[Libri]“L’incanto delle sirene” di Gianni Biondillo – Guanda 2015, 328 p.

Biondillo  Sirene

Non conoscevo Gianni Biondillo*,  né l’ispettore Ferraro, il personaggio da lui creato, e questo romanzo, “L’incanto delle sirene”, è già il settimo della serie.

E’ un giallo dall’intreccio curato ancorché prevedibile, del quale non ho apprezzato però molto alcune “tirate” retoriche sul sociale e l’epiloghino un po’ mellifluo, ma il libro è piacevole, i personaggi sono ben caratterizzati e le “trovate” che coloriscono le storie minori sono semplicemente strepitose. Per tutte quella del cosiddetto  “codice 32”.

La presentazione:

Certe volte a Milano il caldo può essere insopportabile perfino a settembre. La città ricomincia la sua attività più nervosa di prima. Anche l’ispettore Ferraro ha ripreso a lavorare, acciaccato dagli anni nel corpo e nell’animo. E sarebbe ben felice di potersi defilare se non si trovasse sempre nel posto sbagliato al momento sbagliato. Insomma, forse Ferraro le vacanze doveva prendersele durante la settimana della moda, nei giorni in cui la città sembra letteralmente impazzire. Mai come questa volta però, dopo il clamoroso omicidio di una top model durante una delle sfilate più attese e la conseguente ricaduta mediatica. Bisogna scoprire assolutamente chi è l’assassino, ne va della reputazione e della sicurezza nazionale. Il caso non dovrebbe essere affidato a Ferraro ma nel mondo della moda c’è chi lo conosce bene: Luisa Donnaciva. Sarà lei a obbligarlo a indagare sull’omicidio, con esiti e svolte sorprendenti. Intorno all’ispettore, e al rarefatto ambiente in cui indaga, c’è un altro mondo che si agita, lottando per sopravvivere: ci sono Mimmo e i suoi rapporti conflittuali con la nuova malavita del quartiere; c’è il Baffo che vuole tornare a casa perché sente che la sua esistenza è ormai al termine; c’è Aisha, una bambina in fuga da una guerra al di là del Mediterraneo. E c’è la scrittura di Biondillo, che ride, piange e si emoziona assieme ai suoi personaggi.

Non male, da leggere: mio gradimento ***/**** (da tre a quattro stelline) con il fiero proposito di ritornare presto su questo scrittore.

(*) Gianni Biondillo (Milano, 3 febbraio 1966) è uno scrittore e architetto italiano. Autore di romanzi, testi per il cinema e la televisione, articoli di tema artistico, letterario e politico, saggi su Pasolini e Proust. Compongono la serie dedicata all’ispettore Ferraro: Per cosa si uccide (segnalato dalla giuria del Premio del Giovedì “Marisa Rusconi”), Con la morte nel cuore (vincitore del Premio Franco Fedeli), Il giovane sbirro (finalista Premio Scerbanenco), I materiali del killer ( vincitore del Premio Scerbanenco 2011), Cronaca di un suicidio e Nelle mani di Dio, tutti editi da Guanda tra il 2004 e il 2014. (fonte: Wikipedia)

-.-

Memo: nella categoria Libri :

– I miei precedenti post
– La tabella di riepilogo.
– Le mie cinque stelline

Questa voce è stata pubblicata in Libri letti, Uncategorized e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a [Libri]“L’incanto delle sirene” di Gianni Biondillo – Guanda 2015, 328 p.

  1. Elena ha detto:

    Anche io non ho letto nulla fino ad ora, ma ora da vari fronti mi viene il suggerrimento di questa lettura….segno del destino? Lo dovrò leggere !

  2. mariella1953 ha detto:

    ho diversi libri suoi ma non mi sono mai decisa a leggerlo o forse ho provato e rimesso li!
    proverò a iniziare dal primo,se ne vuoi….chiedi!!!!!!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...