[Libri] “Un uso qualunque di te”, di Sara Rattaro – Giunti (2012)

“Una storia che esplode nella testa e nel cuore”

(dalla copertina del libro)

Sull’onda dell’entusiasmo per “Non volare via”, del quale ho parlato al precedente post, mi sono tuffato, ieri pomeriggio, su questo “Un uso qualunque di te”, di Sara Rattaro, e non ne sono riemerso, soddisfatto ed emozionato, se non qualche ora dopo all’ultima delle 208 pagine del romanzo.

Mi piace, mi piace, mi piace come scrive quest’autrice: usa un linguaggio semplice, diretto, accattivante, essenziale, coinvolgente, mai retorico.

Della trama del libro posso dirvi poco per non togliervi il piacere di assaporarlo pagina dopo pagina in un susseguirsi di eventi e di emozioni, raccontati, tutti al femminile, dalla voce narrante della protagonista.

Viola dovrebbe essere una donna felice con una vita perfetta: ha un marito, Carlo, solido e premuroso, una figlia diciasettenne, Luce, che adora il padre, un’amica del cuore, Angela, con la quale condivide un lavoro interessante ed indipendente.

Ma Viola donna perfetta non è . E lo è tanto poco che, in piena notte, deve alzarsi di soprassalto dal letto di un amante occasionale, quando riceve un messaggio del marito che le chiede di raggiungerlo urgentemente in ospedale perché la figlia è in grave pericolo di vita.

In quella notte, e nelle ore che seguono, Viola rivive tutto il suo passato di donna fragile, volubile, anche un po’ egoista, ma sola e insoddisfatta; una donna che dentro di sé nasconde un mondo molto complicato.

Come tutte le donne.

Si può non comprenderla, discuterla, anche detestarla per i suoi errori, ma non si può non farsene prendere il cuore.

Non fatevi però ingannare dalla copertina: “Un uso qualunque di te” è un romanzo duro, disperante, difficile da digerire, anche se il finale, forse, è un po’ scontato.

Mio gradimento ****.

(PS. Va a finire che leggerò anche il primo dei tre romanzi pubblicati da quest’autrice: “Sulla sedia sbagliata”)

.Memo:
I links del mio blog per i libri letti:
– I precedenti commenti
– La tabella di riepilogo.
– Le cinque stelline

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Libri letti e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

28 risposte a [Libri] “Un uso qualunque di te”, di Sara Rattaro – Giunti (2012)

  1. laurazaccaro2013 ha detto:

    Sono sempre più curiosa.. vedrò di prendere anche questo! 😉

    • frz40 ha detto:

      Lo stile della scrittrice è sempre quello, ma i due libri sono profondamente diversi. Mi dirai… (ma mi carichi di responsabilità… 🙂 )
      Buon weekend anche se pare piuttosto uggioso.

  2. Monique ha detto:

    Mi incuriosisce questa scrittrice, accolgo il suggerimento.

  3. marisamoles ha detto:

    Incuriosisce anche me. Peccato che la lista di libri in sospeso sia infinita e che il mio tempo non lo sia.

  4. blogdibarbara ha detto:

    Mi dà l’impressione di essere la versione femminile di “Non ti muovere”: corrisponde praticamente tutto!

    • frz40 ha detto:

      Non conosco “Non ti muovere”. Da qualche parte ho letto che alcuni lo trovano simile e altri, invece, no. Comunque pensa un po’ che la Mazzantini non la sopporto……

    • frz40 ha detto:

      @barbara @marisa
      Come promesso, ho letto anche “Non ti muovere”, che mi è piaciuto e commenterò con un post a parte appena trovo il tempo. Posso dirvi che lo spunto dei due libri è analogo e non del tutto insolito, seppur a parti inverse – un coniuge infedele che si trova a doversi confrontare con un figlio in pericolo di vita -, ma gli sviluppi dei due racconti sono diversi, così come è diverso lo stile delle due scrittrici: più elaborato e ad effetto quello della Mazzantini, più asciutto ed essenziale quello della Rattaro. Da leggere entrambi, a mio parere.

      • blogdibarbara ha detto:

        Caspita, sei un fulmine!

      • marisamoles ha detto:

        Caro frz, sei un fenomeno! Come fai a leggere così tanti libri uno dopo l’altro? Io trovo difficoltà poi a ricordare le trame e poi talvolta, specie se un libro mi è piaciuto tanto, ma proprio tanto, mi devo prendere almeno un paio di giorni per riassaporarlo nella mente. E’ come se non volessi tagliare il cordone ombelicale che ancora mi lega al libro.
        Che dire? Complimenti!

    • frz40 ha detto:

      @ barbara e @ marisa
      Mi avete stuzzicato e ci tenevo molto, dato che quello di Sara Rattaro mi era tanto piaciuto, a confrontare i due libri.
      In effetti sto leggendo molto, buon segno, ma va a periodi.

  5. TANIETTA ha detto:

    FRRRRRRAAA SPEDISCI, AL MIO INDIRIZZO , LE TUE SENSAZIONI SUI LIBRI SONO PER ME VERBOOOOOOO SEI UN GRANDISSIMO CRITICO EUN LETTORE UNICO TI ABBRACCIO BUONA DOMENCAAAAAAAAAAAA

  6. Pingback: [Libri] “Non ti muovere”, di Margaret Mazzantini – Mondadori (2002) | Frz40's Blog

  7. Pingback: [Libri] “Niente è come te” di Sara Rattaro – Garzanti (Settembre 2014) | Frz40's Blog

  8. Pingback: LIBRI: “UN USO QUALUNQUE DI TE” di SARA RATTARO | Marisa Moles's Weblog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...