[Libri] “Lo strano caso dell’apprendista libraia” di Deborah Meyler – Garzanti (2014)

Beh, ogni tanto un piccolo tuffo nel mondo dei romanzi rosa non ci sta niente male, soprattutto se sono scritti con arguzia e simpatia, come “Lo strano caso dell’apprendista libraia”, romanzo d’esordio, di Deborah Meyler, scrittrice inglese nata a Manchester ora trasferita a New York, dove ha aperto, con successo nonostante la crisi, due librerie indipendenti.

Lei, l’apprendista libraia, è Esme Garland. Ventitrè anni, inglese, vive a New York perché vincitrice di una borsa di studio presso la Columbia University per un dottorato in storia dell’Arte su Wayne Thiebaud.

La libreria è La Civetta. Un piccolo locale pieno di magia , nell’Upper West, dove, tra pile di polverosi libri e l’inconfondibile odore dei libri usati, si incontrano curiosi personaggi come il proprietario , George, che crede ancora che le parole possano cambiare il mondo, o Luke, timido e taciturno commesso, che comunica con lei con le note della sua chitarra. Non mancano i clienti squattrinati, le sagge vecchiette, gli accattoni e mlti altri ancora.

Sullo sfondo c’è New York, con tutto il fascino della sua gente, dei suoi grattacieli, delle sue strade, del suo metro e dei suoi parchi.

E poi c’è lui. Mitchell van Leuven, bello, ricco, affascinante trentenne in carriera con gli occhi blu, ma terribile sciupafemmine.

Di Mitchell, Esme si innamora a prima vista “Mi sono sentita senza fiato – confessa – spaventata e pronta a fare qualsiasi cosa gli fosse saltato in mente di chiedermi. Non ne avevo idea, ma si vede che ero come la polvere da sparo, nera e secca. Lui mi ha acceso, e io sono esplosa”.

Ma ahimè, per “quella sola volta senza protezione”, la povera Esme è rimasta incinta. Mitchell le chiede di abortire e al, suo rifiuto, l’abbandona.

Ed è allora, mentre le sta crollando il mondo addosso, che sulla vetrina de La Civetta, Esme vede appeso un cartello: ‘cercasi libraia’ e ……

E il seguito non ve lo racconto per non togliervi il piacere di scoprirlo nelle pagine del libro.

Non una storia trascendentale, non una pietra miliare della letteratura, ma un racconto scritto con spirito e garbo, che si legge con piacere senza farsi venire troppi mal di testa.

Non per nulla “Lo strano caso dell’apprendista libraia” ha riscosso un notevole successo nel Stati Uniti e nel Dicembre 2013 è stato proclamato il romanzo dell’anno per i librai indipendenti americani. Da noi, attualmente, è nelle prime venti posizioni delle vendite settimanali.

Mio gradimento ***/****

-.-

Memo: nella categoria Libri :
– I miei precedenti post
– La tabella di riepilogo.
– Le mie cinque stelline

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Libri letti e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a [Libri] “Lo strano caso dell’apprendista libraia” di Deborah Meyler – Garzanti (2014)

  1. Monique ha detto:

    L’ho appena preso, proprio pensando ad una pausa ristoratrice e lieta 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...