[Libri] “Il vecchio e il gatto” di Nils Uddenberg – Corbaccio (2014)


Siamo a Lund, in Svezia.

Lei è Micia, una randagia tigrata grigia e marrone che appare davanti alla finestra della sua camera da letto, una mattina d’inverno, e lo fissa con i suoi begli occhi tondi e color oro.

Lui, è l’autore, è Nils Uddenberg,  medico, scrittore, docente di psichiatria e filosofia di vita, ora settantenne, in pensione.

E “Il vecchio e il gatto” è “una storia d’amore” di come Nils si sia ritrovato con un gatto malgrado avesse deciso che non avrebbe mai tenuto animali domestici.

«È una storia banale, forse persino un po’ ridicola. Ma ho passato i settant’anni, non ho una posizione da difendere né una carriera per cui lottare. Posso permettermi di raccontarla. Come molti uomini di una certa età, ho il cuore tenero e sensibile. La gatta, al contrario  possiede una volontà di ferro, o forse farei meglio a descriverla come determinata, metodica e cauta. Non ci sono mai stati scontri, ma alla lunga l’ha avuta vinta lei».

E sì perché le arti seduttive di questi piccoli amici a quattro zampe sono spesso irresistibili.

Dice: «La nostra gatta ci ha scelto, non siamo stati noi a scegliere lei. I gatti lo fanno da migliaia di anni ed è per questo che portano con orgoglio la coda ritta in aria. Sono individualisti indipendenti, che si rifiutano di trovare un posto tra i ranghi. Indipendenti come molte persone desidererebbero essere».

Ci si ritroveranno le amiche gattofile di questo blog e apprezzeranno non solo le pagine divertenti, ma anche quelle nelle quali l’autore cerca di entrare nella psicologia dell’animale chiedendosi in modo per la verità piuttosto disincantato fino a che punto sia confrontabile con quella umana.

Dice: « Micia è davvero vittima del nostro impulso irrefrenabile di interpretare le intenzioni e i sentimenti di chi incontriamo nella nostra vita quotidiana. Probabilmente vi leggiamo troppe cose: cose spesso, che non ci sono affatto. Ci sembra che Micia ci guardi con aria di rimprovero quando non facciamo come crediamo che lei voglia. Ma un gatto può rimproverare qualcosa a qualcuno? Chiedere, o persino implorare, sì, ma rimproverare? Quando ci sentiamo la coscienza sporca perché crediamo di averla delusa, con ogni probabilità le attribuiamo sentimenti che non le appartengono».

Aggiunge: «Naturalmente sbaglio quando interpreto le intenzioni di Micia. Ma ha importanza? Umanizzare gli animali domestici non è forse lo scopo del tenerli con sé? Quando sono lì lì per perdere le staffe perché il collegamento Internet «non vuole» funzionare, Micia sale nel mio studio e mi si struscia tra le gambe, e quando la prendo in braccio lei fa le fusa. Mi sento come se mi volesse consolare. Lo capisco che non era quella la sua intenzione, certo, ma mi fa bene credere che comprenda i miei sentimenti. Così le faccio un’altra carezza e lei continua a fare le fusa».

E conclude: «Noi e Micia siamo diventati gli uni parte della vita dell’altra. Non posso dire che ci capiamo a vicenda, non è questo il motivo; tuttavia ci troviamo bene insieme. Ora come ora lei dipende completamente dai nostri servizi e ci dà un po’ di vita. Quando giochiamo con lei, la cerchiamo o proviamo a disfarci dei topi che porta in casa, facciamo esercizio. E soprattutto ci facciamo delle belle risate, cosa che dovrebbe allungare la vita. Inoltre abbiamo qualcuno a cui rivolgere le nostre attenzioni, e prestare le proprie cure è importante quanto riceverle. Per me è diventata una sfida filosofica cercare di capire almeno in parte il suo mondo. Dopotutto lei fa parte delle mie frequentazioni quotidiane, e in genere si vuole cercare di capire chi si ha vicino. Anche se si tratta di un gatto».

Una lettura piacevole per qualche momento di riflessione e sano relax, con il nostro micio accoccolato ai piedi .

Mio gradimento ***.

-.-

Memo: nella categoria Libri :

– I miei precedenti post
– La tabella di riepilogo.
– Le mie cinque stelline

Questa voce è stata pubblicata in Libri letti e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a [Libri] “Il vecchio e il gatto” di Nils Uddenberg – Corbaccio (2014)

  1. Monique ha detto:

    Ehi, ma questo è proprio il mio libro😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...