questa dev’essere alta e pure bionda…. questa bruna, piccolina e rotondetta”. E  via con la fantasia.

«Ciao, come ti chiami? Io Franco. Scommetto che hai gli occhi azzurri. Com’è andata questa mattina a scuola?» – diceva il primo bigliettino.

E funzionava?

Certo che funzionava.

Poi hanno detto che quei grembiuli erano sessisti e che costituivano una vera costrizione. Sì, ma poi ci son voluti trent’anni prima che inventassero internet, le chat e gli sms. Non credevate mica che fossero nati adesso?

Che nostalgia!

PS – Grazie Marisa, che col tuo post sui leggins, mi hai fatto risvegliare questi ricordi.

Questa voce è stata pubblicata in Emozioni, pensieri, riflessioni e ricordi e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Leggins e grembiuli neri. Per la serie “noi che…”

  1. ohmarydarlingblog ha detto:

    Molto carina questa cosa 🙂

  2. liù ha detto:

    Che periodo fantastico !!

  3. melodiestonate ha detto:

    wow mi hai riportata indietro nel tempo….era bellissimo ai miei tempi la scuola,il grembiulino nero,i bigliettini di fidanzamento,e si festeggiavano i compleanni nelle case , ricordo il ballo del mattone 😀 CMQ IO VOTO PER IL GREMBIULE……ciao frz

  4. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  5. unmateamargo ha detto:

    E chi se li scorda quei giorni? Il tempo ce li dipinge con colori che forse non hanno mai avuto davvero, ma è bello tirarli fuori dal cassettino del cuore e, per un momento, riviverli… abbelliti o no quegli anni sono quello che hanno fatto di noi ciò che oggi siamo e scordarli sarebbe tradire noi stessi.
    Non ci pensavo da tanto, grazie per averrmeli fatti riviere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...